SIMENZA VIVA

Ricordando Vito Tartaro

(3 Ottobre 1938-12 Febbraio 2014)

Quattro anni fa se ne andava il nostro caro Vito, poeta civile, cantore profondo di un paesaggio storico-naturale e combattente per la Libbirtà do Populu Sicilianu e dei Popoli del Mondo.

Lo ricordiamo con una sua riflessione poetica e politica, che è parte di un immenso lascito alle Generazioni che verranno:Spriveri Sulitariu” – Lu Zottu avi la facci di la morti.

Lo Sparviero volava realmente sopra lu Zottu, che è il nome di una piccola contrada di Ramacca: calanchi aridi ed arcaici, Terra Antica e quasi scordata dal Tempo, erosa dal vento e dalle piogge diluviane… che appare abbandonata pure dai topi di campagna!.

Lu Zottu è metafora di un “Mondo”. Lu Zottu è pallido, giarnusu, come la Morte, eppur di Bellezza e di Segreta Vita che solo il Sintimentu Attento del Camminatore Poetante e R/Esistente, nel suo siciliari, può intravedere.

All’occhio colonizzato –u Zottu- può apparire come un set cinematografico: da un western a “Guerre Stellari”.

Allo Sparviero siciliano – che lo sorvola ormai solitario –questo Luogo dell’Anima appare come metafora di un’Isola e di un Popolo perduti a sé stessi, ma non privi di furmiculìu di Vita.

Certo, “la Sicilia è Zottu, cà li Siculicani hannu li pedi cca, e la menti a Roma. E forgianu catini pi li figghi”. Ed “emigraru macari l’ariddi, li scursuna…”. O spalummaru, cercando una Libertà che qui è negata.

Ci resta solo “vilenu annacatu di lu ventu”?. Veleno dondolato dal Vento…

“Ruina nni carrrata sdisulata, ca scumparennu arrerri crisciavanti…” – Vecchie Vie di Vita desolate e senza Futuro…

No, “vola, spriveri, vola a Palikè!… arricugghennu lu Spiritu di patria di Duceziu. Poi, ripusatu e forti, vola àvutu e lassalu chioviri supra tutti li genti di Sicilia!”.

Lu “Zottu-Sicilia” avi la facci di la morti (ma è furmiculìu di Vita).

“Spriveri sulitariu” venne pubblicato nella raccolta “Russu Ramacca” nel 1994, con una magnifica prefazione del grande Salvatore Di Marco: “É poesia la bellezza della natura, è poesia la sofferenza dell’uomo nella sua lotta secolare contro l’ingiustizia e le alienazioni”.

Caro Vito, salutandoti –in quella inedita Assemblea laica di commiato che hai voluto- ti abbiamo detto: “sul Grande Libro della Lotta per la Verità Siciliana, da geniale autodidatta, hai scritto, con la tua Vita, una pagina immortale: “alla faccia dei siculicani!”. Ne avremo cura. Te lo giuriamo col nostro arcaico “Beddha Matri, ass’annurbari!”.

Semu di Parola. “Vola, spriveri miu, vola, sicuru / Ca t’accuccia amurusa Matri Terra!”.

Questo volo, queste ali combattenti, sono mosse da un “anticu amuri”, come due sorelle : “Sicilia e Libirtà!”.

“Se non ci fossero giunti 14 dei 40 Libri che componevano la Biblioteca Storica di Diodoro di Agira, vissuto nel I secolo a.C., non sapremmo nulla del Ducezio dei Siculi che nel quinto secolo a.C. condusse la prima Guerra d’Indipendenza che la Storia ricordi” (Vito Tartaro –TerraeLiberAzione 1991).

Se non avessimo avuto il nostro caro Vito non ci saremmo appassionati a quella Storia antica –e così attuale- e ai suoi Luoghi, che in critica continuità ci vedono oggi combattere nelle nebbie per la liberazione della nostra Terra Sacra in questo Tempo oscuro che li vede tormentati da uno Spettacolo coloniale che ne sradica e inebetisce le Genti, mascariandone e occultandone la Memoria.

Vito vive come Simenza Fertile sul Cammino del Sicilianu Novu.

La comunità siciliana “TerraeLiberAzione”.

@Catania/Palermo/Berlino, 12/2/2018.

***

 

Spriveri Sulitariu

Lu Zottu avi la facci di la morti (ma è furmiculìu di Vita)

Dalla raccolta: “Russu Ramacca: poesie siciliane”, Caltagirone, Edicalata 1994.

 

Spriveri sularinu ca filii

Nta lu giarnumi di lu Zottu’n cerca

Di pirnici latini, di cunigghia

Affrivigghiati di cravunchia a marza,

Lu Zottu avi la facci di la morti

E ammatula ti ntesti a scumijari

Vita c’allonga vita a chidda to:

Emigraru l’ariddi, li scursuna

Cangiaru ressa, li surgi spireru

Cà li vini di l’erba sunnu rivuli

Di tossicu e d’estati la frascami

È vilenu annacatu di lu ventu.

 

Ascuta sta prijera e falla to,

Spriveri sulitariu, cu la forza

Di l’urtima spiranza, ca mancannu

Ruina ni carrrata sdisulata

Ca scumparennu arrerri crisciavanti,

Suli a li spaddi e all’occhi notti funna.

Lu Zottu avi la facci di la morti

E la Sicilia è Zottu cà li Siculicani

Hannu li pedi cca e la menti a Roma,

Lu so suduri avvicira strania

E forgianu catini pi li figghi.

Ascuta sta prijera, prima ancora

Ca ripusannu l’ala, na matina

Abbrisci Zottu, e Zottu la spiranza.

 

Vola, spriveri, vola a Palikè,

Acchianitinni a Munti Catarfàru,

Passa a Miniu, junci a Terravecchia

Di Grammicheli, va’ a Cartagiruni,

Scinni a Tribranchi e a lu Chianu Casazzi,

Parti pi Murgantina e Munti Judica,

Torna nta la Muntagna di Ramacca,

Tagghia pi Patirnò, girala tutta

la chiana di Catania arricugghennu

Lu spiritu di patria di Duceziu;

Poi, ripusatu e forti, vola àvutu

Di Trapani a Missina, di Palermu

A Siracusa e lassalu chioviri

Supra tutti li genti di Sicilia.

 

Aspetta ca rijunca all’innumani

L’anticu amuri, ca si fannu soru

Sicilia e Libirtà, e poi ripigghia

A filijari supra di lu Zottu,

Furmiculiu di vita, mentri jusu

La natura accumpagna li pueti

Chi cantanu la to bella avvintura.

Vola, spriveri miu, vola, sicuru

Ca t’accuccia amurusa Matri Terra

Quannu, pusata l’ala, na matina

Abbrisci Zottu, e Zottu la Sicilia.

 

Catania, 12 Febbraio 2014. Si è spento nella sua Ramacca, vegliato dall’affetto di un intero paese, il nostro caro Vito Tartaro, poeta civile e Maestro di Libertà, Indipendentista siciliano e Internazionalista sociale.

 Il suo viaggio di conoscenza su questa Terra cominciò il 3 Ottobre dell’anno 1938.

 Lo “Sciamano di Palikè”, il cantore della nostra “Montagna Salvata”, lascia, insieme a tantissimi figli naturali e spirituali, una eredità culturale extra-ordinaria.

 E’ difficile spiegare, in questo momento, quanto importante sia stata la sua presenza –(a volte critica ma sempre affettuosa, attiva e operativa, da “portiere esperto”)- anche in tanti momenti del Cammino della Fratellanza “Terra e LiberAzione”.

Perdiamo, tutti, un vero Poeta Militante. Se ne incontrano pochi nella Vita, perché ne nascono pochi, uno ogni tanto.

 Buon Viaggio, Vito!

Sul Grande Libro della Lotta per la Verità Siciliana, da geniale autodidatta, hai scritto, con la tua Vita, una pagina immortale: “alla faccia dei siculicani!”. Ne avremo cura. Te lo giuriamo col nostro arcaico “Beddha Matri, ass’annurbari!”.

Grazie di tutto, Poeta e Amico Vero.

Re Sesan Ires!.

@ Catania, 12 Febbraio 2014. Mario Di Mauro, per la Fratellanza “Terra e LiberAzione”

vito t

Annunci