LUOGHI COMUNI (CHE NON RISPARMIANO NESSUNO).
L’ULTIMA E’: MA COME, STI PROFUGHI SPENDONO 3.500 DOLLARI PER VENIRE IN EUROPA? E CHI GLIELI DA?. I TAQFIRITI ISLAMISTI (CHE VIAGGIANO SULLA LORO ALITALIA)?.
LA DOMANDA –SPACCIATA DALLO SPETTACOLO IMPERIALISTA- SI DIFFONDE IN FORMA VIRALE…E’ UNA DOMANDA PREFABBRICATA DAL LABORATORIO DEI MANIPOLATORI PROFESSIONALI DELL’OPINIONE PUBBLICA “OCCIDENTALE”, IGNARA DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA POLITICA, IGNARA DEL MONDO, E CONVINTA PURE DI ESSERE LIBERA. (…)

QUANTO AI 3500 DOLLARI DEL COSTO DEL VIAGGIO DELLA SPERANZA, HO AMICI FUGGITI DALLA LIBIA CON UN MILIONE DI EURO IN ORO (RISPARMI PLURIDECENNALI DELLA FAMIGLIA MESSI AL SICURO PER I FIGLI E I NIPOTI: NON E’ NIENTE, PARLIAMO DI CLAN FAMILIARI DI 150 PERSONE)…E MI SI OSSERVA, INGENUAMENTE: “MA PERCHE’ VENGONO QUI, E NON VANNO IN QATAR!”. MINKIA! CHE BELLA DOMANDA! PERCHE’ IN QATAR I MIEI AMICI LIBICI SAREBBERO ARRESTATI, RAPINATI, TORTURATI, E DIMENTICATI “DALL’OCCIDENTE LIBERO E DEMOCRATICO” CHE, IN JOINT VENTURE COL QATAR, HA DISTRUTTO LA JAMAHIRYA LIBICA DI GHEDDAFI. CHIARO, NO?.
 
ANDIAMO AVANTI: POICHE’ NON ESISTONO GLI “EXTRACOMUNITARI” COME “CATEGORIA UMANA”, SE NON NELLA MENTE MALATA DELL’OPINIONE PUBBLICA N/EUROPEA -A CONTI FATTI SI TRATTA DI 6 MILIARDI DI PERSONE, A FRONTE DI 5OOMILIONI DI N’EUROPEI DROGATI DALLE LORO TELEVISIONI E BUONI SOLO A FARSI FOTTERE DALLE MASSOMAFIE DI “BRUXELLES”.
 
C’E’ IL MONDO, NEL MONDO.
PER ESEMPIO: UNA FAMIGLIA SENEGALESE O SIRIANA NON E’ COME FORSE LA SI IMMAGINA IN QUESTO CUORE DI TENEBRA E IGNORANZA IN CUI VIVIAMO DA FINTI PRIVILEGIATI: SONO FAMIGLIE COME LE NOSTRE, SICILIANE, MAGARI CON QUALCHE PICCOLO RISPARMIO IN MENO…MA IL CLAN FAMILIARE NON SI E’ ANCORA FRACASSATO, COME DA NOI, CHE TUTTI RUBANO A TUTTI…DI SOLITO METTONO IN SALVO UN FIGLIO O DUE, COI RISPARMI DI TUTTO IL CLAN, UN FIGLIO CHE POTREBBE INVECE TRANQUILLAMENTE VENIRE IN EUROPA IN AEREO -COME NOI ANDIAMO VERGOGNOSAMENTE DOVE CI PARE- A STUDIARE, PER TURISMO, PER VEDERE, PER LAVORARE, PER FOTTERE…3.500 EURO SONO COME 10.000 EURO PER NOI: NIENTE DI CHE…NON CI FAI UN CAZZO, TI COMPRI UNA VOLKSWAGEN USATA E TRUCCATA (DALLA DITTA)…
NON PENSATE AI BAMBINI CON LA PANCIA SCASCIATA E LE MOSCHE ADDOSSO…QUELLA E’ UN’ALTRA AFRICA. DA LI NON FUGGE NESSUNO. MUOIONO PRIMA. SCUSATE LA BRUTALITA’. PER RIFLETTERE, INSIEME.
IN OGNI CASO NON C’E’ NESSUNA “INVASIONE”, E SE C’E’ UN TOUR OPERATOR “DIETRO L’INVASIONE”, SI CHIAMA IMPERIALISMO DEMOCRATICO EUROAMERICANO-ISLAMOFASCISTA QATARIOTA-SAUDITA&C.-NEOTTOMANO TURCO…UNA “SANTA ALLEANZA” DI FALLITI…
CHI LO CAPISCE HA UNA SUA INDIPENDENZA CULTURALE E POLITICA. CHI NON LO CAPISCE E’ COMPLICE MORALE DI UN ORRORE SENZA FINE.
 
@MARIO DI MAURO-FONDATORE DI “TERRA E LIBERAZIONE”/MILITANTE SICILIANO PER L’INTERNAZIONALE SPARTACHISTA.
 
 
NOTIZIE DAL FRONTE
 
“LA SICILIA NON SOFFRE PER I SUOI “TROPPI” IMMIGRATI, MA PER I SUOI TROPPI EMIGRATI”. (TERRA E LIBERAZIONE)
 

LA POPOLAZIONE SICILIANA “ANNASPA” INTORNO AI 5 MILIONI DI RESIDENTI. La componente immigrata extra-UE non raggiunge le 100.000 unità, pari al 2% della popolazione, ed è formata per un terzo da comunità storiche, come quelle tunisina e marocchina, che vanno considerate siciliane a tutti gli effetti. La componente europea (UE) più grande è quella rumena (51.000) seguita da quella polacca (5000), e comprende anche 1300 bulgari e 1600 tedeschi. In Sicilia sono residenti anche 1200 europei russi e appena 7.640 cinesi, meno che in un quartiere di Milano o Amburgo. Troppo pochi.

“GLI IMMIGRATI SALVANO ANCHE IL PICCOLO COMMERCIO POPOLARE”. L’ultimo rapporto “Territorio” (Settembre 2015) di Confartigianato-Sicilia rileva che su 76.581 imprese iscritte nel registro delle Camere di Commercio ben 27.238 sono di immigrati: oltre alle piccole botteghe etniche, all’ambulantato regolare e agli ottimi  store cinesi, si coglie anche l’emergere di mestieri a rischio estinzione come il falegname e il “riparatore”. L’iscr. alla Camera di Commercio è anche un buon viatico per facilitare l’inserimento sociale, molto usato dai ghanesi e dai senegalesi. Il dato 2015 segna anche un boom (+5000) rispetto a quello dello scorso anno. Circa metà delle imprese sono nelle città metropolitane di Palermo e Catania, e servono provvidenzialmente tante famiglie (siciliane e non) in difficoltà. Tutti i commentatori avveduti sottolineano un dato: gli immigrati hanno più voglia e forza di lavorare, e meritano rispetto e gratitudine.

LA “FABBRICA DI FIGLI” DIVENTA UN’ISOLA DI VECCHI, SEMPRE PIU’ POVERI. In soli 12 anni=mezza Generazione, l’indice di vecchiaia è cresciuto in % di 32 punti!. La progressione, sulla base dei dati disaggregati che abbiamo studiato, è rallentata SOLO dalla resistenza delle comunità immigrate, specie quelle del tutto integrate, mentre sostanzialmente la sola metropoli catanese sta reggendo (e non solo sul piano demografico). Troppo poco. La tendenza all’invecchiamento è inarrestabile. Un’Isola di Vecchi…Siamo al “modello giapponese”, senza la Toyota, al massimo ci potremo permettere una Yakuza!. La “Fabbrica di Figli” produceva per l’Export in Padania, Belgio, Germania… A breve, esaurito l’attuale ciclo di emigrazione, l’offerta siciliana “di massa” andrà fuorimercato!.

ISTAT-SICILIA/Indice di vecchiaia (valori percentuali) – al 1° gennaio 2002-2013

99,2 101,7 104,4 107,7 111,2 114 134,2 137,6 116,6 118,8 120,7 123,1 127 131

Annunci