Mosca, 15/11/2016. “Drone militare americano decollato dalla base aerea americana di Sigonella, è entrato nello spazio aereo ucraino nella costa del Mar Nero della regione di Nikolaev, dopodichè ha proseguito la sua missione verso est lungo le regioni settentrionali della Crimea e poi fino al Donbass”. (Sputnik News).
No, non è spionaggio militare-il drone strategico delle forze aeree statunitensi RQ-4A Global Hawk fa le foto ai matrimoni (e quando capita ammazza sposi, parenti, invitati e passanti). – Sia chiaro: l’Italia è un paese imperialista membro del G7 e della NATO. L’Italia non è “COLONIA AMERIKANA”. Le LOBBY egemoni del Sistema-Italia sviluppano nella “RELAZIONE STRATEGICA” con WASHINGTON il proprio INTERESSE. La SICILIA è COLONIA e “CARTA NEGOZIALE” dell’ IMPERIALISMO italiano. IL MUOS A NISCEMI LO HA VOLUTO “ROMAFIA CAPITALE”…l’ATLANTISMO MEDITERRANEO -che appare ormai parodistico- è da 50 anni “LA POLITICA ESTERA” dell’IMPERIALISMO ITALIANO A TRAZIONE MASSOMAFIOSA TOSCO-PADANA che mantiene il suo core business nel “sottosuolo” dell’ENI e nelle ARMI di FINMECCANICA.


IL NEMICO PRINCIPALE HA LA BANDIERA TRICOLORE sventolata nel caos schizofrenico e provinciale delle NEBBIE PATRIOTTARDE. L’ITALIA NON E’ UNA COLONIA AMERIKANA, la SICILIA è “PEGGIO di PORTORICO” , è la “TANA della BESTIA”-> le CHIAVI del CIELO SICILIANO finiranno come le acque, il vento, il mare…dell’Arcipelago di Trinakria. L’Isola senza Cielo non avrà una sua INDUSTRIA del TURISMO, né compagnie aeree, né aeroporti, né proprie catene alberghiere. Si prenderanno tutto: sceicchi e fondi “luxemburghesi” che magari ricicleranno anche il MILIARDO MAFIOSO nella retorica dell’ANTIMAF. Ci lasceranno i posti di camerieri, parcheggiatori, comparse nelle sagre in costume… o poco più.


Intanto, nello Spettacolo COLONIALE della SICILIA ITALIENATA, va in scena il MAXI-PROCESSO contro 129 attivisti NO-MUOS. Una tragica pagliacciata.

@TERRAELIBERAZIONE-NO MUOS.

drone

IL MOVIMENTO

NO MUOS

NON SI ARRESTA

Presidio Regionale No Muos Contro la Repressione
Sabato 19 Novembre 2016 a Caltanissetta
Dalle Ore 9:30 alle Ore 13:00 in Piazza Mercato – Caltanissetta

Il MUOS è diventato operativo da alcuni giorni. Questo è avvenuto grazie alle forzature arbitrarie compiute dal Consiglio di Giustizia Amministrativo di Palermo e dal Tribunale del Riesame di Catania, che hanno sentenziato in maniera paradossale sulla non sussistenza di problemi alla salute e all’ambiente dovuti all’impatto delle onde elettromagnetiche e sulla non sussistenza del reato di abusivismo edilizio e di violazione delle norme paesaggistiche, come invece provato da scienziati e confermato dallo stesso TAR.

In seguito a tali sentenze l’impianto di Niscemi è stato dissequestrato e i Marines USA si sono affrettati a renderlo operativo superando l’accecamento di tutto il sistema planetario che i ritardi dell’attivazione in Sicilia – dovuti alla straordinaria resistenza popolare sviluppatasi – avevano provocato.

IL MUOS è dunque in piena attività al servizio delle guerre americane in tutto il globo terrestre nonostante i lunghi anni di conflittualità sia in contrada Ulmo, a Niscemi, che in molte località dell’Isola e fuori.

Questo clima – favorito dall’azione complice e subalterna del governo Renzi e del governo Crocetta – ha fatto scattare immediatamente una micidiale attività repressiva nei confronti di quanti si sono attivati nell’impedire la costruzione del MUOS. Centinaia di denunce, di rinvii a giudizio, di provvedimenti amministrativi e multe stanno raggiungendo attivisti in tutta la Sicilia; si preparano maxi processi nei confronti di chi ha invaso la base, occupato le antenne, messo in atto azioni simboliche verso la base militare, manifestato la propria indignazione tentando di fermare i convogli delle ditte che cercavano di recarsi a lavorare in un cantiere abusivo, ma anche semplicemente per avere manifestato il proprio pensiero, per aver protestato contro provvedimenti ritenuti ingiusti e discriminatori.

Un accanimento contro il movimento NO MUOS che sa di vendetta, e che vede la Prefettura e la Questura di Caltanissetta al centro della strategia intimidatoria.

Il Movimento non si arrende; le ragioni dei NO MUOS sono le ragioni di chi non vuole più che la nostra terra siciliana sia considerata una portaerei “naturale” al centro del Mediterraneo; di chi vuole che si smantellino le strutture di morte, si fermi la crescente militarizzazione e si aprano cantieri per costruire ospedali, scuole, infrastrutture utili a rendere la vita nell’Isola dignitosa, dando nel contempo posti di lavoro e servizi essenziali, bloccando l’emigrazione che ha ripreso ad affliggere il popolo siciliano, aprendo i nostri territori ad una reale accoglienza dei e delle migranti, che fuggono da guerre e miseria causate dal nostro sistema di sfruttamento

Sabato 19 Novembre 2016, dalle Ore 9:00 alle Ore 14:30 in Piazza Mercato a Caltanissetta presidio NO MUOS con assemblea.

Movimento NO MUOS

niscemi oggi 15 5
testata-settembre2016terraeliberazione-settembre2016

sucate

Annunci