1464682_752999578073836_6240606407117680035_n

Se ne è andato, prematuramente, anche il Giovane Fratello Salvatore Lo Casto, di Misilmeri (Turiddu ‘u Maltisi). Per noi tutti è stato, nella sua povertà combattente -(a volte perfino “provocatoria”, francescana e disarmante)- un riferimento morale in ordine alla grande coerenza che ha manifestato -giorno dopo giorno- anche quando le sue condizioni fisiche, negli ultimi anni, lo hanno provato tanto da costringerlo a respirare attraverso dei tubicini collegati a bombole di ossigeno che teneva sempre con sè , ma che non gli impedivano di presidiare tantissime attività volte a denunciare il vilipendio che a tutt’ oggi subisce il Popolo Siciliano.
La mancanza di lavoro, in questa Terra che non manca di nulla ma che soffre di malgoverno, non ha consentito a Salvatore di autosostenersi, per cui fu costretto a trasferirsi nella vicina Calabria dove trovò un umile lavoro nei campi. “Abbastanza vicino da poter tornare a casa più facilmente…”.
La sua salute fu compromessa da una qualità della vita al di sotto della media del VIVERE CIVILE.
Non vogliamo dire altro. C’è da FARE ben Altro!.
“…ore 2 ci ha lasciati il  29/04/2014 ma vive in noi” .

ASSABBINIRICA, FRATUZZU! UN ATTIVISTA COERENTE, PER LA LIBERAZIONE SOCIALE DEL POPOLO SICILIANO, PIU’ “PAZZO” DI NOI.
RIPOSA IN PACE TURI MALTISI, CI HAI INSEGNATO UN PAIO DI COSE IMPORTANTI. PREGA PER NOI, NE ABBIAMO BISOGNO!.-

@TERRAELIBERAZIONE

Annunci