Free Ireland! ERIN GO BRAGH!

Tiocfaidh ár lá!

Verrà il nostro giorno!

 

VITTORIA indipendentista sociale nell’ULSTER!

I nostri compagni storici di SINN FEIN vincono le elezioni in Irlanda del Nord!

ORA: FORA dalla GRAN BRETAGNA!.

Sia chiaro: non è una vittoria elettorale, in sé, che cambia le cose.

Hanno dimostrato una secolare FORZA E PAZIENZA.

L’IRLANDA -alla fine- camminerà LIBERA, UNITA E GIUSTA nel MONDO del SECOLO XXI.

IDDHI -che conosciamo bene- se lo meritano.

@TERRAELIBERAZIONE-SICILIA.

https://www.youtube.com/watch?v=BhFe4UbgVIs&feature=share

da TerraeLiberAzione –Inverno 1994

ira

In Irlanda: PACE CON GIUSTIZIA!

di Jerry Adams (SINN FEIN)

Pace non è semplicemente l’assenza di guerra o di conflitto. Pace è l’esistenza di condizioni di giustizia e di pietà, che sradichino le cause della guerra e del conflitto. Pace è l’esistenza di condizioni in cui l’assenza di guerra e di conflitto si autosostengano.

Il Popolo irlandese non ha mai conosciuto la Pace. Esso ha diritto a strutture politiche che siano capaci di sostenere la Pace: di dar vita a una Pace permanente. Gli Irlandesi hanno il diritto di decidere da soli come queste strutture debbano essere.

Hanno l’ obbligo di assicurare che queste strutture, nei concetti che le ispireranno e nella pratica, garantiranno l’eguaglianza per tutti e che siano al servizio dei più importanti interessi del Popolo irlandese, nella sua interezza. Chiunque sostenga di ricercare la Pace permanente, la giustizia, la democrazia, l’eguaglianza delle opportunità e la stabilità, non può non sostenere il principio universalmente accettato dell’autodeterminazione, in cui si radica il principio democratico stesso, come mezzo per raggiungere gli obiettivi sociali auspicati e per garantirne il mantenimento. Il rifiuto opposto da tutti i governi britannici di permettere alla Nazione irlandese di esercitare il proprio diritto all’autodeterminazione è stato ed è la politica stessa della Gran Bretagna. Qui è la radice del conflitto.

Questa politica, con tutte le misure adottate per porla in essere, è la causa delle rotture all’interno dello stesso Popolo irlandese e fra Irlandesi e Britannici.

Divisione e coercizione sono sempre state, e sono, gli elementi base di questa politica. L’Autodeterminazione è universalmente accettata nel suo significato di diritto di una Nazione ad esercitare le libertà politiche, per determinarne il proprio. sviluppo sociale, culturale e politico, senza influenze esterne. In Irlanda questi criteri non sono stati seguiti.

L’intervento britannico contraddice tutte le norme del diritto internazionale, che assicurano le condizioni per la Pace e, per estensione, garantirebbero anche lo sviluppo di buone relazioni fra Irlanda e Gran Bretagna. Il diritto del Popolo irlandese ad autodeterminarsi è supportato dalla Carta dell’ONU del 1966. All’art. 4 essa recita “Tutti i popoli hanno diritto all’autodeterminazione. In virtù di questo diritto essi determinano il proprio sviluppo sociale, culturale ed economico”.

E ancora: “Tutti i popoli hanno diritto di determinare liberamente, senza influenze esterne, il proprio status politico, di perseguire il proprio sviluppo ed ogni Stato ha il dovere di rispettare tale diritto, secondo la presente Dichiarazione”. Il governo britannico persegue esclusivamente i propri interessi.

 

***

da facebook TERRAELIBERAZIONE (5/3/2017)

Massimo Costa (“Siciliani Liberi”): Non si può essere sempre d’accordo su tutto Mario. (Gli irlandesi di SINN FEIN) non sono indipendentisti: vogliono cambiare padrone. Da Londra a Bruxelles. Contenti loro…

caro Massimo Costa, è una fortuna poter essere in disaccordo ogni tanto!. Quanto alla propaganda spicciola anti-UE, a noi non serve. SIAMO ANTI-IMPERIALISTI. Punto. Mi sa però che con la tua posizione ESTREMISTA non hai capito alcune cose della “secolare questione irlandese” = otto secoli di oppressione inglese! -e loro sanno che l’UE –come progetto dinamico- è già fallita. e tu sai bene che le condizioni di adesione dell’EIRE all’UE non sono certo quelle siciliane (CHE NON ESISTONO, SIC ET SIMPLICITER). ma ne discuteremo, NO PROBLEM.

Se dici a SINN FEIN-> CHE “VOGLIONO CAMBIARE PADRONE”, SI FANNO UNA RISATA al PUB.
Quante volte li hai incontrati?. -quando abbiamo incontrato Gerry Adams -a Roma, in una casa privata a San Lorenzo, nel 1988… vabbè: ABBIAMO “SEMINATO” L’INTERPOL!. Per non dire degli incontri in Corsica e altrove. E non c’era internet (e forse era anche meglio).I nostri compagni irlandesi, che non vediamo da molti anni, sanno quello che fanno. Sganciarsi da Londra, il resto è facile. Ppi Iddhi

->a prescindere: la nostra SCUOLA SCIENTIFICA ha oltre 150 anni di elaborazione e intervento sulla Questione irlandese. E Marx tu u canusci.

Una domandina: ma con la tua ZES siciliana “IRLANDESE” (senza sovranità) come la mettiamo?. Ma la domanda finale è: chi siamo noi per dare lezioni e dare perfino dei “venduti” a SINN FEIN?. Mi fermo qui. Che resti una discussione accuddhì, tra noi, megghjiu è. Quanto alla propaganda spicciola anti-UE, a noi non serve. SIAMO ANTI-IMPERIALISTI. Punto.

ERIN GO BRAGH! – ERIN GO BRAGH!- ERIN GO BRAGH!

MARIO DI MAURO-Fondatore di TerraeLiberAzione

spot-libro

copterra-1-2017terraeliberazione-n°1/2-2017

ira-gheddafi

Annunci