corteu-palermu-2

corteu-palermu

A PALERMO-Magnifico corteo il 22 Settembre (promosso dal Centro sociale Ex-Carcere). TerraeLiberAzione presente anche con un documento diffuso in centinaia di copie. 

leggi > documento TERRAELIBERAZIONE-Palermo

Ringraziamo il quotidiano TimeSicilia per aver rilanciato il nostro documento su “LA COMUNE di PALERMO” del Settembre 1866.

***

Invitiamo aderenti e simpatizzanti palermitani (e chiunque può) a partecipare AL CORTEO CELEBRATIVO della RIVOLUZIONE SICILIANA del “Sette e Mezzo” (SETTEMBRE 1866) promosso dal “Centro Sociale Exkarcere” che si svolgerà A PALERMO-Giovedì 22 ore 17:30 ->Piazza Verdi – Teatro Massimo.

E’ il 150° della “COMUNE di PALERMO”, insorta contro la dominazione coloniale imposta dall’Italia risorgimentata e dalla sua aristoborghesia isolana tricolorata. E’ il nostro “PASSATO che NON PASSA”. Il comprenderlo è un PASSO PRATICO decisivo su un inedito Cammino di LiberAzione organizzato nella CoScienza-> nel Secolo XXI – questa “patria che abitiamo nel Tempo”. Oggi.

@TERRAELIBERAZIONE.

 

Corteu – Onuri ai picciotti dâ rivorta dû setti e menzu

A PALERMO-Giovedì 22 ore 17:30 ->Piazza Verdi – Teatro Massimo

U 16 Sittèmmiru dû 1866, precisamenti 150 anni fa, ci fu n’Palermu

“A rivorta dû setti e menzu”,

accussì chiamata picchì durò setti jorna e menzu.

Doppu sei anni di unità cu l’Italia, i siciliani avìanu caputu ca ‘u novu era peggiu dû vecchiu: di l’assolutismu borbonicu avìamu passatu a nova tirannia, na situazioni ideali pî ricchi e pî burgisi. ‘A rivolta dû setti e menzu fu un cummattimentu violentu tra chiddi ca vulìanu colonizzari la sicilia, e chiddi ca pinzàvanu ca s’avìanu liberatu dû dispotismu e dâ riprissiuni.

‘U motu accuminciò ‘u 16 Sittèmmiru dû 1866, ‘a genti, gridannu “Viva santa Rusulia”, tincìu di banneri russi ‘u celu di Palermu; foru assai chiddi ca parteciparu a ‘ddi jurnati e, puru si eranu diversi ntra di iddi (ripubblicani, socialisti, indipendentisti, mazziniani, contadini c’avìanu cridutu â prumissa di Garibaldi dâ distribuzioni dâ terra e avìanu ricivutu sulu scupittati e pistulittati, e àutri), tutti odiàvanu ‘u novu regimi italu-piemuntisi, c’avìa purtatu sulu tassi, puvirtà e sirviziu militari obbligatoriu.

‘A rivorta nun appi nuddu leader carismaticu, ma fu ‘a genti dî quarteri populari a essiri u vIru capu dâ rivorta. ‘A notti tra ‘u 15 e ‘u 16 Sittèmmiru nnê muntagni di Palermu s’addumaru milli fochi, eranu i signali dâ rivorta ca dî campagni vinìanu mannati â città: ê cincu câ matinata, na marina di genti cû sangu nta l’occhi, ca vinìa di Munriali e dî quarteri popolari di Palermu, jincheva i strati dâ città arrivannu nzina ê Quattro Canti e in via Maqueda, sparannu a ogni suldatu e carabineri ca si truvava di davanzi, e ‘a stissa cosa succidìa nnê paisi chiù addintrati, puru si ‘u centru dâ rivorta ristava Palermu.

Una doppu l’àutra i casermi dî carabineri foru cunquistati, e nnô giru di pochi uri i ribelli s’avìanu pigghiatu ‘a città; ‘u 17 Sittèmmiru ‘a genti occupò e distruggìu ‘u municipiu, obbligannu i suldati e ‘u sinnacu a scapparisinni dintra ‘u Palazzu Riali; ntantu si cuntinuava a cummàttiri senza pietà a l’Ucciarduni e ô Casteddu a Mari. ‘A battàgghia accuminciò però a ribaltàrisi tra ‘u 18 e ‘u 20 Sittèmmiru contra i ribelli, c’avìanu addivintatu oramai 18 mila, ‘u Statu italianu mannò i so’ rinforzi, accuminciò a bummardari a tappitu i quarteri popolari, massacrannu e scannannu ‘u nostru popolu chinu di valìa e onuri.

I morti foru assai, ma nta ‘ddi setti eroichi jurnati i palermitani pruvaru a liberàrisi: spirannu finalmenti d’esseri i patruna dû pròpiu distinu, dû pròpiu futuru e dâ pròpia città. Davanzi â riprissiuni e â miseria di l’Italia appena nata, ca mannava picciuli ô Nord e lassava puvirtà ô Sud, chiossai di un terzu dî Siciliani, pi disperazioni o pi fami, appi a lassari senza vulillu ‘a pròpia terra.

È facili dunca capiri nzoccu lassò l’unità d’Italia nnâ nostra terra, i siciliani avìanu sulu du’ strati: briganti o emigranti.

@ Centro Sociale Exkarcere

***

16 – 22 Settembre 1866 . La Rivoluzione Siciliana del Sette e Mezzo

“Fora st’Italia! Viva Santa Rosalia!”

Nel 150° della “COMUNE di PALERMO”

Lezioni attuali dalla Rivoluzione siciliana del “Sette e Mezzo”.

“Viva la Sicilia! Viva la Repubblica! Viva Santa Rosalia!”

bandiere rosse pulite

SETTEMBRE NERO 1866. La Rivoluzione ANTICOLONIALE e proletaria del “Sette e Mezzo” per l’Indipendenza OPERAIA del Popolo Siciliano venne massacrata dall’Italia risorgimentata e dalla sua aristo-borghesia isolana.

La sollevazione popolare del Settembre 1866, non fu una semplice rivolta come hanno voluto farci credere,  ma molto di più. Una rivoluzione anticoloniale e proletaria che anticipa, per molti aspetti, e certo anche nella malasorte, la Comune di Parigi del 1871. Resta la pagina più importante della Storia del Popolo lavoratore siciliano degli ultimi 150 anni. Non vedremo folla nel ricordarlo, ma ci siamo abituati…

@TerraeLiberAzione.

La Rivoluzione ANTICOLONIALE e proletaria del “Sette e Mezzo” per l’Indipendenza OPERAIA del Popolo Siciliano venne massacrata dall’Italia risorgimentata e dalla sua aristo-borghesia isolana.

Il “Sette e Mezzo” –dalla durata dei suoi giorni, “non si inscrive nel lungo elenco delle revolutions improvisées, come le chiamano i francesi…”. (Marx)

Fu piuttosto una Rivoluzione POLITICA che anticipa, per molti aspetti e certo anche nella malasorte, la Comune di Parigi del 1871. Non fu dunque una “RIVOLTA”. E’ una “RIVOLUZIONE” che determina, come vedremo, una situazione di DOPPIO POTERE. La RIVOLUZIONE siciliana del Settembre 1866 -detta del “Sette e Mezzo” per la durata dei suoi giorni- fu ANTICOLONIALE e proletaria.

Nella pluralità delle sue componenti e nella forma che tentò di darsi si configura come la COMUNE di PALERMO.

Solo i suoi giorni vennero infine contati. L’unica cosa sicura è la cifra: 7 e mezzo. Non vennero contati i morti. In migliaia non hanno nome. Fosse comuni nelle macerie dei bombardamenti con cui la Marina italiana demolì interi quartieri di Palermo. E’ probabile che ne camuffarono centinaia tra i 65.000 morti causati dall’epidemia di COLERA scoppiata proprio in seguito alla rioccupazione coloniale dell’Isola da parte delle truppe tricolorate rientrate dall’aggressione al Veneto insieme al MORBO. Nulla ci fecero mancare. Anche gli UNTORI!.

Eroi e Martiri senza nome, migliaia di Siciliani caddero combattendo per Terra e Libertà, anche sotto i bombardamenti scatenati dalla flotta militare tricolorata che rientrava dalla disfatta di Lissa nella guerra antiaustriaca, che ci viene spacciata come Terza Guerra per l’Indipendenza -> delle massomafie tosco-padane.

Tutte le Fonti storiche sono state inquinate. Ancora oggi le sole tracce ufficiali si trovano sui siti dell’Arma dei Carabinieri etc. Inutile dire cosa riportino. Si illuda chi vuole, ma questo è il nostro “PASSATO che NON PASSA”. Quel che a tanti appare solo “ricerca storica” sul PASSATO, più o meno “inutile”, per la nostra Scuola del REALISMO DIALETTICO, è AZIONE POLITICA nel PRESENTE.

IL CONTESTO-

“Nel 1859 i sudditi sabaudi si ritrovavano uno Stato piegato dai debiti , senza che le industrie liguri e piemontesi fossero in condizione di varare un piroscafo o di costruire più di due locomotive all’anno. Ma pare che la fortuna aiuti gli audaci, e anche i giocatori che bluffano. Difatti, il conto, lo pagheranno le regioni annesse”. (N.ZITARA)

Va detto che l’obiettivo iniziale del cosiddetto “Risorgimento” non è l’espansionismo piemontese, né l’annessione coloniale delle Due Sicilie, ma l’emancipazione della borghesia toscopadana degli affari, che il predominio austriaco tagliava fuori dal moto borghese promosso dall’Inghilterra e dalla Francia. Il suo miglior “involucro politico” è lo Stato-Nazione nella formula costituzionale e parlamentare.

Casa Savoja, indebitata fino al collo coi banchieri di mezza Europa per le sue “imprese militari” al rimorchio di Parigi e della Prussia contro l’Austria, agganciò in corsa le Forze mentali dell’imperialismo britannico lanciandosi all’assalto del Tesoro delle Due Sicilie.

Solo “vittorie straniere” determinarono le fortune del Piemonte nelle celebrate “guerre d’indipendenza” che riempiono di glorie inesistenti il romanzo dell’italietta risorgimentata.

Da Sebastopoli (Crimea 1855: vittoria pirrica contro la Russia da parte di anglo-francesi e Ottomani col piccolo Piemonte all’incasso di credito diplomatico). A Solferino (1859: vittoria francese sull’Austria, col piccolo Piemonte che riscuote la Lombardia). Da Sadowa (Boemia,1866: vittoria prussiana sull’Austria, che devasta però nella battaglia navale di Lissa, in Adriatico, la flotta neoitaliana che virerà su Palermo INSORTA bombardandola senza se e senza ma, anche per mandare un “segnale forte” alle cancellerie europee!). Fino a Sedan (1870-vittoria prussiana sulla Francia, che apre la…breccia di Porta Pia, ma anche la via al massacro della Comune di Parigi). Le 4 “S” straniere che fecero del piccolo Piemonte l’unificatore truffaldino di un paesaggio geo-politico avviato a ben più vasti e positivi sviluppi. Altro che “stato-nazione” creatore illuminato di equilibrati mercati patriottici e vettore “uno e fatto” di “magnifiche sorti e progressive”!.

Quella del 1860-66 fu una guerra coloniale che ci lascia legati mani e piedi non solo a un Re savojardo che puzzava di stalla e alle fameliche massomafie tosco-padane, coi loro Banchieri alla Bombrini e i loro generali alla Cialdini, ma soprattutto a una BORGHESIA COLONIALE siciliana, mercenaria e incapace di conquiste spettacolari (Fanon). E’ IL NEMICO A CASA NOSTRA.

“La colonia assicurava alle manifatture che sbocciavano il mercato di sbocco di un’accumulazione potenziata dal monopolio del mercato. Il tesoro catturato fuori d’Europa direttamente con il saccheggio coloniale, l’asservimento, la rapina e l’assassinio rifluiva nella madre patria e qui si trasformava in capitale…”. (Karl Marx-Das Kapital-Cap.24)

Il meccanismo “accumulazione originaria-colonialismo” si ripropone nel processo di formazione dello Stato-Nazione italiano. Per quante sofisticherie e fumi spettacolari possano annebbiarne la Realtà: “dualismo”, “questione”, “mezzogiornismo” e altre cavolate – è un Fatto che il ciclo del debito tosco-padano e delle sue millantate “guerre di indipendenza” viene colmato col saccheggio delle Due Sicilie e rilanciato in un modello di accumulazione parassitaria e intrallazzista a trazione massomafiosa tosco-padana. E’ così, oggi. Né può essere altrimenti senza una Rivoluzione politica indipendentista.

La Tempesta perfetta del 1860-

Nel 1860, nella dialettica combinata delle correnti imperialiste francesi e inglesi, in corsa verso l’apertura del Canale di Suez, si scatena la Tempesta perfetta sul Regno delle Due Sicilie. L’inettitudine di Napoli e il secolare e irrisolto conflitto con l’Isola-Nazione dei Siciliani fecero il resto. Una Catastrofe. Il Canale di Suez accorciava Spazio e Tempo, ci si doveva attrezzare. Quella visione sansimoniana delle magnifiche sorti e progressive, che Cobden mise coi piedi per terra, imponeva, in nome del liberoscambismo oligopolistico, la liquidazione di ogni resistenza protezionista. Il grande Stato delle Due Sicilie ne fu “vittima predestinata”.

L’operazione di false flag dei garibaldeschi venne finanziata dalla massoneria inglese con una cassa di piastre d’oro turche (moneta franca nel Mediterraneo del tempo) pari a molti milioni degli attuali dollari. Ma nella primavera colorata del 1860, dietro i “Mille”, avanzava nell’ombra un corpo di spedizione di 22.000 militari, sostenuto dall’imperialismo britannico e costituito da vere e proprie “legioni straniere” di ungheresi, indiani e… zuavi, già mercenari di Parigi nell’esportazione della civiltà nei villaggi dell’Algeria e sui monti della Kabilya; nonchè da soldati e carabinieri piemontesi, momentaneamente posti in ‘congedo’, e riarruolati come ‘volontari’ nella missione d’invasione. Anche allora v’era un certo “affollamento militare” nei mari del Mediterraneo!.

Gli obiettivi di Londra erano chiari.

L’imperialismo britannico è una talassocrazia, un SEA POWER che vive sul MARE e si nutre di insularità strategiche:

1-distruggere, peraltro illegalmente, lo Stato sovrano delle Due Sicilie, a partire dalla sua grande flotta commerciale, in vista dell’apertura del Canale di Suez.

2-controllare “zolfi + salnitro = polvere da sparo”, che facevano della Sicilia la Miniera di quel Mondo. La Sicilia –oltre al suo millenario SEA POWER strategico- produce polvere da sparo e forza motrice per l’Impero in espansione di Sua Maestà britannica.

I piccoli Savoia e la loro borghesia aristocratoide di tipo terriero-militare si ritrovano in regalo un Regno millenario di cui forse non comprendevano nulla. Per sei anni la loro “Italia Una e Fatta” scatenò –con 120.000 militari ben addestrati- una guerra coloniale che assunse forme di vera e propria “pulizia etnica” e viene tutt’oggi presentata come “guerra di civiltà contro il brigantaggio e alla reazione” (da Scalfari a Galli della Loggia: e chi dovrebbe “rispondere”? Non c’è un solo quotidiano, né una Tv…che non siano sotto il controllo mentale delle massomafie toscopadane; per non dire delle università e delle grandi case editrici, mentre la nicchia terronica dello Spettacolo democratico e colorato è stata riservata a fenomeni da circo come Pino Aprile: copia&incolla, ma l’Italia riparte da Sud: si, per emigrare a Nord!).

Lo Stato d’assedio-

Nell’agosto 1863 un proclama del Re Vittorio Emanuele, affisso in tutte le città del Sud continentale, annuncia l’instaurazione dello stato d’assedio interno. Era la legge Pica contro la RESISTENZA PARTIGIANA delle DUE SICILIE, che dall’Italia truffaldina già Una e Fatta venne definita “brigantaggio”. La legge Pica del 1863 è la licenza di uccidere i terroni che non si arrendono ai piemontesi civilizzatori. La giurisdizione dei Tribunali Militari e le procedure del Codice Penale Militare rimangono in vigore fino al 31 dicembre 1865.

Anche in Sicilia –laddove più sofisticate furono le promesse garibaldine (TERRA ai contadini, AUTONOMIA bancaria, ASSEMBLEA Costituente)- giunse, con l’estensione all’Isola della logica coloniale di STATO d’ASSEDIO, anche il Tempo della CoScienza: svanite le nebbie tricolorate, come i mesi e gli anni dal calendario cadevano una dopo l’altra tutte le promesse e le illusioni create dallo “Sbarco dei Mille”. Sono gli anni del disincanto, che cambiarono il quadro e anche la visione perfino di protagonisti di rilievo del cosiddetto “moto risorgimentale”. La crisi di Aspromonte fu un punto di svolta. Il 29 agosto 1862: scontro a fuoco dei garibaldini in “Marcia su Roma” sconfitti dalle truppe di occupazione italiane del generale Cialdini.

Settembre Nero 1866-

La leva obbligatoria agiva come un micidiale prelievo fiscale sulle famiglie proletarie, a decine di migliaia i giovani proletari siciliani si diedero alla macchia, spesso armandosi per sopravvivere: “banditi e traditori” della patria tricolorata, rischiavano la fucilazione senza tanti complimenti, pur di non andare a crepare per uno Stato percepito correttamente come NEMICO. Sul piano delle FORZE che permettono l’INSURREZIONE il fenomeno della diserzione di massa è un fatto determinante.

E venne Settembre del 1866. Il “Sette e Mezzo” –dalla durata dei suoi giorni, “non si inscrive nel lungo elenco delle revolutions improvisées, come le chiamano i francesi…”. (Marx)

“Nel pomeriggio del 15 settembre 1866… a Monreale si registrava un clima di sommossa e un certo numero di BANDIERE ROSSE erano state viste sventolare in città”. Lo scriveva un cronista, peraltro un denigratore: V. Maggiorani (“Il sollevamento della plebe di Palermo e del circondario nel settembre 1866” -Palermo 1867).

“In politica avviene come in poesia. Le rivoluzioni non sono mai fatte su ordinazione”. (Marx)

La mattina del 16 settembre la Città di Palermo è svegliata da decine di migliaia di INSORTI che giungono dal circondario–con seguito di rifornimenti, ben organizzati e disciplinati. Furono alzate barricate, le comunicazioni telegrafiche con l’Italia vennero interrotte, uffici governativi furono occupati con ordine.

Il Procuratore Generale della Corte d’Appello stimò in 40.000 il numero degli INSORTI, che sconfissero ripetutamente le truppe dell’esercito italiano: per sette giorni e mezzo in città (e per dodici giorni nelle campagne e nei paesi dell’entroterra palermitano).

L’insurrezione è fulminante e vittoriosa. Il Regime italiano è subito travolto. Scortati dalla guarnigione piemontese, il prefetto Luigi Torelli e il sindaco Antonio di Rudinì, si rifugiano a Palazzo Reale: “non verranno toccati”.

Il 18 settembre, a Palermo, si costituisce il Comitato rivoluzionario al quale aderiscono con grande coraggio anche alcuni Siciliani che avevano tutto da perdere: guidati dal principe di Linguaglossa, ricordiamo anche il barone Pignatelli, il barone Riso, il principe di Ramacca, il principe di Galati, il barone Sutera, il principe di Niscemi, il principe di San Vincenzo e monsignor d’Acquisto.

Lo stesso giorno a Torino il primo ministro Bettino Ricasoli nomina il generale Cadorna, il Macellaio, commissario straordinario di Palermo, con pieni poteri civili e militari. La mobilitazione italiana contro la COMUNE di PALERMO si configura come una vera e propria spedizione militare coloniale, sostenuta da una campagna di criminalizzazione “a mezzo stampa” contro i siciliani ”barbari e maffiosi”, sostenuta dall’aristoborghesia siciliana che trova il suo precoce campione nel giovane marchese Antonio di Rudinì, sindaco di Palermo e futuro primo ministro italiano: “il popolo palermitano ha una congenita predisposizione alla corruzione e all’insubordinazione”.

Nel 1861 la Sicilia è una potenza demografica mediterranea, coi suoi 2.392.000 abitanti. Nella visione delle sue “classi alte” è indubbiamente costituita da “plebaglia corrotta, ladra e sempre pronta a rispondere all’appello dei malfattori”, nella sintesi che il senatore siciliano Torremuzza fornì al primo ministro Ricasoli nel corso dei festeggiamenti per lo “scampato pericolo” seguiti al massacro della Comune di Palermo dei Sette Giorni e Mezzo.

Vediamo alla sbarra dei PROCESSI –davanti alla CORTE MARZIALE e sotto la mannaia del Codice Penale Militare- alcune centinaia di questi “plebei maffiosi, ladri e nullafacenti”, definiti: “la CLASSE PERICOLOSA”.

Una grande mole di atti processuali è probabilmente andata distrutta sotto i bombardamenti “alleati” del 1943 (cfr. Alatri, “Lotte politiche in Sicilia”).

Se ne conosce comunque quanto basta al nostro ragionamento. Dei 124 imputati dichiarati colpevoli dai tribunali militari quasi tutti avevano un’occupazione nel settore artigianale o commerciale o nei servizi: osti, carrettieri, facchini, garzoni, fruttivendoli, panettieri, macellai e barbieri. Nella lista dei condannati c’erano anche commercianti, agricoltori, falegnami, sarti, conciatori, fabbri, cordai, carpentieri e muratori… ma anche “sette poliziotti o soldati, una guardia campestre e altri sette ufficiali di basso rango”. (Ryall 1996)

Peraltro tutti i condannati di cui sappiamo erano incensurati, tranne uno…il povero Luciano Coniglio che aveva disertato l’esercito tricolorato nel 1863!. Un “pericoloso criminale”!. Nelle liste degli inquisiti figuravano anche decine di studenti e professionisti…

In breve, la tipologia degli imputati del MAXI PROCESSO “Sette e Mezzo” è quella delle “rivoluzioni urbane” animate dalle vere “classi pericolose” dell’Ottocento europeo: i vagabondi e manigoldi non fanno Rivoluzioni!. Mentre ci è noto che la REPRESSIONE si accanisce contro gli “agenti sociali di collegamento”: osti, sarti e barbieri, nei quartieri popolari…non meno del retrobottega di tanti farmacisti, hanno avuto un ruolo di rilievo nella R/esistenza siciliana sconosciuta.

Nel Settembre del 1866, una Rivoluzione anticoloniale e proletaria, in soli Sette Giorni e Mezzo, mette a nudo la Realtà. Questo è un potere immenso che solo le Rivoluzioni autentiche riescono a dispiegare.

In Sicilia precipitano del tutto caratteri politici e processi sociali profondi già visibili nel Quarantotto, in cui solo il popolo lavoratore difese l’indipendenza: non sorprende l’adesione subalterna dei ceti borghesi urbani all’annessione tricolorata del 1860.

Lo storico Rosario Romeo -nel suo fondamentale “Il Risorgimento in Sicilia”- sottolinea che la Rivoluzione siciliana del 1866 “…non divenne insurrezione generale dell’isola e potè essere facilmente domata solo per la mancata collaborazione dei ceti dirigenti…”.

Il 23 settembre 1866 venne dichiarato lo “STATO d’ASSEDIO”: l’Italia risorgimentata gettava ufficialmente la maschera. Da quel giorno uno STATO COLONIALISTA occupa l’Arcipelago dei Siciliani. Per mesi le processioni di giovani incatenati attraversano terrorizzanti le vie di città e paesi dell’Isola. Dei processi tenuti davanti alle Corti marziali armate di Codice penale militare diremo in seguito.

***

La RIVOLUZIONE siciliana del Settembre 1866 -detta del “Sette e Mezzo” per la durata dei suoi giorni- fu ANTICOLONIALE e tendenzialmente SOCIALISTA. Non è una “RIVOLTA”. E’ una “RIVOLUZIONE”. La differenza è immensa.

Le cause profonde della “crisi siciliana” –che è tanto crisi di rigetto quanto verifica di integrazione in relazione allo Stato risorgimentato- non vanno cercate nei materiali vaganti psico-ideologici prodotti dal disfacimento delle illusioni risorgimentali, tra mazziniani arrabbiati ed ex-garibaldini reduci dall’umiliazione d’Aspromonte, che costruiscono barricate insieme agli indipendentisti e ai duosiciliani fedeli al perduto Regno… Sebbene di un qualche interesse storiografico siano le biografie di alcuni protagonisti del “Sette e Mezzo”, come i “cospiratori professionali” Badia e Bonafede. Il ruolo degli individui e le loro stesse ideologie si configurano regolarmente come fattori secondari.

E’ un lavoro di ricerca da sviluppare, sulla Lotta tra le Classi nella Sicilia dell’Ottocento, le cui forze storico-sociali fondamentali si riducono al secolare “movimento comunista” per la fruizione del Demanio statale e l’accesso ai più vasti USI CIVICI (si pensi alla legna per cucinare e riscaldarsi!) e al “partito borghese” della privatizzazione del Feudo senza Feudatario, in un’Isola che è “formazione capitalistica” da secoli, altro che “immobile e arretrata”!. La nuova Questione della Terra era posta da almeno un secolo, fu oggetto di conflitti dall’alto e dal basso, ma non aveva trovato una vera sistemazione. Una indecisione che venne pagata a caro prezzo non solo dalla casa regnante, che tentò senza riuscirci soluzioni “illuminate”, ma dallo stesso STATO SOVRANO delle DUE SICILIE che finì per implodervi, in particolare nell’Isola irrequieta, che produceva più “Rivoluzioni” della stessa Francia!.

Intanto vediamo chi erano gli INSORTI del “Sette e Mezzo”.

Indubbiamente vi parteciparono centinaia di legittimisti delle Due Sicilie, autonomisti e indipendentisti, radicali e azionisti, garibaldini pentiti e cattolici tradizionalisti. E migliaia di giovani latitanti sfuggiti alla leva obbligatoria (che peraltro agiva come un micidiale “prelievo fiscale in natura” sulle famiglie PROLETARIE).

Per quasi un secolo nessuno racconta nulla di serio sulla COMUNE di PALERMO del SETTEMBRE 1866. Il primo studio appena onesto è quello di Brancato (che poi ritratterà!) seguito un paio di anni dopo, nel 1954, dall’opera fondamentale dello “storico marxista” Paolo Alatri il quale –peraltro- intuisce che la documentazione dei tribunali militari era stata probabilmente distrutta dai bombardamenti di Palermo durante la seconda guerra mondiale. (P. Alatri, Lotte politiche in Sicilia sotto il governo della destra, 1866-1874, Torino 1954. Mai più ristampato! Lo fotocopiamo da 30 anni!).

Rilevava Alatri: “I funzionari, per lo più settentrionali… consideravano spesso le popolazioni affidate alle loro cure come non ancora pervenute al loro stesso grado di civiltà, come barbari o semibarbari… Questo estremo disprezzo, intollerabile per un popolo d’antica civiltà come quello siciliano, unitamente a molte altre cause tra cui, non secondarie, la crescente miseria, l’introduzione di misure poliziesche inutilmente vessatorie e di nuovi e gravosi balzelli, provocava l’impossibile: l’alleanza tattica dei gruppi filoborbonici con i circoli del radicalismo democratico, cioè l’ala oltranzista del vecchio partito filo-garibaldino, e di questi due con gli autonomisti e gli indipendentisti, componenti politiche quest’ultime perennemente presenti nella storia dell’isola”.

Un “laboratorio politico di prim’ordine”: altro che “caos ideologico”!. Fu la massacrata, denigrata e tuttora incompresa COMUNE di PALERMO, che precede di cinque anni la giustamente celebrata e non meno “caotica” e altrettanto massacrata COMUNE di PARIGI.

Se sul piano politico è DOPPIO POTERE…sul piano delle determinazioni storico-materiali a INSORGERE è il COMUNISMO degli usi civici del Demanio e non solo… –si pensi per dirne una alla legna per cucinare e riscaldarsi che tutti potevano procurarsi in periodi stabiliti!- e si rifletta sul welfare prodotto dalla rete assistenziale della Chiesa i cui Beni minacciati dall’italietta massonica risorgimentata sono –sia chiaro- un patrimonio sociale frutto dei donativi delle famiglie siciliane ai figli che prendevano i voti dedicandosi alla vita monastica (in tutti i sensi assai più produttiva di quanto non si creda!).

Il movimento storico dei COMUNISTI era veramente “lo spettro che si aggirava per l’Europa”. Che lo “spettro comunista” indossasse perfino il saio del monaco inneggiando “Viva Santa Rosalia!” con la bandiera rossa in mano e un fucile nell’altra può sorprendere solo chi della Sicilia non ha capito nulla.

Ci sarebbe voluto un Marx a Palermo, ci siamo ritrovati invece con 150 anni di accademici tricolorati devoti ai vari Crispi e Di Rudinì. Nelle serre accademiche si sono riprodotti i frutti marci e i semi avvelenati dell’IDEOLOGIA ITALIANA, spettacolo di un Imperialismo straccione a trazione massomafiosa toscopadana, al quale ormai “in automatico” aderisce la borghesia coloniale della Sicilia italienata –il nostro NEMICO di CLASSE- che ha una storia breve e miserabile: la sua gestazione è avviata nel tradimento politico e militare della Rivoluzione indipendentista del 1848.

Sul piano sociale, poi, il cosiddetto Assolutismo Illuminato dei Borbone, cioè dello Stato delle Due Sicilie, nella sua indecisione purtroppo poco “assolutista” che gli fu fatale, era comunque più avanzato del caos mentale che suicidò il giovane Stato siciliano. In Sicilia quasi tutto si giocava sulla Questione della TERRA –del modo di produzione, ancor prima che delle sue forme di proprietà e possesso- come leva strategica di mobilità sociale e di sovranità.

La formazione di una borghesia coloniale nella Sicilia italienata può essere indagata materialisticamente fin dalla metà dell’Ottocento. E’ una borghesia urbana che si ri-formava tricolorata sfilando per censo nei suoi Teatri, confabulando nei suoi Circoli professionali e “di alienazione”, esibendo talora erudizione sui suoi tantissimi giornali più che nei Salotti che cominciava appena ad arredare con gusto kitsch vieppiù stupefacente e perfino esotizzante. Non erano in sé cattivi, né buoni: la borghesia coloniale è trasformista nelle forme, coerente negli interessi, a-morale, incolore, inodore, insapore. Non ha prodotto nulla che non fosse inutile o devastante, ma… “u sapiti com’è!”, direbbe Martoglio.

La borghesia coloniale della Sicilia italianata è un capolavoro sofisticato di socio-ingegneria prodotto nel tempo dall’Ascensore sociale che venne imposto dalle Massomafie tosco-padane nel 1860. Vi accede solo chi spaccia le balle spaziali dell’italietta risorgimentata, sradicando l’Albero di Trinakria, con pianificata violenza sbiancatrice e desertificante. Il 1860 è il suo anno di nascita. Il 1866 è l’anno di battesimo.

La COMUNE DI PALERMO venne massacrata dall’Esercito e dalla Marina militare italiana che bombardò la città dal mare. Ma a seppellirla viva furono le classi tricolorate della neonata Sicilia italienata.

L’Italia risorgimentata nasce REAZIONARIA e “controrivoluzionaria” anche sul piano del più classico processo di formazione degli Stati-Nazione borghesi. Le guerre, vinte e perse, di Napoleone III, fecero del piccolo Piemonte una parodia intrallazzista e truffaldina della potenza prussiana che afferrava invece le forze dinamiche delle borghesie urbane dei cento staterelli tedeschi, combinando lo Zollwerein, l’unione doganale avviata intorno al 1830, e la potenza di quella vera tradizione militare che ricostituì il Reich nel 1870.

Non fu il sostegno degli inesistenti “feudatari” al “moto risorgimentale”, ma l’adesione convinta della borghesia urbana catanese e palermitana oltre che paesanazza, a consegnare la Sicilia allo Stato-Nazione delle massomafie toscopadane. Le “classi pericolose” ne vennero emarginate e tormentate per decenni. Per inventarsi una Sicilia italiana a livello popolare ci misero 50 anni, fino alla prima Guerra Mondiale. E non risparmiarono nulla in tema di altri “stati d’assedio”, massacri e deportazioni. Ma la repressione della Comune di Palermo aveva stroncato sul nascere ogni possibilità di diversa evoluzione delle cose.

La SICILIA ITalienata prende Forma popolare -carambolando dal Porto di Catania sulla Quarta Sponda- tra il 1911 e il 1915, già nelle mobilitazioni studentesche e infine di massa a sostegno della ““IMPRESA di LIBIA” animate dal massone social imperialista e protofascista onorevole De Felice, che dopo aver cavalcato i “Fasci dei Lavoratori”, fece carriera sventolando il tricolore colonialista in parlamento e la bandiera rossa sulle piazze. Un altro mito da sfatare, una buona volta per tutte.

La Sicilia popolare viene del tutto italienata nella GRANDE GUERRA -> per quanto recalcitrante in profondità venne infine addomesticata nel Ventennio della “nazionalizzazione delle masse” che portò a termine il Risorgimento truffaldino avviato nel 1860 dall’imperialismo inglese, in vista dell’apertura del Canale di Suez.

Il “Sette e Mezzo” resta la pagina più importante della Storia del Popolo lavoratore siciliano degli ultimi 150 anni. Non vedremo folla nel ricordarlo, ma ci siamo abituati.

Onore ai Martiri della Comune di Palermo!

In alto le sue BANDIERE ROSSE!

“Viva Santa Rosalia!”

@Mario Di Mauro.

 

 

Annunci