Archivi per la categoria: Uncategorized

La seconda Guerra Mondiale (1939-1945). Ripuliti i fatti dalle ideologie, purificata la nostra stessa Memoria, quello che resta della seconda GUERRA MONDIALE è uno scontro micidiale tra Potenze concorrenti, che si risolse nella divisione del Mondo in due, dell’Europa in due, della Germania in due, di Berlino in due. E nella lunga ritirata dei vecchi imperi coloniali europei…”vincitori”, scatenata dall’indipendenza dell’India e, soprattutto, dalla fondazione della Repubblica Popolare Cinese di Mao.
Nel luglio del 1943 – con l’Operazione Husky – gli “Alleati” (sostenuti da una efficace Resistenza contro il nazifascismo) occupano la Sicilia. E’ la fine di un Regime, ma, come vedremo, non è quello per cui combatterono i Partigiani siciliani.
Il 24 ottobre 1943, ben oltre la temporanea A.M.G.O.T. (il Governo militare dei Territori Occupati)- era nata anche la SICILY REGION 1 di Washington nel Mediterraneo, che permane come un “non detto” sotto un Cielo popolato di aerei stranieri, droni assassini, santi che non funzionano e G7 in gita turistica. Questa Sicilia è un’Isola contesa, giocata come carta geopolitica da ROMAFIA CAPITALE nella sua relazione strategica con l’Amico amerikano. Un’Isola del Tesoro ridotta a Paese di Poveri costretti all’emigrazione di massa. Un’Isola OSTAGGIO avviata alla deriva nelle Tempeste del Secolo XXI.

STUDIALO TUTTO:

https://terraeliberazione.files.wordpress.com/2017/04/terraeliberazione-marzo-aprile.pdf

canepa 1

leggi anche:

http://contropiano.org/regionali/sicilia/2017/12/13/catania-sigonella-gerusalemme-098720

Annunci

Chi scappa da una GUERRA va aiutato. Sempre.
Punto.
Le GUERRE -al momento- le scatena l’IMPERIALISMO EURO-ATLANTISTA.
IL NEMICO E’ A CASA NOSTRA!.
Punto.

Cosa ne sai -veramente- della Libia Socialista di Gheddafi? E della MONETA AFRICANA di SVILUPPO che ne causò la distruzione terroristica da parte della coalizione imperialista più grande della Storia?. Cosa ne sai?.

libro

Nell’epoca del VOLO AEREO > lo SPAZIO AEREO è un campo di battaglia. E’ territorio strategicamente conteso. E come ogni altro SPAZIO siciliano (terrestre o marino) anche lo SPAZIO AEREO è un territorio a multiforme dominio neocoloniale: civile e militare. Lo SPAZIO AEREO siciliano è dominato nella relazione strategica tra ROMAFIA CAPITALE e WASHINGTON.

Il MERCATO MONDIALE nell’EPOCA del VOLO AEREO è determinato da STRATEGIE POLITICHE SOFISTICATE sulle quali interi STATI investono con lungimiranza: gli Emiratini del Golfo, con un aeroporto e una compagnia aerea, in appena trent’anni, vi hanno costruito una NAZIONE!.

La Sovranità sullo Spazio Aereo, nell’Isola CONTESA, l’abbiamo stimata in 45.000 kmq. Al centro del Corridoio mediterraneo che collega l’Oceano Atlantico all’Oceano Indiano, sul quale scorre circa 1/3 del commercio e dell’informazione globali > la COLONIZZAZIONE dello SPAZIO Aereo dell’Isola CONTESA, tanto nella sua dimensione CIVILE quanto in quella MILITARE, proietta in Cielo i conflitti del suo TerraMare. Come in Terra così in Cielo.

Nell’EPOCA del VOLO AEREO, l’ISOLA senza CIELO è un’Aquila senza Ali, nell’impotenza cafona e parassitaria della Regione tricolorata della SICILIA ITALIENATA, con le sue Cam Com squattrinate e truffaldine > sintesi di una borghesia coloniale, mercenaria e squattrinata, “incapace di conquiste spettacolari” – che si azzuffa in faide campanilistiche, sprofondando nelle nebbie coloniali dei suoi “porti senza mare”. E’ l’Isola REMOTA di Bruxelles che elemosina sconticini sui ticket impugnando la sua “insularità handicappante”. E’ l’idiotismo del colonizzato (credit: Gramsci e Fanon).

https://terraeliberazione.files.wordpress.com/2017/02/terra-gennaio-febbraio2017.pdf

copterra-1-2017

brux 2

bruxelles

 brux 1

@TerraeLiberAzione-Der Neuer Sizilianer

Ottima diffusione del nostro documento di adesione. Unici presenti dalla Sicilia. Notevole la presenza degli indipendentisti sardi, con cui abbiamo fraternizzato. Abbiamo fatto il possibile, grazie al nostro nucleo di Berlino. Bravi!. (seguirà un report di questa bella giornata di LOTTA E DIGNITA’)

 

https://terraeliberazione.wordpress.com/2017/11/28/visca-catalunya-7-dicembre-a-bruxelles-aderiamo-alla-manifestazione-internazionale-per-lautodeterminazione-del-popolo-catalano-la-nostra-solidarieta-al-popolo-catalano-e/

 

Sostieni il LAVORO di TerraeLiberAzione!

ISTITUTO MEDITERRANEO PER LA DEMOCRAZIA DIRETTA –“TERRAELIBERAZIONE”

CREDEM – IBAN

IT51 U030 3216 9030 1000 0003 162

CIN – U / ABI – 03032 / CAB -16903

CONTO- 010 0000 03162 – COD BANCA- BACRIT 21476

-> scrivici alla mail edizioniterraeliberazione@gmail.com

copterra-1-2017terraeliberazione-n1-2017cuncumiu 33

 

rossomarcio

testata-agosto2016terraeliberazione-agosto2016 

Jean-Baptiste Malet

Rosso marcio -edizioni Piemme

Cos’hanno in comune la pizza, il ketchup e il sugo per gli spaghetti? Il concentrato di pomodoro. Un prodotto internazionale, conosciuto e usato in tutto il mondo, che viaggia attraverso i continenti stipato in grandi barili prima di essere lavorato in stabilimenti italiani, francesi, spagnoli, in alcuni dei quali un pomodoro vero non è mai entrato, e da cui uscirà in barattoli decorati da paffuti e rossi frutti che evocano una freschezza immaginaria.

L’industria del pomodoro è una delle più grandi e importanti del pianeta e crea profitti enormi. Al tavolo dei giganti del settore, l’Italia siede da padrona insieme a Stati Uniti e Cina. Di fianco a molti produttori seri, tuttavia, una galassia di imprese opera in ambiti in cui facili ricavi, frodi alimentari e criminalità organizzata sono una cosa sola. Le importazioni in Italia di concentrato cinese sono lievitate in pochi anni; da noi il prodotto, generalmente di bassa qualità, viene tagliato con additivi, coloranti e acqua e destinato a mercati lontani e poco esigenti. Ma altre volte, come nel caso di ditte ben note alle forze dell’ordine per l’utilizzo di pomodori da zone contaminate o di concentrato inadatto al consumo umano, finisce direttamente sugli scaffali dei colossi della grande distribuzione europea.

Con un’inchiesta sul campo durata più di due anni, l’autore ha ricostruito l’inquietante e lucrativa filiera del pomodoro industriale, che attizza gli appetiti delle mafie di ogni paese. Dai distretti cinesi alle fabbriche californiane, fino alle piantagioni e agli impianti del Sud Italia dove lo sfruttamento di manodopera irregolare è una prassi, questa indagine è una discesa agli inferi che rivela molto dell’inganno della globalizzazione. E di quanto veleno si nasconde nel rosso brillante dei nostri piatti preferiti.

 

per contatti scrivici a:

edizioniterraeliberazione@gmail.com

Terra e Lib pag1

volantino

Visca Catalunya!

pacenzia

Visca Catalunya!

7 DICEMBRE A BRUXELLES –aderiamo alla MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE per l’AUTODETERMINAZIONE del POPOLO CATALANO. La nostra SOLIDARIETA’ al POPOLO CATALANO e al suo storico DIRITTO all’AUTODETERMINAZIONE! –

 

7 DE DESEMBRE A BRUSEL-LES – ESTAREM A LA MANIFESTACIÓ INTERNACIONAL PER AUTODETERMINACIÓ DEL POBLE  CATALÀ. LA NOSTRA SOLIDARITAT AMB EL POBLE CATALÀ I EL SEU DRET HISTOPRIC A L’AUTODETERMINACIÓ!

7th DECEMBER IN BRUSSELS – we participate at the INTERNATIONAL DEMONSTRATION  for the SELF DETERMINATION of the CATALAN PEOPLE.  Our SOLIDARITY with the CATALAN PEOPLE and its historic RIGHT to SELF-DETERMINATION!

DEZEMBER 2017 IN BRÜSSEL– wir schließen uns der internationalen Demo für die Selbstbestimmung des katalanischen Volkes an. Unsere SOLIDARITÄT gilt dem KATALANISCHEN VOLK und seinem HISTORISCHEN RECHT auf SELBSTBESTIMMUNG!

@ La Comunità Siciliana “TerraeLiberAzione”

@ Der Neuer Sizilianer -(Berlino)

@ Ass. SICILIA-CATALUNYA (…)

per contatti e adesioni scrivere a: edizioniterraeliberazione@gmail.com

VISCA CATALUNYA

Visca Catalunya!

La nostra SOLIDARIETA’ al POPOLO CATALANO e al suo storico DIRITTO all’AUTODETERMINAZIONE!

Comunicato congiunto: Comunità Siciliana TerraeLiberAzione – Der Neuer Sizilianer (Berlino) / Ass. SICILIA-CATALUNYA.

La civile SFIDA CATALANA pone DOMANDE CRUCIALI sull’AVVENIRE della nostra CASA COMUNE: L’EUROPA. Domande che trascendono la stessa “Questione catalana”.

Ma QUALE EUROPA vogliamo?. Una UE ridotta a maschera di una CUPOLA MAFIOSA di BANKIERI USURAI & BUROCRATI FOLLI?

Ma QUALE EUROPA vogliamo?. Una PALUDE rissosa di stati-nazione vestfaliani, desueti e sterili: condannati al SUICIDIO storico, ma alleati contro il DIRITTO all’AUTODETERMINAZIONE dei POPOLI?.

Ma QUALE EUROPA vogliamo?. Una piccola penisola dell’Asia infeudata ai cowboy arroganti, ignoranti e confusi dell’Imperialismo anglo-amerikano?

Ma QUALE EUROPA vogliamo?. Una prigione di popoli omologati e irreggimentati nelle GUERRE GLOBALI prossime venture?

Ma QUALE EUROPA vogliamo?. Un Continente egemonizzato da Forze Mentali che considerano “porci e parassiti” i POPOLI del MEDITERRANEO, “straccioni irriconoscenti” i POPOLI dell’EST e “nemica” la Russia?.

Ma QUALE EUROPA vogliamo?. Una “KernEuropa” che bacchetta tutti con le sue “lezioni contabili” vergando pagelle in stile neocoloniale, col suo MARCO travestito da “euro a due velocità” e le sue ZES!.

Ma QUALE EUROPA vogliamo?. Quella che costruisce un MURO sull’ACQUA contro l’AFRICA salvo bucarlo con i suoi “bombardieri tricolorati” e i suoi gasdotti, oleodotti, elettrodotti…di saccheggio coloniale energetico?. Altro che Piano Marshall!.

La civile SFIDA CATALANA pone DOMANDE CRUCIALI sull’AVVENIRE della nostra CASA COMUNE: L’EUROPA. Domande che trascendono la stessa “Questione catalana”.

Come SICILIANI coscienti rimarchiamo i nostri LEGAMI STORICI col POPOLO CATALANO: dalla RIVOLUZIONE del VESPRO 1282, con la nostra Regina Costanza, fino agli ingegneri siciliani che costruirono i PONTI di BARCELLONA nel Trecento e ad ARTALE ALAGONA, Gran Giustiziere e capo degli indipendentisti siciliani… Ma tanto la STORIA siciliana è sconosciuta!.

La Sicilia è “catalana”, la Catalunya è “siciliana”!.

La LOTTA per la SOVRANITA’ catalana è la NOSTRA LOTTA!.

Visca Catalunya!.

VISCA CATALUNYA

Visca Catalunya!

Comunicat conjunt: TerraeLiberAzione – Der Neuer Sizilianer (Berlín) /Ass. Cult. Sicília-CATALUNYA .

La Societat Civil catalana fa el repte de posar preguntes crucials sobre el futur de la nostra casa comuna: Europa. Preguntes que transcendeixen la mateixa “pregunta catalana”.

Però, quina EUROPA volem? Una UE reduïda a la màscara d’una cúpula mafiosa, de banquers usurers i de buròcrates folls?

Però, quina EUROPA volem? Un preludi dels Estats –Nació westfalians, obsolets i estèrils: condemnats al suïcidi històric, però aliats contra el dret a l’autodeterminació ?

Però, quina EUROPA volem? Una petita península d’Àsia infundada pels cowboys arrogants, ignorants i confusos de l’imperialisme angloamericà?

Però, quina EUROPA volem? Una presó de pobles homologada i regimentada per una possible guerra global ?

Però, quina Europa volem? Un continent egemonitzat de força mental en el que es consideren “porcs i paràsits” els pobles de la Mediterrània i “captaires” als pobles de l’est enemics de Rússia?

Però, quina Europa volem? Una vareta “KernEuropa” que ho gestiona tot amb la  seva “lliçó comptable” aplicant el seu estil neocolonial, amb el seu marc travestit d ”Euro a duges velocitats” i la seva zona econòmica especial !.

Però, quina Europa volem? La que construeix una paret sobre l’aigua contra AFRICA i els seus gasoductes, oleoductes, línies elèctriques … fent saqueig colonial de l’energia ?. A part del Pla Marshall!

La societat catalana posa unes preguntes crucials sobre el futur de la nostra casa comuna: Europa. Preguntes que transcendeixen la mateixa “pregunta catalana”.

Com Sicilians conscient remarquem de nou els nostres vincles històrics amb la gent CATALANA: la Revolució de Vespro 1282, amb la nostra reina Constança, fins els enginyers de Sicília que van construir els pont de Barcelona al segle XIV… Però hi ha tant de l’historia de Sicília i Catalunya desconegut!

Sicília és “catalana”, Catalunya és “siciliana”!

LA LLUITA PER LA SOVERANIA CATALANA ÉS LA NOSTRA LLUITA!

Visca Catalunya!

VISCA CATALUNYA

Visca Catalunya!

Unsere SOLIDARITÄT gilt dem KATALANISCHEN VOLK und seinem HISTORISCHEN RECHT auf SELBSTBESTIMMUNG!

Die zivile Herausforderung der Katalanen wirft essentielle Fragen über die Zukunft unseres gemeinsames Hauses – Europa – auf. Fragen, die über dieselbe “katalanische Quästion” hinausgehen.

Welches Europa wollen wir denn?

Eine EU, maskiert von einer mafiösen Kommission aus Bänker, Wucherer und verwirrte Bürokraten?

Welches Europa wollen wir?

Ein streiterischer Sumpf bestehend aus einem westfälischen Staatensystem von obsoleten und sterilen Nationen, die zum historischen Suizid verdammt sind, aber verbündet gegen das Recht auf Selbstbestimmung der Volker antreten?

Welches Europa wollen wir?

Eine kleine feudale vorderasiatische Halbinsel, die an arrogante, ignorante und vom anglo-amerikanischen Imperialismus verdummte Cowboys überlassen wurde?

Welches Europe wollen wir?

Ein Gefängnis bestehend aus homologierten und für kommende Weltkriege reglementierte Völker?

Welches Europa wollen wir?

Ein Kontinent, der von “Mentaler Mächte” ihr eigen gemacht wurde, für denen die Völker am Mittelmeer “Schweine und Parasiten”, die Osteuropäer “undankbare Landstreicher” und Russland ein “Feind”, sind?

Welches Europa wollen wir denn?

Ein “Kern-Europa”, mit Zuckerbrot und Peitsche, die mit ihren neukolonialistischen “Lektionen in Buchhaltung” Zeugnisse ausgibt, mit ihrer als “Euro der zwei Geschwindigkeiten” getarnter DEUTSCH-MARK und ihrer Sonderwirtschafszonen.

Welches Europa wollen wir?

Ein Kontinent, der Mauern über Wasser “zum Schutz” gegen Afrika errichtet, die dann mit “tri-kolorierten Bomber” durchbohrt werden, und ihren Gas- und Ölleitungen, im Sinne einer kolonialistischen Plünderung der Energieressourcen?

Wir SIZILIANER betonen unsere historischen Verbindungen mit dem Katalanischen Volk: beginnend mit der Revolution der Vesper von 1282, mit der sizilianischen Königin Konstanze von Aragòn; zu den sizilianischen Ingenieuren, die die Brücken von Barcelona im 3. Jahrhundert bauten; bis hin zu Artale Alagona, ein katalanischer Politiker, der die sizilianische Unabhängigkeitsbewegung leitete… Aber die echte Sizilianische Geschichte ist ja unbekannt!

Sizilien ist “katalanisch”, so wie Katalonien “sizilianisch” ist!

Kataloniens Kamp für ihre Souveränität ist auch unser Kampf!

Visca Catalunya!.

 VISCA CATALUNYA

Visca Catalunya!

Our SOLIDARITY with the CATALAN PEOPLE and its historic RIGHT to SELF-DETERMINATION!

The civilian CATALAN CHALLENGE poses crucial questions about the future of our common house: EUROPE. These are issues that go beyond the “Catalan question”.

But what kind of Europe do we want?

An EU that is reduced to the mask of a Mafia Commission made out of bankers, usurers and crazy bureaucrats?

What kind of Europe do we want? -A swamp made out of quarrelling Westphalian nation states – obsolete and sterile: condemned to historical suicide, but allied in their rejection of the people’s right to self-determination?

What kind of Europe do we want? -A feudal little Asian peninsula given to arrogant cowboys, who are ignorant and confused by their anglo-amerikan Imperialism?

What kind of Europe do we want? -A prison of homologated people, regimented in forthcoming global wars?

What kind of Europe do we want? -A continent hegemonised my Mental Forces that consider the People of the Mediterranean “pigs and parasites”; the People of the East “unthankful bums”, and Russia an “enemy”?

What kind of Europe do we want? – A “Kern-Europa” that scolds everybody with its “bookkeeping lessons” and hands out report cards in neo-colonialist style, with its DEUTSCHMARK disguised as “two-speeded Euro” and its Special Economic Zones!

What kind of Europe do we want? – One that constructs a wall on water against Africa, only to puncture it with its “tri-coloured bombers” and its gas and oil pipelines, and its power lines… looting energy in a colonialist style?

We SICILIANS are very well aware of our historic ties with the Catalan People: From the Revolution of the Vespers in 1282, with Constance of Sicily, Queen of Aragon; to the Sicilian engineers who built the bridges in Barcelona in the 1300s; to Artale Alagona, a catalan politician who led the Sicilian Independence movement… But the real Sicilian history is mostly unknown!

Sicily is “catalan”; Catalunya is “sicilian”!

The fight for Catalan Sovereignty is also our fight!

Visca Catalunya!.

bannerfrasi-1

1976976_10206094688999849_6084997190926278476_n

banner-terra-1

leggi anche: http://timesicilia.it/dalla-sicilia-bruxelles-la-catalogna-solidarieta-non-solo/

 

MANIFESTAZIONE CONTRO LE EMISSIONI DI VELENI INDUSTRIALI E LE MORTI PER CANCRO
SABATO, 2 DICEMBRE
ORE 15.30, PIAZZA AMERICA – AUGUSTA

IL MARE COLOR DEL MERCURIO

Questo nostro intervento è uscito nel 2002… anche su diversi giornali (La Sicilia ecc.) e siti web.

Priolo (Sicilia)- L’hanno visto in tanti il mare color del mercurio il 10 settembre scorso su quella che fu, un tempo, la costa degli Dei. Sikani e Siculi, pacifici coloni megaresi e mercanti punici, oltre tremila anni fa, celebravano la Vita a Thapsos e in quelle terre che galleggiavano sulle dolci acque di un’immenso lago sotterraneo… Questa natura generosa permise fioriture di civiltà almeno fino alla caduta della Siracusa di Archimede nella trappola di Roma, che saccheggiò la pentapoli aretusea e ridusse la Sicilia in granaio e galera di schiavi, i quali si rivoltarono in più occasioni restituendo all’uomo la dignità che un Potere devastante gli aveva sottratto.

Questa Sicilia ne ha viste di tutti i colori…ma il mare color del mercurio, e i pesci morti, e i criaturi che nascono deformi, e i nostri amici di Priolo, e Melilli, ed Augusta, e Belvedere… che a quarantanni se li porta via il cancro fulminante, accuddhì… tutto questo non s’era mai visto. Ora, una tempesta giudiziaria nel mare color del mercurio, ci sta restituendo le cifre di quello che sapevamo già, anche se pochi hanno avuto il coraggio di parlarne, in questi anni di silenzi complici, ricatti e paure: 1100 bambini nati deformi, migliaia di aborti “terapeutici” (quasi uno al giorno!), cancro di massa…devastazioni ambientali irrimediabili. Se non è colonialismo questo!

Il sottosuolo è stato svuotato d’acqua pura dall’idrovora del petrolchimico, per decenni, e riempito di melme all’arsenico e al nichel, al benzene e all’ammoniaca…Hanno bruciato pare il 40-50 per cento dell’acqua siciliana: ogni discorso sulla crisi idrica dovrebbe cominciare da questi dati (qualcuno li renda noti, c’è uno studio della Regione ammucciato ora non so dove, ma c’è!). Il novanta per cento dei rifiuti speciali prodotti in Sicilia finiscono non si sa dove, in violazione di ogni legge e di ogni regola di buon senso.

Profitti! Profitti! Non vedono altro, e pure scherza qualcuno sulla morte della Terra: “butta a mare, sduvaca…che avveleniamo tutto!”, questo si dicevano certi di impunità…alcuni dei dirigenti Enichem arrestati il 16 gennaio 2003 su ordine della Procura di Siracusa, per “illegale smaltimento di rifiuti tossici”.Vorrei sperare che non finisca come a Marghera: tutti assolti, perchè non potevano sapere, lì, che il CVM provoca il cancro…In verità è addirittura dal 1949 che il CVM è segnalato come epatossico, causa del morbo di Raynaud e altre sciagure. La Corte marziale ci vuole e il reato è quello di strage!

Ecco: la Verità ci serve, tutta. Per restituire questo pezzo di Sicilia alla sua Bellezza originaria. E la Regione non faccia “spettacolo” annunciando di volersi costituire parte civile, veda piuttosto di porre fine alla cecità, di star vicina alle famiglie delle vittime che in massa, loro, dovrebbero costituirsi parte civile; la Regione, la Politica siciliana tutta, veda di elaborare un avvenire post-industriale per l’area siracusana, magari alzando uno sguardo siciliano sul Mondo, per scoprire che in Germania, nella Ruhr, che fu il cuore dell’industria tedesca (carbone ecc.), hanno messo in campo e realizzato in soli 10 anni ben 120 progetti integrati per la riconversione in polo culturale, turistico, per la ricerca e perfino per l’ecologia. Sarebbe la cosa da fare, ma non fra centanni. Intanto il mare ha ancora il color del mercurio e l’aria il sapore della morte.

Enrico Mattei si vantava spesso “di aver violato per ottomila volte leggi, decreti, ordinanze, perchè l’Agip potesse svolgere i propri lavori senza rispetto per i suoli e per i centri abitati”…Qualcuno lo vorrebbe pure santificare. Oggi qualche magagna viene a galla, ora che l’ENI sta uscendo dalla chimica e che l’unico indotto in espansione è quello rappresentato dalle cliniche oncologiche e affini (dopo mille denunce, perfino l’O.M.S., l’Organizzazione Mondiale per la Sanità, parla di abnorme incidenza dei tumori nelle città siciliane della chimica, nonchè del 7 per cento di bambini nati deformi …Anche se Cuffaro, a Gela, disse: “l’inquinamento non esiste!” nè si può tacere di quella nota associazione ambientalista che promuove campagne nazionali coi danari della Montedison!).

Nella petrolchimica lo scenario è da sempre globale…Anche stavolta ciò che accade in Sicilia, accade nel Mondo. Ma neanche nella disperata Nigeria una multinazionale si può permettere di fare quello che stanno facendo in Sicilia e nel modo in cui lo stanno facendo. E la logica da petrolkiller è la stessa che, dai tempi di Cefis, punta solo a massimizzare i profitti considerando la sicurezza e la salute “un dogma da distruggere” (cito da un documento di programmazione della Montedison per il triennio 1978-1980).

In questi ultimi decenni di saccheggio neocoloniale del territorio siciliano sono riusciti anche a far scomparire nel “nulla” qualcosa come 150 milioni di tonnellate di rifiuti nocivi della petrolchimica: e non ci si venga a dire che è colpa della mafia, perchè quella, semmai, è solo una lurida “società di servizi”, nonchè il più comodo alibi spettacolare della dominazione neocoloniale sulla Sicilia. U pisci feti da testa e, sebbene di teste fetenti ce ne siano molte anche qui, questa non è in Sicilia.

@ MARIO DI MAURO-(ARCHIVIO CENTRALE IST. TERRAELIBERAZIONE/ in Volumi-2000-2003).

*** 

Dal nostro caro don Palmiro Prisutto, prete di Augusta -nostro amico da 30 anni- riceviamo e pubblichiamo (luglio 2016):

Mi chiamo Palmiro Prisutto. Sono nato ad Augusta ed ho 61 anni.
Sono residente ad Augusta e sono sacerdote cattolico ordinato nel 1979.
Ho svolto i primi quattro anni di ministero dal 1979 al 1983 nella città di Floridia (provincia e diocesi di Siracusa).
Altri dieci anni li ho vissuti nella parrocchia di Santa Lucia ad Augusta.
Sono stato parroco per 21 anni nella parrocchia San Nicola a Brucoli frazione di Augusta.
Da oltre due anni svolgo il ruolo di parroco nella chiesa Madre di Augusta, la chiesa principale.
Insegno religione dal 1988 presso l’Istituto tecnico industriale statale di Augusta.
Prima del 1988, per dieci anni, ho insegnato in scuole medie inferiori. La mia decisione di andare ad insegnare nelle scuole superiori è derivata proprio dalle vicende ambientali.
Proprio con l’insegnamento nelle scuole superiori, nell’ITIS in particolare, sono uno di quei docenti che prepara e forma gli alunni che andranno a lavorare nel polo industriale.
A scuola dedico molto tempo a trattare gli aspetti etici del lavoro: è importante far capire a questi giovani che il lavoro non è solo una merce; il lavoro è ed ha dignità; il lavoro è progresso; il lavoro ha anche delle regole anche etiche; e queste vanno rispettate sia da chi lo dà sia da chi lo svolge nel rispetto della persona e dell’ambiente. A chi, mi ha contestato, che come docente di religione “non dovevo” trattare questi argomenti “che non avevano nulla a che fare con la religione” ho replicato che questa problematica fa parte della religione a pieno diritto in quanto esiste il comandamento “non uccidere” e poiché l’inquinamento fa soffrire e morire questo diventa una causa di morte, rientrando nelle problematiche legate al comandamento, alla pari della violenza, della fame della droga, ecc.

I miei alunni un giorno varcheranno gli ingressi delle aziende dell’area industriale, perché su questo territorio, purtroppo, di lavoro esiste prevalentemente solo questo; e quando, terminato il tempo della formazione, saranno costretti ad “accettare” questo lavoro si ricorderanno non solo degli aspetti tecnici, ma anche quelli etici.
Ho insegnato loro che, (anche se non sempre lo faranno), che ad ogni richiesta del datore di lavoro non si può rispondere solo con l’ubbidienza passiva ed acritica. Molti operai, miei ex alunni, avvertono un conflitto interiore, di fronte a certe richieste e a certe logiche di profitto: purtroppo, sotto la minaccia di sanzioni o ritorsioni, sono costretti ad ubbidire. Il pane alla famiglia va portato; purtroppo al lavoro si lega spesso solo il concetto del pane, ma questo pane per tanti operai e le loro famiglie si tratta, sì, di pane, ma purtroppo di “pane avvelenato”.
Ritengo doveroso, per quanto è nelle mie possibilità, contrastare, anche a livello ideologico, quella mentalità ormai radicata perfino nel pensiero delle giovanissime generazioni che “È MEGLIO MORIRE DI CANCRO CHE DI FAME”. La rassegnazione di questi operai e delle loro famiglie di fronte al ricatto occupazionale la considero come la malattia più grave del territorio. Non si tratta certamente di una malattia fisica.
I nostri padri, pur nella precarietà dell’esistenza, dicevano invece: “A CHE SERVONO I SOLDI SE NON C’È LA SALUTE”? Ad Augusta e dintorni, questa massima, ormai, sono solo in pochi a sostenerla.
È noto che nel processo di formazione (=indottrinamento) degli operai da parte delle aziende gli ambientalisti o quelli come il sottoscritto vengono fatti passare come quelli che vogliono la chiusura delle fabbriche e conseguentemente sono i “nemici” da combattere. Personalmente, non ho mai sostenuto la chiusura del polo industriale, ma l’adeguamento tecnologico e il rispetto delle leggi contro l’inquinamento.
Premetto che non sono un medico, né un esperto o un tecnico del settore, né un politico, né amministratore o qualcosa del genere.
Proprio a causa del particolare ruolo sociale che svolgo ho una lettura un po’ diversa da come potrebbero averla altri. Ho affrontato questa delicata problematica soprattutto dal punto di vista umano ed etico.
Per via del mio particolare lavoro sono a contatto con tanta gente: ascolto, raccolgo segreti e confidenze, vengo a conoscenza di fatti di cui non si può parlare liberamente per via del segreto sacerdotale ed anche di tante forme di ricatto (occupazionale). Purtroppo devo celebrare anche tanti funerali di cui uno su due o addirittura due su tre sono morti di cancro. Sono cifre che non lasciano assolutamente indifferenti. E questo non riguarda solo la mia parrocchia: lo sanno bene gli altri parroci della città.

In merito alla convocazione per essere ascoltato da codesta Commissione voglio mettere a conoscenza quello che so e che può essere utile all’indagine conoscitiva in atto.
Purtroppo, in quegli anni critici (1979-83) a motivo del mio ministero ero fuori di Augusta, ma ho seguito lo stesso gli avvenimenti accaduti nella mia Città.
Alcuni fattori familiari hanno creato in me la consapevolezza della gravità della situazione sanitaria di Augusta.
OMISSIS ,,,,,,
Già dal 1979 Augusta, in seguito alle ripetute morie di pesci nella rada, era balzata agli onori delle cronache nazionali per la grave condizione di inquinamento prodotta dal polo petrolchimico.
Tra il 1980 e 1981 il numero dei bambini nati con varie malformazioni venne considerato anomalo, in quanto percentualmente superiore (doppio) alla media nazionale . A denunciare il problema fu il primario di pediatria del locale ospedale Muscatello, il Dr. Giacinto Franco, anch’egli vittima illustre del cancro, ma ormai universalmente noto per il suo impegno di denuncia di questi problemi.
Nel 1980 ci fu l’intervento dell’ISS che a conclusione dell’indagine ammise di non poter provare il nesso eziologico tra inquinamento e le patologie del territorio per mancanza o insufficienza di dati.
Se oggi questi dati non ci fossero ancora a distanza di altri quattro decenni lo riterrei estremamente grave se non addirittura deliberatamente criminale.
Nel 1980 l’allora Pretore dirigente di Augusta, Dr. Antonino Condorelli, affidò al Dr. Franco, nella qualità di CTU, l’incarico di svolgere uno studio sulle malformazioni e sulla mortalità per cancro ritenuta anch’essa eccessivamente alta.
Il Dr. Giacinto Franco, più che per l’incarico ricevuto, ma soprattutto per una vera e propria ammirevole personale missione, si dedicò ad una accuratissima ricerca dei dati, andando talvolta a trovare direttamente le famiglie dei malformati o dei morti di cancro.
I risultati sono ormai noti, così come è noto a livello mondiale il caso Augusta-Priolo-Melilli.
Del caso si sono interessati nel tempo a più riprese non solo l’ISS, ma anche l’OMS, l’ENEA, il CNR, il Ministero dell’Ambiente, lo studio SENTIERI, ecc.
Parallelamente l’opera del Pretore si rivolse alle aziende del polo petrolchimico: ricordiamo a tal proposito le sue improvvise irruzioni in fabbrica, ed il clamoroso sequestro delle cartelle cliniche di 8.500 lavoratori del petrolchimico. Da un lato il plauso della popolazione che finalmente vedeva nel Pretore un difensore della legalità e dall’altro la “rabbia” della controparte che fino a quel momento aveva inquinato indisturbata da oltre trenta anni. A livello politico avvenne l’attacco al Pretore, che per alcuni mesi “perse” la giurisdizione sui vicini centri di Melilli e Priolo. Questo fatto, però, durò solo alcuni mesi.
Va ricordato doverosamente che nel periodo 1975-80 avvenne anche la distruzione dell’abitato di Marina di Melilli (un centro abitato di 1.000 abitanti tra Priolo e Siracusa) per fare spazio – con un balletto di tangenti miliardarie agli influenti personaggi dell’epoca – all’ennesima raffineria denominata ISAB (poi ERG), e la frazione di Priolo ottenne l’autonomia amministrativa da Siracusa determinando un nuovo riassetto geografico ed amministrativo della zona a nord di Siracusa. L’insediamento dell’ISAB, definita la più grande raffineria del Mediterraneo, avvenne quando ormai la situazione igienico-sanitaria era esplosa in tutta la sua gravità e l’allarme era stato già lanciato.
Il Pretore Condorelli sfidò i poteri forti, mise alla sbarra e condannò numerosi direttori di stabilimenti, riuscì ad imporre la costruzione di un depuratore consortile IAS (entrato in funzione 1985), determinò la chiusura o l’adeguamento di numerosi reparti dove sicurezza e tutela della salute erano considerati quasi degli “optionals”. Qualche speranza si intravvedeva oltre le nubi del petrolchimico, ma nel 1983 il Pretore Condorelli fu ….. “promosso” a …. Verona.
A partire da quell’anno la pretura di Augusta non ebbe più un Pretore dirigente, ma solo pretori onorari.
E, come dice un proverbio: “Quando manca il gatto i topi ballano”.

Il mio impegno attivo nel campo dell’ecologia e della protezione civile è iniziato nel 1985, a seguito del grave incidente industriale accaduto all’ICAM (19 maggio).
Quell’incidente, ritenuto solo “spettacolare” dai sindacati dell’epoca, sol perché avvenne una domenica sera alle 23,25 (in impianto c’erano solo pochi turnisti così come nel resto della zona industriale) ha invece aperto gli occhi a tanti abitanti del tristemente famoso triangolo della morte. L’impianto per la produzione di etilene, il più moderno e più tecnologicamente avanzato dell’area industriale, saltato in aria con ben cinque esplosioni si trovava ad appena dieci metri dalla ferrovia e a meno di trenta dalla SS. 114. Se l’incidente anziché accadere alle 23,25 di domenica fossa accaduto alle 07,30 del mattino di un giorno feriale qualunque, mentre passava un treno di pendolari o le corriere con gli studenti, probabilmente ancora oggi sarebbe commemorato come uno dei maggiori disastri industriali italiani.
Il territorio di Augusta-Priolo-Melilli, occorre ricordarlo, non è un territorio tranquillo: sono almeno tre i rischi a cui è soggetto: non c’è solo quello chimico-industriale, ma anche quello sismico e quello militare.
Come già accaduto in passato i tre rischi possono unirsi amplificandone gli effetti negativi. A tal proposito ricordiamo che durante il terremoto del 1693 (storicamente molto ben documentato) esplose la polveriera del castello che ai 2400 morti del sisma ne aggiunse altri 800 portando a 3200 il numero complessivo dei morti. Ovviamente trascuriamo l’onda di maremoto di “trenta cubiti” (15 metri) che si riversò sulla città. Si è mai chiesto qualche Istituzione come sia stato possibile costruire il polo petrolchimico su un’area sismica di primo grado? Oggi, perché anziché parlare di moratoria si insiste invece a tentare di collocare, a tutti i costi, nell’area del triangolo della morte inceneritori, piattaforme polifunzionali, rigassificatori o depositi di GNL?
Rischio militare: nel passato questa città ha subito attacchi e bombardamenti ma è ovvio che il porto Augusta e la stessa area industriale oggi costituirebbero in caso di guerra (o per terrorismo) un sicuro bersaglio con conseguenze facilmente immaginabili.
Settanta anni di presenza del polo industriale hanno compromesso, forse in modo irreversibile, tutto l’ecosistema: aria, acqua, mare, suolo e sottosuolo, ma soprattutto la vita, la salute e la stessa esistenza degli abitanti.
Già solo per questo dovrebbe essere maggiormente attenzionato dalle istituzioni, che invece alle richieste della comunità che ci vive oppongono un perdurante e sprezzante silenzio o non risposte, o promesse di tavoli tecnici, o interventi che non arrivano mai. E intanto non solo chi lavora dentro il polo petrolchimico, ma anche la gente che ci vive a ridosso si ammala e muore.
Se da un lato è giusto lottare per difendere il proprio posto di lavoro perché non dovrebbe essere giusta anche la lotta di chi dice: “Tu sei libero di fare il lavoro che vuoi, ma io perchè dovrei morire per il tuo lavoro?
Ecco uno dei nodi etici cruciali della questione.

Inquinamento dell’aria:
Quotidianamente nell’aria vengono immessi centinaia di tonnellate veleni di ogni genere, magari camuffati dal colore bianco tanto da sembrare vapore acqueo: alcuni sono normati, altri no; frequentissimi sono i “fuori servizio” con le colonne di fumo nero: ci si aspetterebbe, in questi casi che qualche istituzione ci dicesse: “Non uscite di casa, indossate le maschere antigas, o avvisi simili”; l’importante, per chi inquina “abusivamente” o no, spedire il classico fax alla prefettura per informare le istituzioni del problema,
ma non si riesce mai a colpire chi ne è responsabile e magari a fatto ormai avvenuto alla popolazione non è stata fornita nessuna informazione su che cosa abbia respirato o assistenza dopo l’incidente: perché mai dovremmo sorprenderci se quello dei polmoni è la forma di cancro più diffusa?
Per chi vive ad Augusta, Melilli e Priolo, avvertire particolari odori non è un problema: ci si è ormai assuefatti. Solo quando i valori superano certe soglie se ne avverte il fastidio, ma non il pericolo.
Fino a poco tempo fa esistevano tre reti di rilevamento: quella dell’Enel (ormai smantellata); quella della Provincia (oggi ARPA) alle prese con scarsità di uomini mezzi e finanziamenti, cioè tutto quanto occorre per non farla funzionare; quella del CIPA (Consorzio Industriale Protezione Ambientale) di proprietà delle stesse aziende: quale affidabilità può dare l’inquinatore controllore che controlla se stesso?
Ecco perché è nata una “quarta rete di monitoraggio”- ovviamente non ufficiale-: la mia pagina FB “segnala la puzza” dove i cittadini segnalano luogo, ora e tipo di cattivo odore. Sono anni che la gente si lamenta, ne fa oggetto di discussione, magari pochi denunciano, ma alla fine si scoraggiano e desistono, ma sono anche altrettanti anni che le Istituzioni non danno o non sono capaci di dare soluzione alcuna al problema.
Chiudere le finestre e tapparsi in casa non basta più. Lo stesso Procuratore della Repubblica di Siracusa Giordano ha detto che non si riesce a controllare tutti e 191 punti (ufficiali) di emissione. E quand’anche si volessero fare i controlli questi vanno concordati e fatti con congruo preavviso temporale.
Con particolari condizioni climatiche si è notata spesso una strana nube gialla che staziona sull’area di Augusta.
Non bisogna trascurare anche il fatto che Augusta e sede di una base militare della Marina: sembra un argomento tabù: quando le navi accendono i motori inquinano: non ci sono solo le ciminiere del petrolchimico; e quando le navi mettono in funzione i radar? Ovviamente questo è come se fosse un segreto di stato.

Inquinamento dell’acqua:
Secondo uno studio della regione Sicilia intorno all’anno duemila si stimò che l’area industriale di Augusta, consumasse da sola più della metà dell’acqua dell’intera Regione: l’acqua veniva emunta dalla falda che si è progressivamente abbassata a livelli tali che l’acqua di mare è penetrata nell’entroterra provocando un fenomeno irreversibile che è la salinizzazione dei pozzi;
poi sono stati utilizzati i fiumi che sfociavano nel porto di Augusta (Marcellino, Mulinello, Cantera, ecc.);
infine sta utilizzando l’acqua sottratta alle parti interne della Sicilia, quella del cosiddetto “acquedotto di quota cento”. Vale a dire che l’industria di Augusta asseterà la Sicilia del futuro.
Non meno rilevante è la contaminazione della falda dalla perdita di idrocarburi specialmente nella zona compresa tra Melilli, Priolo e Siracusa. L’acqua utilizzata nei processi produttivi e di raffreddamento degli impianti, non viene riciclata, ma va a finire in mare (v. Marina di Melilli) aumentandone la temperatura e alterando l’ecosistema. Gli abitanti di questo territorio che prima vendevano acqua a Malta, alla Libia, alle isole minori, oggi devono pagare una tassa in più sull’acqua: devono comprare, per poterla bere, l’acqua imbottigliata.

Inquinamento del mare:
È stato accertato dal ministero dell’Ambiente, con un preciso studio, che sui fondali della rada di Augusta sono sedimentati 18 milioni di metri cubi di fanghi tossici. Non si conoscono le quantità presenti fuori del porto di Augusta, provenienti dai vari dragaggi dei fondali della rada. Su fondali c’è di tutto. Basti leggere la relazione fatta dall’ICRAM. La cosa grave è che questi metalli pesanti vengono metabolizzati dalle specie ittiche e finiscono nella catena alimentare. Ma a dispetto di quello che non dovrebbe accadere, in quanto nessuno può più scaricare a mare i propri reflui, questo è avvenuto e continua ad avvenire: ricordiamo il caso del mercurio riversato in mare dall’Enichem (azienda di Stato) nel 2001, culminato con l’arresto di diciassette dirigenti, l’inizio di una azione giudiziaria, ma mai portata a termine (operazione mare rosso) perché bloccata dal “ristoro” unilaterale dell’Enichem (nel frattempo diventata prima Syndial e poi Versalis) ad alcune famiglie per malformazioni ed aborti correlabili direttamente alla contaminazione da mercurio.
In una trasmissione della tv nazionale specializzata nel settore (conservo ancora la registrazione) si diceva che a partire dalla riva dove sorgono gli stabilimenti petrolchimici i fondali ci sono zone “azoiche” (=prive di vita); eppure il porto di Augusta prima dell’industrializzazione era ritenuto per la sua posizione e conformazione un’area pescosissima.
Oggi, purtroppo, il divieto di balneazione e di pesca impediscono di usufruire di questo mare che era la vera e grande risorsa del territorio. Non è affatto trascurabile il fatto che all’interno della rada contaminata si continui a pescare non solo con la canna, ma anche con le reti (e come area portuale i controlli dovrebbero esserci).
Di questa rada, da diversi anni, è stata annunciata, ma mai iniziata la bonifica: erano stati stanziati anche dei fondi (a mio avviso troppo pochi nonostante la consistenza): la bonifica sarebbe una grande occasione di lavoro. Sarebbe senz’altro un’opera “ciclopica” se venisse realizzata.

Inquinamento del suolo e sottosuolo:
Gli stabilimenti sorti nel territorio in questione hanno, purtroppo, coperto una vasta area molto interessante dal punto di vista storico, culturale, archeologico. Secondo una pubblicazione di un dirigente della Sovrintendenza di Siracusa, almeno ventidue siti archeologici sono stati sepolti dai cosiddetti “opifici del progresso”: insistono su quest’area i resti di una grande città greca dell’antichità che potremmo paragonare a Pompei: Mègara Hyblaea. La città, ad opera di una spedizione francese, è stata solo parzialmente riportata alla luce, ed ha riempito di reperti, ancor più di Siracusa il museo archeologico nazionale Paolo Orsi del capoluogo della provincia. A sentire certi racconti è normale indignarsi: quando venne costruita la Rasiom (la prima raffineria ai tempi di Angelo Moratti) man mano che si gettavano le fondamenta della raffineria camion carichi di reperti prendevano la via del nord Italia.
Man mano che l’industria avanzava e seppelliva il nostro passato, scompariva l’agricoltura e i fertili agrumeti della costa di Augusta venivano sacrificati sull’altare del profitto. I terreni diventavano discariche, venivano abbandonati per poi essere contaminati da tutto ciò che ricadeva al suolo dalle ciminiere. Per decenni sono stati abbandonati; venivano utilizzati come pascolo da pastori che non sapevano nulla di diossine e cose simili. Ma oggi, gli stessi terreni, mai bonificati, incredibilmente sono diventati terreni agricoli, coltivati intensivamente: allora dico che il prof. Veronesi ha ragione: è l’alimentazione provoca il cancro. Mangiando quella carne e quei meravigliosi ortaggi, di cosa dovremmo morire se non di cancro al fegato, al colon, allo stomaco?

Ma c’è un altro fenomeno a cui si presta, a mio avviso, poca attenzione: nel cuore della zona industriale, circondati dalle ciminiere, in territorio di Melilli, sono sorti una quantità impressionante di grandi centri commerciali. E la gente va lì, da venti anni, anche per farsi la semplice passeggiata domenicale. Quante migliaia di persone prima della crisi andavano felici a respirare quell’aria attorno ai centri commerciali? Ma cosa respirano, cosa hanno respirato tutti i lavoratori, gli ospiti e i clienti di quei centri commerciali? Non potrebbe venire anche il sospetto che magari sotto quelle colate di cemento dei centri commerciali potrebbe essere stato interrato qualcosa? Quante discariche nascoste sono state ritrovate entro il perimetro di talune aziende? Operai che parlavano del “metodo del calcestruzzo” ne ho incontrati. Così come quelli che parlavano delle autobotti che andavano in giro per le strade della Sicilia nei giorni di pioggia, con i bocchettoni poco poco aperti.
Ad Augusta e Priolo sono stati chiusi gli stadi perché erano depositi di ceneri di pirite. La stesse industrie che sponsorizzavano lo sport ad Augusta e Priolo lo hanno fatto anche morire. Ancor oggi, la zona archeologica di Priolo, denominata Thapsos è un’enorme discarica di ceneri di pirite a cielo aperto.
Anche queste discariche dovrebbero essere bonificate, ma sono ancora lì, da decenni, con la loro micidiale tossicità.

Augusta e i morti di cancro:
Certamente vivere in questo contesto non solo la salute e la vita sono a rischio, ma anche la stessa serenità dell’esistenza. L’aria irrespirabile, il mare negato, la paura di un incidente rilevante e l’impossibilità a farvi fronte condizionano da decenni la stessa esistenza degli abitanti.
Tentativi di fuga e di evacuazione dalle nostre città in seguito agli incidenti industriali ed anche per il terremoto del 1990 li ricordiamo bene. Sicuramente oggi il problema della viabilità lo possiamo considerare superato, ma non quello della vivibilità.
Le donazioni e le sponsorizzazioni delle aziende petrolchimiche fatte alle città o a dei gruppi o associazioni di cittadini vengono fatti da tempo, e molti cittadini ed amministrazioni le accettano senza contestarle. Più che parlare di risarcimento o compensazioni, si potrebbe parlare di corruzione: con il denaro si è comprato non solo il silenzio e la rassegnazione dei cittadini, ma anche il voto di essi.
Nel dicembre 2013, nella centralissima piazza Duomo, davanti la mia chiesa la raffineria Esso collocò, come di consueto, l’albero di Natale. Diversi cittadini per “abbellirlo” collocarono ai piedi dell’albero dei sacchetti bianchi con dei nomi scritti: erano i nomi di persone uccise dal cancro. All’interno dei sacchetti furono collocati dei lumini accesi. Nelle sere seguenti il numero dei sacchetti aumentò. Era la prima volta che, ad Augusta, si contestava l’albero donato dalla zona industriale. Al terzo giorno la Esso ritirò il logo che vi aveva collocato.
All’epoca il comune di Augusta era stato sciolto per mafia e commissariato. Venni a sapere che la Esso non avrebbe dato più il suo contributo per la festa del Santo Patrono di Augusta.
Ho scritto una lettera per ringraziare la direzione della Raffineria dichiarando che eravamo uomini liberi e che quei soldi condizionavano la nostra libertà.
Personalmente già nella seconda metà degli anni ’80 avevo percepito la gravità della situazione: avevo conosciuto il Dr. Giacinto Franco durante i corsi matrimoniali, quando veniva a parlare alle giovani coppie del problema della talassemia. Mi sono unito a lui nella battaglia per la salute. Mi illustrò il suo lavoro di ricerca, mi disse che la situazione di Augusta sarebbe peggiorata sempre più e che la mortalità per cancro dopo l’anno 2000 avrebbe avuto impennata paurosa. I numeri, le statistiche parlavano chiaro. Ad Augusta non ci sarebbe stata più una sola famiglia che non avesse avuto un componente malato o morto di cancro.
Per sensibilizzare la gente, ma anche la chiesa locale, cominciai a scrivere sul settimanale diocesano il Cammino, trattando tematiche inerenti la sicurezza, la protezione civile, la tutela della vita.
Nell’88, nell’arco di due settimane, morirono di cancro due trentenni.
Riportando il fatto, il settimanale diocesano diede questo titolo alla notizia: “Non scuote più nessuno la mortalità per cancro ad Augusta”, un titolo che unito al concetto che “è meglio morire di cancro che di fame” esprime molto bene la realtà in cui conduciamo la nostra esistenza.

Una strage silernziosa:
Da diversi anni, negli anni 80, ad Augusta si parlava di un imminente forte terremoto: (questo avverrà davvero la notte del 13 dicembre 1990) la Protezione civile invitava a prepararsi all’evento. Quando nell’autunno dell’86 si svolse il convegno sulla protezione civile quel convegno venne definito “convegno Cassandra”. Visti i precedenti storici, un altro terremoto, avrebbe sicuramente fatto molte vittime, ma il Dr. Giacinto Franco ed il sottoscritto più che un sisma temevano un’emergenza assai più subdola che nel tempo avrebbe fatto più vittime del terremoto: l’inquinamento.
Lo gridavamo forte nonostante l’ironia degli abitanti e di tanti “esperti”: ad Augusta il maggior numero di vittime non la farà il terremoto, ma il cancro. Certo l’impatto emotivo di fronte a centinaia di vittime non è lo stesso se a provocarle sia un terremoto: un terremoto provoca molte vittime in pochi secondi, ma il cancro ne ucciderebbe molti di più ma in un lasso di tempo più lungo. Chi parlava contro l’industria era tacciato di fare terrorismo psicologico o allarmismo.
Di fatto gli abitanti del triangolo (o quadrilatero) della morte si sono assuefatti di fronte a questo uno stillicidio continuo, così come si sono assuefatti all’inquinamento.
Occorre ricordare, purtroppo, con profonda amarezza, che le istituzioni italiane, in occasione del terremoto del 1990, (17 morti, centinaia di feriti, 15.000 senzatetto) più che tutelare la sicurezza, la salute e la vita dei cittadini, preferirono salvaguardare gli interessi economici dell’area industriale, non dichiarando non solo lo stato di calamità, ma addirittura, pilotando e depistando l’informazione, si volle minimizzare l’evento, tanto che questo terremoto (a differenza di quello dell’Umbria 1997) è sparito non solo dalla memoria ma anche dagli elenchi ufficiali. Va ricordato che il polo petrolchimico di Augusta fornisce circa la metà dei prodotti petroliferi utilizzati in Italia, ed anche un consistente introito nelle casse dell’erario. (nel 1990 si parlava di 36 mila miliardi di lire gli attuali 18 miliardi di euro)

Era il mese di febbraio 2014 quando un impresario di pompe funebri mi informò che 8 degli 11 funerali fatti dalla sua impresa erano morti di cancro. Anche gli altri impresari del settore confermarono la statistica. Non era più il 30% degli anni ottanta.
Così nacque l’idea della messa del 28 del mese, quella in cui da quel 28 febbraio 2014 vengono letti i nomi dei morti di cancro, alla stessa maniera di come vengono ricordate le vittime della mafia, del terrorismo e delle stragi.
La messa fu annunciata attraverso una decina di manifestini come quelli funebri: la questione della privacy venne superata perché i nominativi venivano presentati spontaneamente e liberamente dai familiari.
Nel corso della prima messa commemorativa furono letti circa 150 nominativi, altri 100 circa se ne aggiunsero in quella successiva, ma la notizia di questa particolare messa ebbe immediata risonanza mediatica non solo nazionale. Dopo la seconda messa ricevetti la visita di un funzionario della Procura della repubblica di Siracusa: volevano dei chiarimenti in merito a delle mie dichiarazioni rilasciate al quotidiano La Stampa di Torino: l’incontro fu verbalizzato e sottoscritto. Due settimane dopo lo stesso funzionario ritornò chiedendomi a nome del Procuratore il tabulato dei morti di cancro nel frattempo ancor più lungo: l’ho consegnato senza alcuna remora: questo tabulato risulta inserito dalla Procura della repubblica nel fascicolo di una azione giudiziaria.
Oggi i nominativi censiti sono quasi 850, ma è solo la punta dell’iceberg, in quanto l’iniziativa è circoscritta al centro storico ed alla mia sola parrocchia. Non ho mai chiesto ad altri parroci alcuna collaborazione al riguardo, anche se numerosi fedeli venivano da altre parrocchie per questa messa. Non è facile in una normale parrocchia, per noi sacerdoti, alzare la voce per denunciare questa ingiustizia: alla stessa Messa partecipano sia coloro che lavorano nell’area portuale e industriale sia quelli che vorrebbero far chiudere le fabbriche.
È chiaro che alla stessa Messa partecipano sia i familiari delle vittime del cancro sia i lavoratori dell’area industriale: schierarsi non è facile, pur accettando l’evidenza.
Poiché ad Augusta si è convinti del fatto che in ogni famiglia ci sia un caso di cancro (morto o malato), se facessimo la semplice divisione tra il numero degli abitanti e il numero delle famiglie, probabilmente ipotizzare che i morti di cancro siano migliaia, non sarebbe certamente sbagliato affermarlo.
Nell’ultimo mese, ad Augusta, tre giovani donne, con meno di 50 anni sono state uccise dal cancro.
L’inquinamento subito da questa città e da questo territorio perdura ormai da quasi 70 anni.
Scorrendo i dati finora raccolti e pubblicati sulle patologie, sulla vicenda dei bambini malformati, ed anche sugli incidenti sul lavoro, mettono in evidenza che questa città sta subendo un martirio quotidiano: parlare di questi problemi come di strage di stato o di omicidio istituzionale, è solo pura, semplice ed incontrovertibile Verità, anche se tutto questo dà sicuramente fastidio a molti, istituzioni comprese.
A livello personale, e a nome della città, per il problema cancro ho scritto a tutti i presidenti della repubblica a partire dal 1986, ai vari ministri dell’ambiente e della salute, Prefetti, procuratori, ma le loro risposte fanno capire sì che sono a conoscenza del problema, ma che non sono in grado di intervenire. Talvolta non hanno neppure risposto. Di recente ho invitato la ministra della salute a trasferirsi per un mese ad Augusta. Come di consueto nessuna risposta.
Ovviamente tra le patologie correlabili all’inquinamento non esiste solo il cancro: certamente anche se non lo si vuole ammettere, ne esistono altre: in particolare mi riferisco a patologie quali malattie mentali (sembrerebbe, in base ad una testimonianza da me raccolta in via confidenziale, che nella città di Augusta ce ne siano circa un migliaio); che dire dell’autismo, dei casi di sterilità per entrambi i sessi, di infarti a trent’anni? Quando si avrà il coraggio di dire la verità, anche se scomoda? Quando sarà attuato il principio “chi inquina paga?”
Come già detto il mio non è un registro tumori, è solo una lista di morti per cancro.
Il registro tumori, quello reale è affidato nella compilazione al Prof. Sciacca, Ordinario di igiene presso l’università di Catania. Lo stesso docente, però, risulta essere un consulente delle aziende del petrolchimico: non si potrebbe ravvisare in questo incarico un’incompatibilità tra i due ruoli?

Analisi dei dati raccolti mediante la messa del 28 di ogni mese:
i nominativi raccolti alla data del 28 giugno 2016 sono stati 841 un numero, credo, statisticamente significativo; anche se la stampa ha definito questo elenco un “Registro Tumori parallelo”, io lo definisco semplicemente una lista di morti per cancro. Questa lista non ha alcuna pretesa scientifica, però creando i tabulati per età o per patologia, emergono due dati sconcertanti:
primo:
circa metà dei censiti non hanno superato i 66 anni;
secondo:
di cancro ai polmoni i morti son oltre un terzo del totale.
Mi permetto di osservare in base al primo punto: se da un lato in Italia la durata media della vita si è alzata, per cui è stata innalzata anche l’età pensionabile, questo non è avvenuto ad Augusta. Un gran numero di lavoratori, andando in pensione non va verso una serena vecchiaia, ma verso la sofferenza, che come cinica beffa li attende proprio appena terminata l’età lavorativa.
Pertanto ritengo che, come per gli esposti all’amianto, mediante un provvedimento legislativo si debba fare una deroga alla legge equiparando a loro i lavoratori del petrolchimico: la legge sull’età pensionabile non può essere uguale per tutti: tale legge esige di essere riveduta per giustizia.
in merito al secondo punto (per le varie patologie presenti sul territorio) occorre puntare decisamente verso la prevenzione.
Purtroppo l’ospedale della città di Augusta (oggi SIN e prima Area ad elevato rischio ambientale) è stato oggetto di forte ed ingiustificato ridimensionamento: sono stati chiusi (e ne siamo convinti che questo fa parte di un preciso progetto) il punto nascite; l’ostetricia e la ginecologia; la pediatria: forse così sarà più facile far calare il silenzio su una strage che dura da settanta anni?
Cosa se ne fa Augusta di otto posti letto in un reparto di oncologia in cui il medico viene tre volte la settimana o quando può?
Non è stato rispettato neanche quanto previsto dalla legge regionale 5 per quanto riguarda gli ospedali delle aree a rischio.
La riapertura dei reparti già chiusi ed il potenziamento delle strutture sanitarie miranti alla prevenzione ed alla cura di quelle patologie correlabili all’inquinamento dovrebbero essere sentite dalla stato come un dovere etico.
Ritengo che si debba arrivare, come risultato finale, alla formulazione di una legge speciale per salvare Augusta, di cui questi dovrebbero essere i Princìpi Generali ispiratori:

1 riconoscimento ufficiale del danno evidente sia alle persone sia al territorio (ecosistema)
2 risarcimento (inteso come):
avvio immediato delle bonifiche
adeguamento tecnologico degli impianti
tutela della salute dei cittadini residenti
pensionamento anticipato per le categorie a rischio (come per l’esposizione all’ amianto)

3 prevenzione sanitaria
Creazione in loco di strutture sanitarie adeguate (es. centro oncologico)
riapertura reparti storici (punto nascite, ostetricia e ginecologia, pediatria)
screening di massa
abbattimento tempi di attesa per le diagnosi
gratuità delle diagnosi e delle cure
doveroso sostegno alle famiglie colpite

4 Copertura finanziaria:
(secondo il principio: “chi inquina paga”)
Le aziende (dai profitti)
Lo stato centrale (dalle accise)

Chiediamo troppo?

Augusta, 29 Luglio 2016. Sac. Palmiro Prisutto alla 12^ Commissione del Senato Igiene e Sanità.

leggi anche: https://terraeliberazione.wordpress.com/veleni/

banner-terra-2