Stamattina, in tv, su “La 7”, all’Ariachetira, ottima conduzione, si è videoparlato anche di una scuola catanese di Nesima dalle precarie e raffazzonate fondazioni in cemento disarmato. Non è l’unica.

Intervistato -da un inviato- l’ing.assessore Bosco, che stimo, il quale ha anche rilevato la questione del “ciclo del cemento” negli anni del “sacco di Catania”…

Torneremo sull’argomento, non sarebbe una novità.

La cosa che mi ha colpito è un’altra.

Mentre l’ing. ass. Bosco, sudante e pregante, chiedeva “aiuto a Renzi”, l’on. Bonafè (PD) gli replicava che “non si dovrebbero costruire scuole alle pendici di un vulcano!”.

Brava Bonafè, forse Catania non dovrebbe manco esistere!

Una Lezione di Storia e Geografia, all’on. Bonafè, la regalo volentieri.

Anche a Bruxelles.

Quanto al PD…: tutto passa, come il cemento disarmato. Con o senza colata lavica.

Mario Di Mauro-Fondatore di “Terra e LiberAzione”

http://www.terraeliberazione.wordpress.com

Annunci