FIDEL CASTRO

La CINA intera lo ricorda come un GRANDE SPIRITO RIVOLUZIONARIO.

Il Segretario Generale dell’ONU, Ban Ki-Moon: “Fidel Castro era una voce forte per la giustizia sociale nelle discussioni globali presso l’Assemblea generale delle Nazioni Unite e nei forum internazionali e regionali“. 

di Zhong Sheng

Pekin -“Quotidiano del Popolo”- 29 novembre 2016

xi-jinping-firmaIl leader rivoluzionario cubano Fidel Castro è morto il 25 novembre, persone da tutto il mondo hanno offerto le condoglianze per la perdita, rendendo omaggio a una vita leggendaria e a uno spirito immortale. Nel corso dell’ultimo mezzo secolo, Castro è stato considerato simbolo del perseguimento della giustizia. “Ha dedicato tutta la vita alla grande causa della lotta per la liberazione nazionale, la salvaguardia della sovranità statale e la costruzione del socialismo del popolo cubano“, ha detto il Presidente cinese Xi Jinping nel messaggio di condoglianze all’omologo cubano Raul Castro. “Ha dato un contributo storico immortale al popolo cubano e allo sviluppo del socialismo nel mondo“, ha aggiunto Xi. Definendo Castro “grande figura del nostro tempo”, ha detto che il compagno Castro sarà ricordato dalla storia e dai popoli.
Il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon, in un comunicato, ha lodato il contributo di Castro, dicendo che “era una voce forte per la giustizia sociale nelle discussioni globali presso l’Assemblea generale delle Nazioni Unite e nei forum internazionali e regionali“. Negli ultimi 60 anni, Castro ha combattuto per la rivoluzione, lo sviluppo del socialismo, l’indipendenza nazionale, così come la giustizia, sia a Cuba che nel mondo. Parlando dell’atteggiamento di Cuba verso gli Stati Uniti, Castro ha detto che “Cuba non s’inginocchierà mai agli Stati Uniti con tutto il popolo unito“. Cuba non si oppone alla soluzione sulle storiche discordanze con gli Stati Uniti, ma nessuno dovrà aspettarsi che Cuba cambi posizione o ceda nei suoi principi. Cuba è e continuerà ad essere socialista, osservava.
La perdita di una leggenda spinge anche il mondo a rivedere la storia e ad esplorare il futuro. Dato che equità e giustizia sono sempre necessarie allo sviluppo umano, ogni nazione dovrà lottare per questi obiettivi favorendo la civiltà umana in ogni epoca. Tuttavia, va ammesso che non tutti gli esseri umani godono di equità e giustizia ad oggi. E’ naturale per tutti i Paesi cercare l’uguaglianza sovrana e il proprio sviluppo autonomo, ma sfide ed ostacoli ancora ostacolano questo processo. Finché certi Paesi non abbandoneranno ambizione e tentazione di monopolizzare gli affari internazionali nel sistema globale, ci sarà ancora molta strada prima della democratizzazione definitiva delle relazioni internazionali. Per lo sviluppo umano, il crescente divario tra ricchi e poveri avanza nel mondo. Circa 800 milioni di persone vivono in estrema povertà, 6 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno, e quasi 60 milioni di bambini sono lasciati senza cure. Su questi fatti duri va riconsiderata la visione dello sviluppo e dell’approccio globale, ponendo maggiore attenzione a equità e giustizia, e perseguendo la globalizzazione economica più inclusiva e mutualmente vantaggiosa. Il mondo non deve mai fermarsi dall’esplorare la via dello sviluppo.
Ricordiamo l’appello di Castro alla chiusura del 7° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cubano di diversi mesi fa. “Cambieremo ciò che va riformato nel Paese pur mantenendo lealtà e unità, proprio come i nostri eroi dell’indipendenza Marti, Maceo e Gomez“, dichiarò il leader nella risoluzione.
Lo spirito di Fidel Castro vivrà per l’eternità. Oggi, il mondo apprende dalla sua saggezza per un futuro migliore, mentre è in lutto per la morte di questo grande combattente.x0e3525bb3ebd1860235e1187912726cc1f7fa665e05c007e71xpimgpsh_fullsize_distrTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Lo ricorderemo SABATO 3 DICEMBRE, A CATANIA (H.17-CAFFE’ DELLA CORTE, VIA FIRENZE 88-TRIBUNALE). @TERRAELIBERAZIONE.

SIMBOLO M33

ONORE A FIDEL CASTRO RUZ!

Con la scomparsa del suo ultimo GIGANTE POLITICO, è finito il Novecento.

Non siamo “filo-cubani”, non sappiamo neppure cosa possa voler dire. Ci fanno certo schifo i tanti “castristi” pentiti che invece di riflettere sulla loro idiozia precedente si riciclano in una idiozia nuova, che poi è quella dell’opportunismo modaiolo piccoloborghese di sempre!.

Nel 1959, i giovani guerriglieri barbudos rovesciarono la dittatura di Batista, un fantoccio USA che aveva trasformato l’isola caraibica in una bisca-bordello per i turisti yankes -gestita dalla MAFIA.

Quei giovani guerriglieri barbudos – in pochi decenni- “INVENTANDO” una ISOLA-NAZIONE- hanno COSTRUITO UN PAESE SOVRANO nelle CONDIZIONI PEGGIORI che ci potessero essere: l’EMBARGO STATUNITENSE avrebbe stritolato paesi ben più grandi e solidi.

QUANTO ALLE CRITICHE ne abbiamo anche noi –ma sono critiche scientifiche, non moralistiche. Non sappiamo cosa farcene del moralismo piccoloborghese e manicheo. Queste critiche qualificate sono note anche a L’AVANA.

La Repubblica di Cuba è un PAESE IN TRANSIZIONE. Non è il solo ma è l’unico paese  delle Due AMERICHE  ad avere una DEMOCRAZIA SOCIALE sviluppata, con un SISTEMA SANITARIO e SCOLASTICO di ALTISSIMO LIVELLO. CONQUISTE SOCIALI che, VA SOTTOLINEATO, non hanno purtroppo alcun termine di paragone perfino negli stessi STATI UNITI!.

E CUBA è forse l’unico paese del MONDO del tutto immune dal virus del RAZZISMO!.

Non c’è dubbio che a Cuba –come ovunque- tanto resta da fare, ma senza passi indietro sul piano delle conquiste di civiltà e della SOVRANITA’ NAZIONALE – che è difesa attivamente da una struttura di intelligenze sofisticata dalla quale tutti i SOVRANISTI del MONDO abbiamo solo da imparare, in particolare gli indipendentisti delle ISOLE-NAZIONE strategiche, come la SICILIA.

Quei giovani guerriglieri barbudos  hanno commesso un solo errore grave: l’aver puntato tutto sulla MONOCOLTURA della canna da zucchero…ma questo è per “addetti ai lavori”.

Lungo è l’elenco dei dittatori sudamericani: FIDEL non ne fa parte; per capirlo basta farsi 4 passi in una qualunque città latinoamericana.

Salutiamo FIDEL CASTRO RUZ, rendendo ONORE a un GRANDE INDIPENDENTISTA, SOCIALISTA E INTERNAZIONALISTA!. Ma anche a un grande capo occulto della gloriosa SANTERIA!.

 “La Storia mi assolverà!” (Fidel).

HASTA LA VICTORIA! SIEMPRE!

Catania, 26/11/2016.

L’Istituto Mediterraneo per la Democrazia Diretta-“TerraeLiberAzione”.

 

 

Libya Latin American Allies

spot-libro

10° Cuncumiu di TerraeLiberAzione

Sessione d’Autunno 2016 (SABATO 3 DICEMBRE h.17-A CATANIA-Caffè della Corte via Firenze 88-Tribunale)

1)relazione sul tema: GeoPolitica dell’INSULARITA’ STRATEGICA al TEMPO dell’IMPERIALISMO NORDICO.

2) presentazione del libro di MUAMMAR GHEDDAFI: “I RACCONTI della TENDA” (Coedizioni TerraeLiberAzione-Armando Siciliano)

Lo ricorderemo SABATO 3 DICEMBRE, A CATANIA (H.17-CAFFE’ DELLA CORTE, VIA FIRENZE 88-TRIBUNALE). @TERRAELIBERAZIONE.

banner-terra-3

 

Annunci