damasco chiosco

A Palermo una splendida mostra fotografica “vintage” della giornalista palermitana Tiziana Gulotta, che ha realizzato il reportage durante il suo lungo soggiorno in Siria tra il 1994 e il 1999, prima del conflitto e prima dell’Isis: “Il mio intento è quello di raccontare un Paese dove sono stata bene e che oggi non c’è più”. La Siria che non c’è più, la sua bellezza, la sua quotidianità, i volti sereni della sua gente prima che venisse stravolta dalla guerra e dall’Isis. 27 scatti vintage della giornalista palermitana Tiziana Gulotta che ne ha scattate più di cento durante il suo lungo soggiorno nel Paese mediorientale  tra il 1994 e il 1999. Sono esposte nello spazio polifunzionale Moltivolti (aperto dopo le 17) del popolare quartiere di Ballarò di Palermo, fino al 17 Gennaio, sono state selezionate da Erminia Scaglia, storica della fotografia. 

(Antonella Sferrazza-La Voce di New York) 

SIMBOLO M33 27 FOTO MAGNIFICHE E A NOI SICILIANI MOLTO FAMILIARI; MA SI COLMANO DI TRISTEZZA INFINITA SE VISTE CON GLI OCCHI DELLA TRAGEDIA SCATENATA SULLA SIRIA DALL’IMPERIALISMO EURO-AMERIKANO E DAI SUOI SOCI SAUDITI, TURCHI, QATARIOTI…Ma Damasco R/Esiste. Damasco c’è. Damasco risorgerà. Damasco è sopravvissuta a tutto. Nessuno lo dice, ma le scuole sono aperte, la popolazione è armata, fanno Miracoli!. Da 4 anni!.

@TERRAELIBERAZIONE

damasco 2

Annunci