TUTTI CONTRO L’OLIO TUNISINO!- ANCHE GENTE CHE UN ALBERO DI ULIVO NON LO HA MAI TOCCATO CON UN DITO E NON DISTINGUE UN OLIO DI OLIVA E.V. DI COLLINA SICILIANA– DALL’OLIO DEL MOTORINO!.

DA BRUXELLES CONTINUANO A DIVIDERE I POPOLI MEDITERRANEI, A SPARARE ALTRO FUMO NELLE NEBBIE DEL RAZZISMO, AD APRIRE LA VIA AI NUOVI FASCISMI. LA STORIA DELLA SICILIA E DELLA TUNISIA SCORRONO INSIEME DA MILLENNI…SOLO POTENZE IMPERIALISTE NORDICHE -COME QUELLA ATTUALE- CI HANNO DIVISI.

DALLA TRAGEDIA ALLA FARSA: L’ATTUALE “GUERRA DELL’OLIO” (IN REALTA’ E’ UNA GOCCIA D’OLIO NEL MERCATO EUROPEO) E’ UN DIVERSIVO PER SPREMERE TUTTI. SICILIANI E TUNISINI IN PRIMIS.

TUNISINI CHE PERALTRO NON CONTANO NULLA, IN QUESTA VICENDA.- IL LAVORATORE TUNISINO E’ SPREMUTO DUE VOLTE: DAL PADRONE (SPESSO STRANIERO) E DAL MERCATO AGEVOLATO NEI DAZI A FAVORE DEGLI IMPORTATORI (E MISCELATORI) NOSTRANI. ANCHE SICILIANI.

VERO E’ CHE MILIONI DI SICILIANI POVERI L’OLIO DOC NOSTRANO A 16 EURO AL LITRO NEANCHE SE LO SOGNANO…E COMPRANO QUELLO MISCELATO, ANCHE TUNISINO, PERCHE’ COSTA MOLTO MENO. E MAGARI ANCHE I POVERI DELLA SICILIA ITALIANA E N/EUROPEA IMPRECHERANNO, DAVANTI ALLA TV, CONTRO I TUNISINI E CORRERANNO APPRESSO AI NUOVI FASCISMI IN ASCESA.

BASTA STUDIARE I DATI DEL CONSUMO MONDIALE E LA STRUTTURA DEL MERCATO, E FARE INCHIESTA, ANCHE IN TUNISIA, COME NOI…PER CAPIRE LA REALTA’. CHE E’ ANCHE LA REALTA’ DI UNA AGRICOLTURA SICILIANA VECCHIA, ASSISTITA, UNA IDROVORA DI ACQUE DOLCI E DI FONDI PUBBLICI, DISORGANIZZATA, PRIVA DI FILIERE E DI RETI COMMERCIALI. SENZA TESTA, COME L’INTERO SISTEMA-SICILIA. ORA, DA BRUXELLES, IN VERITA’, STA ARRIVANDO SOLO IL “COLPO FINALE”.

SI COMPRERANNO LE NOSTRE TERRE PREGIATE E I GIOIELLI DEL NOSTRO DEMANIO MARITTIMO…PER QUATTRO SOLDI. IN LUSSEMBURGO STANNO SCALDANDO I MOTORI…ANCHE LE DUE DILIGENZE SONO ATTIVATE.

O CAPITE QUESTO, OPPURE TENETEVI SALVINI, CHE HA RAGIONE QUANDO DICE: “MA CHE DEVO VENIRE IO DA MILANO…?”- POI SBAGLIA IL RESTO.

E TENETEVI ANCHE L’INSULARITA’ HANDICAPPATA CHE BRUXELLES CI “CONCEDE”: LA SICILIA -CHE E’ AL CENTRO DI UN MONDO- SAREBBE ANCHE HANDICAPPATA PERCHE’…INTORNO HA IL MARE…SI PUO’ DIRE MARE? O CI VUOLE IL GEODOP DI BRUXELLES?. DEMENTI!. CHIEDIAMO IL DOP PER POTER DIRE CHE UN ULIVO PRODUCE OLIO E CHE L’OLIO SI CHIAMA OLIO?.

QUANTO ALL’AGRICOLTURA SICILIANA SI E’ SUICIDATA: AVEVA “100 ANNI DI VANTAGGIO”…NON SANNO PRODURRE E SOPRATUTTO NON SANNO VENDERE: SI SCANNANO TRA DI LORO, NON STUDIANO, NON ALZANO UNO SGUARDO SUL MONDO, SONO AFFILIATI A ORG. DI CATEGORIA CHE FANNO TUTTO TRANNE QUELLO CHE DOVREBBERO FARE…BUROCRAZIE PARASSITARIE, COLONIALI, POSTIFICI PER PARENTI.

U SICILIANU NOVU NON FA GUERRE CONTRO LE AGRICOLTURE DEL MONDO…MA CONTRO IL NEMICO CHE E’ A CASA NOSTRA. PD E IMPORTATORI INCLUSI. -E CAMMINA IN SOLIDARIETA’ COI LAVORATORI TUNISINI: FREGATI DUE VOLTE.

U SICILIANU NOVU E’ INTERNAZIONALISTA. E SOLO IN QUANTO TALE PUO’ CAMMINARE ADDHITTA VERSO LA SUA INDIPENDENZA, NEL MONDO DEL SECOLO XXI.

ALTRO CHE OLIO TUNISINO…
L’IMPERIALISMO N/EUROPEO E’ SFRUTTAMENTO E RAZZISMO.
FUORI DALL’INTERNAZIONALISMO SOCIALE NON C’E’ FUTURO.
CI FANNO A PEZZI. TUTTI. SICILIANI, ITALIANI, GRECI. E TUNISINI!.

TERRAELIBERAZIONE

GLI INDIPENDENTISTI DI TERRAELIBERAZIONE SIAMO CONTRO LE LAMENTAZIONI “SICILIANISTICHE”, RAZZISTE E STRACCIONE, CHE NON VEDONO A UN PALMO DAL NASO…PRIGIONIERI DELLO SPETTACOLO COLONIALE E DELLA SUA GEOGRAFIA. PRIVI DI SENSO CRITICO VERSO LA SOCIETA’ SICILIANA, DESCRITTA COME VITTIMA ANCHE QUANDO NON LO E’, SE NON IN PARTE. ED E’ IL CASO DI UN “MONDO AGRICOLO” CHE SI E’ SUICIDATO…IL NEMICO E’ A CASA NOSTRA. E NON E’ DENTRO QUALCHE SILOS DI OLIO TUNISINO, PRODOTTO A MONASTIR DA IMPRENDITORI SICILIANI, IMPORTATO IN SICILIA DA UNA SRL SICILIANA, IMBOTTIGLIATO IN SICILIA DA UNA IMPRESA SICILIANA, CONSUMATO, A BASSO COSTO, DA MILION DI SICILIANI POVERI CHE L’OLIO DI BUCCHERI A 18 EURO AL LITRO NEANCHE LO CONOSCONO…LA SICILIA E’ UN PROTETTORATO COLONIALE DI BRUXELLES. SE FOSSE INDIPENDENTE LA TUNISIA SAREBBE NOSTRA ALLEATA NEL CARTELLO MONDIALE DELL’OLIO MEDITERRANEO…OGGI E’ INVECE SFRUTTATA DUE VOLTE…ANCHE ATTRAVERSO I “DAZI DOGANALI” CHE “SOSTENGONO” …LO SFRUTTAMENTO DEI LAVORATORI TUNISINI…SIAMO PIU’ VICINI AI SINDACATI TUNISINI CHE NON AL CIRCO DELLE LAMENTAZIONI SICILIANISTICHE, CHE BEN POCO SANNO DI CAMPAGNE E DI MERCATI…QUI CI STUDIAMO LA BORSA DI CHICAGO…CHE, COL TTIP, SARA’ LA VERA CAPITALE DELL’AGRO-BUSINESS EUROPEO!. UN INCUBO CHE AVANZA…ALTRO CHE “OLIO TUNISINO”!. QUANTE FARINE SICILIANE DA GRANI ANTICHI CI SONO NELLE MERENDINE CHE MANGIANO I NOSTRI FIGLI? E CHE PANE STIAMO MANGIANDO?. E CHE PASTA? E CHE PIZZA?. E CHE FARMACI?. @TERRAELIBERAZIONE.

Annunci