Per i licenziamenti ad “Antenna Sicilia” -e la malinformazione che li accompagnò- sospesa Angela Ciancio (“la Padrona”) e sanzionata la giornalista Michela Giuffrida (oggi eurodep PD).

Il quotidiano CATANIA TODAY ci informa: “Il direttore-editore Angela Ciancio è stata sospesa dall’Ordine dei Giornalisti per sei mesi per il licenziamento dell’intera redazione. Sanzionata per censura Michela Giuffrida responsabile dei servizi giornalisti dell’emittente televisiva e attualmente in aspettativa parlamentare”.

In scenari più vasti, della serie “Le MANI sulla CITTA'”,  salutiamo come involontariamente provvidenziale una notizia che agli accalurati catanesi non farà nè caldo né tantomeno freddo. Certo, le DUE rampantissime, non si fermeranno, ma questa bacchettata sulle mani -maturata nella loro stessa corporazione tricolorata- non potevamo che registrarla positivamente.

Show must go one. Lo SPETTACOLO coloniale che inscena al momento il diluvio dei MILIARDI n-europei sull’Isola REMOTA, continuerà come e più di prima*. Allargheranno magari la platea giornalistica dei commensali. Li osserviamo con l’attenzione che meritano. Quanto basta a starne lontani.

L’Ordine dei Giornalisti è la più demenziale corporazione della SICILIA ITalienata. Ma stavolta ha visto bene. Avanti così: scannatevi!.

GESU NO T

@TERRAELIBERAZIONE-Comitato Metropolitano di Catania.

*FESR-PSR 2014-2020. 7 miliardi in 7 anni. Quanto la sola IRPEF che paghiamo in un anno a ROMAfia Capitale e alla sua Regione coloniale. Ma nessuno lo sa. Il giornalismo mercenario è e sarà pagato per NON DIRLO. L’EUROPAGLIELOELOCHIEDE.

Sei mesi di stop dall’attività professionale per Angela Ciancio, direttore-editore di Antenna Sicilia. A deciderlo l’ordine dei giornalisti Sicilia in seguito alla chiusura dei telegiornali della rete e al licenziamento dell’intera redazione giornalistica che viola l’articolo 2 della legge istitutiva dell’ordine nei punti in cui si richiamano il dovere di solidarietà tra colleghi e la necessità di promuovere il rapporto di fiducia tra stampa e lettori.

La giornalista aveva subito un simile provvedimento già con il licenziamento dei giornalisti di Telecolor. Il collegio di disciplina territoriale dinanzi al quale la Ciancio non si è presentata, ma ha inviato una memoria tramite il proprio avvocato, ha deciso anche di sanzionare per censura Michela Giuffrida responsabile dei servizi giornalisti dell’emittente televisiva e attualmente in aspettativa parlamentare. Il provvedimento è stato adottato a causa della partecipazione come ospite e poi come cronista-conduttrice, a una diretta sulla festa di Sant’Agata a Catania. Il nome della Giuffrida peraltro non rientra tra quelli dei giornalisti di Antenna Sicilia licenziati.

La triste vicenda dei giornalisti e dei tecnici di Antenna Sicilia licenziati, intanto, prosegue in tribunale. Da poco si è tenuta la seconda udienza del processo per comportamento antisindacale supportato dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Associazione Sicilia della Stampa nei confronti di Sige, la società editrice di Antenna Sicilia.

da CATANIA TODAY -dieci minuti fa. 

Annunci