Terra e Liberazione Niscemi2 001

A Catania

VENERDI’ 24 GIUGNO – SOLSTIZIO D’ESTATE

H 18- al Caffè della Corte (via Firenze 88-Tribunale)

Cuncumiu di TerraeLiberAzione

TEMA CENTRALE:

“Una FORZA d’URTO in Difesa dell’Aeroporto di Catania-FONTANAROSSA”

L’AEROPORTO DI CATANIA-FONTANAROSSA E’ DEL POPOLO SICILIANO. E’ LA CHIAVE DEL CIELO SICILIANO E DELLA FUTURA INDUSTRIA DEL TURISMO. IL CIELO SICILIANO NON SI VENDE!.

NO ALLA “QUOTAZIONE IN BORSA”! – NO A QUALUNQUE “ASTA PUBBLICA”!.

UNA FONDAZIONE PUBBLICA –A PROPRIETA’ DIFFUSA- PUO’ GESTIRE BENE “FONTANAROSSA”. Ci serve un “Marchionne” non un Fondo Globale che ne farebbe un piccolo asset che si perderà nelle Tempeste del Grande Gioco Globale dell’Affare del Secolo: il VOLO AEREO A COSTO d’AUTOBUS!.

Questa S.A.C. è finita comunque: devastata nella demenza e nel provincialismo di chi gioca a CAM COM con le carte truccate: “stamu avvulannu!”. Il Mondo è un’altra cosa!.

La stessa S.A.C. –nell’urgenza- può essere salvata e bonificata- rispettando il discutibile VINCOLO DI RICAPITALIZZAZIONE anche con l’emissione di TITOLI OBBLIGAZIONARI REGIONALI: IL SOTTOSTANTE E’ SOVRASTANTE!. La Regione potrebbe ancora farlo –e l’E.N.A.C. lasciar fare- anche nella logica dell’Art.41 (senza bis) del defunto Statuto di Autonomia vigilata del 1946.

30 marzo 2016

E’ pazzesco che nell’Isola del Tesoro –un BANKOMAT MILIARDARIO di una FLOTTA CORSARA dell’Imperialismo NORDICO sospinta anche dal VENTO dei suoi profitti elettrici e rinnovabili- si stia svendendo il Cielo per un piatto di lenticchie: “i dividendi” futuri degli attuali “soci pubblici”: NON RAPPRESENTANO NESSUNO! Li sfidiamo a farci vedere i loro 300.000 iscritti!. L’esercito dei TROLL!. LE NOSTRE DENUNCE STANNO CONTRIBUENDO A FARE CHIAREZZA. La MAGISTRATURA catanese sta lavorando come può: che la palude sia avvolta nelle nebbie lo sappiamo bene. Fate presto, che qui affoga anche l’Avvenire!.

“Una FORZA d’URTO per difendere -con l’Aeroporto di Catania-FONTANAROSSA- la prospettiva concreta di una SOVRANITA’ SICILIANA nel Mondo del Secolo XXI. IL CIELO SICILIANO E’ UNA LEVA STRATEGICA: PUO’ VALERE, NEL TEMPO, 80 MILIARDI DI EURO ALL’ANNO. UN ALTRO PIL!.

Nell’ISOLA senza CIELO rivendichiamo la SOVRANITA’ sullo SPAZIO AEREO SICILIANO.

Note di Sintesi e Orientamento

(Esecutivo Centrale di “TerraeLiberAzione”)

Il “Partito dell’Ordine” dell’Antimaf confindustriale affonda nelle paludi mercenarie del suo “traffico di influenze” –dalle CAM COM all’Hotel Bernini a due passi dal Quirinale. Ci mancava però il “contrabbando” di petrolio, monnezza e rottami, nelle nebbie del Porto di Augusta – al centro del corridoio mediterraneo- nel suo più cruciale hub energetico-militare nello SPETTACOLO COLONIALE dei vel-ENI e della NATO. Nelle sue nebbie -che coprono “11 piani di veleni micidiali che il mare sta cercando di sigillare”- si svolge la tragicomica sciarada finale del Partito dell’Ordine dell’Antimaf coloniale.

La sua parabola ventennale è metafora perfetta di una borghesia coloniale che non produce niente che possa interessare al Mondo: non hanno colpe speciali, è solo un prodotto inevitabile dell’Ascensore sociale della SiciliAfrica risorgimentata: non è il primo né sarà l’ultimo. Un altro ciclo si chiude –comunque vadano inchieste e processi- nelle nebbie colorate e nelle paludi mercenarie dello SPETTACOLO COLONIALE: il ciclo del “Partito dell’Ordine” dell’Antimaf confindustriale.

Non sono stati i peggiori, né saranno migliori i loro successori: il “Partito dei Fondi Europei”, un bluff di 7 miliardi spalmati in 7 anni- meno della sola IRPEF che paghiamo ogni anno a ROMAfia Capitale e alla sua Regione parassita.

Il PD fornisce maschere e protezioni romane, al nuovo network in formazione: una “gioiosa macchina da guerra” è in arrivo; nelle sue nebbie colorate si aprono porte e portoni alla nuova fase del saccheggio dell’Isola del Tesoro, un bankomat miliardario dell’Imperialismo NORDICO.

E’ una nuova fase della lunga guerra inconscia dei mercenari tricolorati e n/europei contro l’annichilita Civiltà Siciliana, nella “Regione più povera, periferica e svinturateddha d’Europa” che possiede in natura il Terramare e lo Spazio Aereo più cruciali del Pianeta ed è stata per la terza volta in un secolo dissanguata dalla C.E.M.-COERCIVE ENGINEERED MIGRATIONS. 800.000 GIOVANI SICILIANI COSTRETTI AD EMIGRARE. La GENERAZIONE PERDUTA con cui viene delocalizzata anche la FABBRICA DEI FIGLI. Ci lasciano un metabolismo sociale devastato e anemico, le culle vuote dell’inverno demografico, 923.000 case sfitte, il “crollo dei consumi” nell’Isola dei Vecchi e dei Poveri. Non è una “maledizione biblica”, ma una pianificata e sofisticata SELEZIONE GENETICA AL CONTRARIO.

E’ un DEMOCIDIO sofisticato e occultato nelle nebbie più fitte delle pseudo-scienze statistiche e sociali. Il mondo accademico siciliano –che si riproduce da 150 anni come Forza Mentale della BORGHESIA COLONIALE- è il principale NEMICO A CASA NOSTRA!. Peggio della Mafia S.p.A. –società di servizi dell’Imperialismo NORDICO e delle sue “GLADIO”: ma almeno lavora!.

Il REALISMO DIALETTICO li VEDE e PREVEDE nella Scienza. Ma solo una FORZA d’URTO –“minoranza organizzata nella Scienza”-può CAMBIARE la REALTA’ con l’AZIONE INTELLIGENTE. Combattiamo i pusher delle illusioni democratiche e dei deliri lottarmatisti. Non ci interessano. Veniamo da lontano e guardiamo lontano. Ma radicati nel Presente. Il “CHE FARE” è sempre Qui e Ora. Ed ha le sue priorità: di STUDIO e AZIONE. Ogni santo giorno.

Il PARTITO ANTIMAF-CONFINDUSTRIA e il colorato CIRCO DELLE CAM COM si configurano come stupefacente proiezione istituzionale di una BORGHESIA COLONIALE, PARASSITARIA E MERCENARIA, la quale NON PRODUCE NULLA che possa interessare al Mondo. NDP-Niente di Personale: è una forza sintetica e devastante selezionata e sintetizzata in 150 anni sull’Ascensore sociale di questa SiciliAfrica italiana. Forse neanche se ne rendono conto.

Da un paio di anni, due cordate contrapposte, tra Catania e Siracusa, si combattono nelle nebbie e nelle paludi provinciali e truffaldine- in vista della PRIVATIZZAZIONE di S.A.C.- Società Aeroporto Catania-Fontanarossa. E’ una Battaglia dell’Aria che si combatte nelle nebbie coloniali delle CamCom e nei traffici di influenze e contrabbando di petrolio, monnezza e rottami, in cui sta sprofondando il Partito dell’Ordine Antimaf in versione confindustriale, oltre ogni più nera previsione.

Nessuno di loro possiede compagnie aeree, né grandi catene alberghiere, né produce nulla che possa veramente interessare al Mondo: trafficano influenze e posizioni sull’Ascensore sociale risorgimentato che oggi ci vuole obbedienti –anche in Cielo- al mantra religioso del liberismo truffaldino quanto ieri ci voleva servi dello statalismo lottizzatore di ROMAfia Capitale e della sua “compagnia di bandiera” –oggi araba taqfirita- che ci ha dissanguati per 50 anni. Non si pongono domande autentiche e forse ne ignorano del tutto l’esistenza.

La BORGHESIA SICILIANA –non producendo nulla che possa interessare al Mondo- traffica influenze, più o meno di contrabbando, anche nella Battaglia dell’Aria che vede già il nostro Cielo popolato di droni, compagnie straniere e santi che non funzionano. LA BATTAGLIA IN CORSO PER LA PRIVATIZZAZIONE DELLA SAC-FONTANAROSSA DECIDERA’ IL FUTURO DEL VOLO CIVILE E DELL’INDUSTRIA TURISTICA NEI CIELI SICILIANI PER ALMENO 40 ANNI. “La Sicilia potrebbe vivere di agricoltura e di turismo”- Quando lo dicono ci appaiono perfino inquietanti.

Al Tempo del MUOS e del “protettorato coloniale” di Bruxelles –nello spaccio di spot e fondi n/europei che non sposteranno il PIL di un solo punto- ci resta solo –nella recita Maf.&Antimaf- “una borghesia mercenaria inutile e nociva… che non arriva più a strappare concessioni spettacolari” (F. Fanon,“Disavventure della coscienza nazionale”). HILLARY CLINTON FU CHIARA A PEKINO: IN SICILY NIENTE HUB GLOBALE SULLA VIA DELLA SETA. QUI CI REGALANO IL MUOStro. NE HANNO IL DIRITTO. ROMAfia LO DECISE, COLONIA SIAMO. UNA FRASE E AMEN. QUESTO SI CHE E’ POTERE!.

L’Arcipelago dei Siciliani –Civiltà millenaria ammucciata e mascariata perfino al British Museum!- sprofonda nella palude coloniale, senza alcuna seria riflessione sul nostro Avvenire. Siamo sgovernati da una “classe dirigente” subalterna e ignorante, disamorata e mercenaria– in cui il ceto politico occupa ormai una parte secondaria e irrilevante, non meno di un mondo accademico e massmediale, complice del crollo mentale di vasti settori sociali del tutto ostaggi dell’ipnosi televisiva che inscena una Realtà inesistente in cui i mali siciliani sarebbero colpa di contadini tunisini e operai cinesi, in attesa di Russi e Marziani .

L’Europacelochiede, in attesa del “decisivo referendum” che a ottobre ci costringerà a bruciare i nostri certificati elettorali a Catania-Fontanarossa. Sono Faide di Palazzo –episodi drammatizzati ma del tutto secondari nella crisi di centralizzazione delle sovranità che caratterizza l’attuale fase del “ciclo europeo”.

La Questione dello Stato-Nazione vestfaliano al tempo della sua CRISI di FUNZIONE STORICA,  l’affrontiamo –dal 1985 e certo non nel “dibattito siciliano”- su piani più sofisticati, anche attingendo alla impressionante Storia della Civiltà Siciliana, che l’Accademia cattomassonica ha invece consegnato al British Museum svuotata e sbiancata: “Sicily conquest”, la Civiltà senza Popolo!. Un caso unico nella Storia dell’Umanità!. E Tutti MUTI, ORBI, SURDI: e forse lo sono ormai diventati per davvero.

La LEGGITTIMA DIFESA della Vita e della Dignità Umana in Sicilia necessita la costituzione di una autonoma, tranquilla e radicata FORZA d’URTO -organizzata nella Scienza del REALISMO DIALETTICO- per una metodica DIFESA della CIVILTA’ SICILIANA nel Secolo XXI, alzando uno sguardo cosciente, critico e solidale, sulle cose della Vita e del Mondo.

Solo questa FORZA d’URTO può riaggregare dal basso migliaia di SOLITUDINI e trasformarle in ENERGIA culturale e LAVORO produttivo. U SICILIANU NOVU cammina ADDHITTA, semina CONOSCENZA, coltiva BELLEZZA.

FORZA d’URTO pacifica, ma non pacifista. Il Popolo Siciliano è accecato e legato –mani e piedi- al totem dello Spettacolo coloniale che dal 1860 ne ha deciso l’eliminazione geopolitica dalla Storia Umana. Neanche l’Uganda è ridotta in queste condizioni di alienazione coloniale e demenza politica.

Siamo impegnati –e lo saremo ancora- su diversi temi. Ma chiamiamo alla riflessione strategica e all’Azione pratica immediata sulla GRANDE MADRE di tutte le BATTAGLIE. LA Battaglia del Cielo. Sarà un banco di prova decisivo, al di la del suo stesso esito.

Nella CHIAREZZA, fermatevi subito!. L’AEROPORTO DI CATANIA-FONTANAROSSA E’ DEL POPOLO SICILIANO!. NON SI VENDE!. Una soluzione c’è. Ma solo una Forza d’Urto –e la BUONA VOLONTA’ di altri- possono proporla e imporla. E vale per tutto. Ne va della Salute fisica e spirituale. Cu c’è, c’è. Non serve confusione, c’è n’è già abbastanza.

“La Sicilia di domani sarà come noi la vogliamo: pacifica, ricca, felice, senza tiranni e senza sfruttatori”.

Antonio Canepa (La Sicilia ai Siciliani-Catania 1942). E’ nostro Programma.

@4/6/2016. Terra e Liberazione Niscemi2 001Io Leggo TerraeLiberAzione E Tu?

Annunci