GLORY TO OUR COMRADE ANTONIO CANEPA and to the partisans of the Volunteer Army for the Independence of Sicily!

NO to the hypocritical tricoloured Liberation Day and to the tainted May Day celebrations!

World War II (1939-1945). After the facts were cleaned out by the ideologies, our very own Memory was “purified”, what is left of the second WORLD WAR is a lethal confrontation between competing Powers, which turned into the division of the World in two parts, of a divided Europe, a divided Germany, a divided Berlin. And in the long-lasting withdrawal of the old colonialist European Empires, that had “won” the war, triggering India’s independence, and most of all the foundation of Mao’s People’s Republic of China.

In July 1943 – with Operation Husky – the “Allies” (supported by an efficient Resistance against Nazi-fascism) occupy Sicily. It was the beginning of the end of a Regime, but, as we will see, it was not what the Sicilian Partisans had fought for.
The 24th October 1943, beyond the temporary AMGOT (Allied Military Government for Occupied Territories), was also the birthdate of Washington’s “SICILY REGION 1” in the Mediterranean, which remains like an “unsaid” under this sky that is populated by foreign planes, assassin drones, dysfunctional saints and a G7 on a tourist trip.
This Sicily is a fought-over island, played like a geopolitical card by Rome, the real mafia capital, and its strategic relation with the AmeriKan friend. A treasure island reduced to Europe’s poorhouse, with its habitants being forced to emigrate. An island made HOSTAGE that is drifting off course in the tempests of the 21st Century.

canepa 1
In the crucial 1940s one of the very few intellectuals who lucidly understood, that the essence of the Sicilian question is the problem of the unresolved self-determination of a people, was an already famous young scholar, who was among others a professor of History of International Relations and Treaties at Catania University. He was a cultured and very methodical 30-years old polyglot: Antonio Canepa.
In those days’ Sicily that was revolting for its sacrosanct right to independence, the COMRADE ANTONIO CANEPA WAS A TRUE LEADER OF THE ANTI-FASCIST RESISTANCE MOVEMENT. First as the political-military leader of the murderous “Gruppo Etna”, and later as the “Comandante TOLU’ of Giustizia e Libertà” on a mission in the North. The COMRADE ANTONIO CANEPA WAS A TRUE LEADER OF THE SICILIAN ANTI-COLONIALIST RESISTANCE MOVEMENT (as the Comandante Mario Turri of the EVIS – the Army for the Independence of Sicily).

He was assassinated in an ambush in Randazzo. It was the 17th of June 1945. His corpse was concealed under State Secret for a decade. To this day his memory is object of taints and miss-information.

The concealed truth about Antonio Canepa is the most outrageous scandal in Sicily’s last 70 years. The EVIS was not an “army” thought to win a “war”. The EVIS was an “armed political party” fighting for a more just peace, on the path of Sicily’s socialist (R)evolution. The “military camp” of the EVIS in Cesarò, in Messina province, even had its own traffic sign set up!

The EVIS – beyond any reasonable doubt – IS THE CONTINUATION – also physical – of the ANTI-FASCIST RESISTANCE ON OUR ISLAND. THE REAL ONE. THE ONLY ONE that played a political-military role. Canepa’s partisan network was deeply rooted ´within Catania University… and also counted on the trotskyist group “SICILIA ROSSA”, that broke out of its clandestine existence on May Day 1945.

The EVIS – which was born and died with Canepa – never had any “relationship” with gangs and bandits. If anything, it clashed with organised crime. In one of those clashes the young Francesco Ilardi died. Ilardi was later buried at the Sanctuary of Catania, together with the Comandante and their comrades. The EVIS was predominantly formed by young students, artisans and farmers. They called themselves “comrades”. Period.

In the chaos that reigned in those years, other groupings such as the gang around Salvatore Giuliano and Salvatore Ferreri had completely different political references -> During the Viterbo trial, Gaspare Pisciotta, a member of Giuliani’s outlaw band, mentioned the name of Bernardo Mattarella (politician for the Christian Democrat party, and father of today’s Italian president Sergio Mattarella) as well as the OSS-CIA. He was later poisoned as part of OSS-CIA operation “GLADIO”.
“CANEPA MUST DIE!”. THIS DEMAND CAME FROM ROME. It came from within the “anti-fascist” CLN (National Liberation Committee). It was one of the many “showdowns” within the “partisan world”, but the bullets came from the newly-founded GLADIO. In the chaos that arised during the post-war period in Sicily, the massacre of Randazzo on 17 June 1945 was the most cynical and politically criminal act – and the most concealed.

In the location “Contrada Murazzo Rutto” near Randazzo, at the foot of the Etna, on Sunday, the 17th June 1945, following the orders from the “anti-fascist” government in Rome, the following people were slaughtered in an ambush: comrade professor Antonio Canepa, founder of the Army for the Independence of Sicily, as well as the young EVIS-activists Carmelo Rosano and Giuseppe Lo Giudice. They were Sicilian partisans who had chosen to continue the battle for the liberation of the Sicilian people and its working class.
As for the executors, everything leads to the “reformed” SIM, the Italian secret intelligence service, which, following the Armistice of Cassibile on 8th September, had already incorporated nazi-fascist criminals such as Ettore Messana, already a “dirty war”-specialist in Slovenia, and other “patriots” from the Xa Mas (the 10th Assault Vehicle Flotilla) led by Junior Valerio Borghese. Borghese was on of the covert protagonists of Portella della Ginestra massacre, perpetrated against Sicilian civilians during May Day celebrations in 1947 in the town of Piana degli Albanesi. A COVER OPERATION carried out under the auspices of the OSS-CIA by the fake independentist flag of the Ferreri-Giualiano gang, who maybe did not even shoot on that tragic 1st of May 1947 (the ballistic report remains to be studied). Operation GLADIO was born!

The FAKE MYTHS against CANEPA and the EVIS are still being exhumed, like badly buried corpses without peace. The EVIS does have its MARTYRS. People like SALVATORE GIULIANO are certainly not part of it. During the post-war chaos the systematic Italian re-occupation of Sicily had to be legitimised, so the myth of the “War on Banditry” was born: the reputation of Sicilian independence activists had to be systematically destroyed by linking them to banditry – and of course – to the Mafia. A load of bullshit, reiterated for the last 70 years! A hypocritical and coarse way to taint their Memory.
Meanwhile, seemingly by force of habit: The deafening silence of the “institutions”, but also of the ANPI (the National Association of Italian Partisans); the CLN (the National Liberation Committe); and all of the italian “partisanism”, subjected and accomplice to a code of silence (it: omertà). The cowardice of the “academic world”, and the denigrating attitude against Sicilians, that unites both the leftist historiographical ignorance and the visceral hate of the right-wing literature. Last but not least, the hypocrisy of the tri-coloured trade unions, that offend the Truth by staging every 10 years their “political picnics” at Portella.

The conquer of this Truth is owed to the Sicilian People, and sees the (INDEPENDENTIST) SICILIAN LEFT on the front row since decades, thanks to the prophetic path of TerraeLiberazione, bio-political heir of the trotskyist independentist group “SICILIA ROSSA” of 1945.
This HISTORICAL AND POLITICAL TRUTH has to be reconquered and defended every day from the FOGS, the MARSH, and the MINE FIELDS of the COLONIALIST SPECTACLE staged by the italianized Sicily.

In July 1943 – during Operation Husky – the “Allies” (sustained by an efficient Resistance against nazi-fascism) occupied Sicily. It marks the end of a Regime, but, as we shall see, it was not what the sicilian partisans around Comandante Canepa had fought for.

During WWII – this huge slaughterhouse in which the “crisis of 1929” is resolved – the 24th October 1943, beyond the temporary AMGOT, Washington’s SICILY REGION 1 in the Mediterranean was born. It pervades like a “non-said”… under a sky populated by foreign airplanes, murderous drones, dysfunctional saints, and the G7 on a tourist trip.

For the Sicilian People it’s another PAST that does not pass. A past that cannot be understood by disregarding the TRUTH about CANEPA: the sicilian PARTISAN, the GREAT PROFESSOR of History of International Relations and Treaties, the geopolitical analyst who – despite the ongoing fascist Regime – studied Trotsky’s works with method, and tried to apply them in Sicily in the most resounding fashion: the THEORY-PROGRAMME of the PERMANENT REVOLUTION within the historic- social conditions of an Island Nation that is being exploited and oppressed by a neocolonialist State.

The EVIS was the armed political party that legitimised – in the continuity of anti-fascist Resistance – the future of an INDEPENDENSTIST SICILIAN LEFT: independent on every ideological, policy, organisational and operational level.
Certainly, with his 100 young people, the guerilla-professor “Mario Turri” did not want to “wage war against Italy”, he was not a fool. The EVIS was also not the armed force of the MIS (the Independence Movement of Sicily), whom Canepa knew very well. If anything, Canepa-Mario Turri offered an alternative to the defenseless MIS and had good relations with the League of Young Separatists (it: LGS, Lega Giovanile Separatista) led by Guglielmo Carcaci. The LGS was a practical channel for the LEGITIMATE DEFENSE of the INDEPENDENTIST YOUTH, that was persecuted and tormented by the beastly Italian police force of Salvatore Aldisio, Rome’s High Commissioner for Sicily. It should also be noted, that the post-war state apparatus – in Sicily more than anywhere else – remained manned by the same individuals who had been part of the fascist regime.

To sum it up: The ambush at Murazzo Rutto in Randazzo on 17th June 1945 -> looks like a STATE-SANCTIONED POLITICAL MASSACRE – ordered by the “shareholders” of the Roman CLN and realized by the operation “GLADIO” that was formed within the post-war chaos. It was perpetrated with a “preventive counter-revolutionary” logic.

As the “Cold War” was marching in, the illusions of partisanism were disappearing, and the same MENTAL FORCES – that by now had become structured – hit the 1947 MAY DAY Celebrations at Portella delle Ginestra. This history of Sicilian and socialist blood shed, is treated as a “non-said”, ferociously hidden by the colonialist Spectacle of italianised Sicily.

As for the myth of the separatist bandit, it is nothing but a well constructed mediatic invention of the AmeriKan secret services. It was incorporated as the Vulgate of the colonial tricoloured Left, as Europe’s partition between the USA and UdSSR unfolded within the paradoxes of the Cold War.

It has to be said, that in the mountains surrounding the little town of Montelepre (Salvatore Giuliano’s birthplace) – in the most complete political irrelevance and quite identifiable at every moment – there was a little group of young men who became trapped in a story that was larger than them. They remained excluded from the Amnesty that was given by the CLN government even to some of most known fascist criminals.
That colonialist bullshit about the “criminal and mafia-run Sicilian Separatism” acts like a “non-said”, it has a background that has been ferociously hidden by the Colonial Spectacle of italianised Sicily: the MASSACRE OF RANDAZZO on 17th June 1945.

This badmouthing continues to this day: The next episode will be staged by the State-run RAI: “Il Primo Maggio” (1st of May) -> Live from the colonialist-trade unionist Theatre of italianised Sicily! On the occasion of the 70th Anniversary of the anti-sicilian massacre in Portella della Ginestra!

“The dominating ideology is always the ideology of the dominating class” (Karl Marx). And the (R)evolution of Sicily will not be a political picnic, nor a gala dinner.
HONOR TO THE COMRADE CANEPA! THE GUERILLA-PROFESSOR, THE SOCIAL INTELLECTUAL WHO UNDERSTOOD THE WORLD AND WHO KNEW ITS LANGUAGES, THE MILITARY CHIEF AND IDEOLOGIST OF THE TRUE SICILIAN RESISTANCE.
The EVIS – without any reasonable doubt – is the (physical) Continuation of the anti-fascist Resistance of our Island. THE TRUE RESISTANCE! The elimination of Canepa was certainly due to his radical political and cultural choices, but also due the fame that eventually would have protected him in the first decades of the First Republic. In some way Canepa was a “cumbersome” figure: “CANEPA MUST DIE!”

***

In July 1943 the first phase of Operation Husky was an utter disaster. The “landing” in Sicily – which marks the turning point in WWII – risked to sink into the sea due to the heavy storm that welcomed the “liberating” Allies. But it became the most gigantic air-naval operation in the history of military until then. A new era began: the one that sees Humans taking the Skies and chasing away the Gods.
The Sicilian situation is well known to the “Allies”: The Regime of “Il Duce” – as per his own admission – does not have any true “consent”. And the partisan Resistance – directed by an elusive professor – has carried out a series of actions that were anything else than just symbolic.

The contested Island is briefly described with abnormal niceness in “Soldier’s Guide to Sicily”, an English-language guidebook that was distributed by the Allies command with 450,000 copies in preparation to Operation Husky: “Invaders and dominators have followed one another in all epochs… eventually the Italians have dominated the island.”
“Sicily is the largest island in the Mediterranean – it is more or less the size of Wales. But its importance depends from its (geographical) position… and from dozens of aviation camps… two-three hours away from Rome, four hours away from Milan… closer than we could ever get…”
“The Headquarter of the (German Luftwaffe) field marshal (Albert) Kesselring is located exactly in Sicily… Furthermore, (Sicily) offers to our fleet the bases of Syracuse, Augusta, Catania, Palermo, Trapani and Marsala…”
And: “Sicily is crucial: until now we had to sail around the entire Africa. We had to take our ships 12,000 miles around the Cape of Good Hope.”
Thousands of Sicilian-Americans participated in the Operation Husky – and now appear pathetic, as much for the denial as for the overestimation of Cosa Nostra’s role, an “ethnic armed party” born within the Sicilian Diaspora in the USA. Those who don’t understand American society, and blindly animate historiographic “tifoserie”, will never understand anything. Period.
Irrespective of that, Sicily is in a cyclical Revolt for its sacrosanct Independence.
1860 it was annexed by London for the little wannabe-reign of Piedmont, among the false garibaldinian Unity flag. Sicily is an exploited Colony, oppressed and repressed in all its attempts of economic and civil emancipation. Its social ascension is managed by the submissive function towards ROMafia, the corrupted Italian capital. Everything from careers to privileges for a restricted tri-coloured bourgeoisie, to the systematic repression towards the population by means of compulsory military service and mass-emigration, that function as regulators for the social metabolism.
The “fascist reformism” doesn’t go beyond a faint and tardive attempt at landed reorganisation, with a (somehow in its own “sicilianist”) rhetoric of an Island, “centre of the Empire”. Meanwhile the “Empire” was combing through the mountainous villages on its much trumpeted “fight against the mafia”.
By its own admission, the Regime never gained the consent of the Sicilians. its opposition was never the “backward, feudal, irredeemable” Sicily, (which by the way never existed), that was later also adopted in the tri-coloured Leftist and colonialist rhetoric, always subordinated and blind; selling itself to the “state capitalism” while constantly raving on about the “fight on feudalism” up until the 1970s!
The future belongs to those who manage to raise a critical and solidary look on the things of life and on the world. That world to which comrade Canepa looked at with extraordinary scientific ability, living his Life like a battle, and his Death like an adventure.
“Tomorrow’s Sicily will be what we want it to be: pacific, laborious, rich, happy, without tyrants nor exploiters.”
The Sicily that we want will know how to defend its own interest with firmness, building fraternal relations with all the people of the world. We are “Independentists”, not “Separatists”; it’s todays colonialised Sicily which is alienated from the world. Independence will make it “united” within the ranks of the free nations. But “woe betide anyone who betrays: The Past will be forgotten, not the Future.” (Canepa, “La Sicilia ai Siciliani”, Catania 1942)
@La Comunità Siciliana “TerraeLiberAzione” www.terraeliberazione.wordpress.com

(traduzione di Ago Imondi – Istituto TerraeLiberAzione / Berlino)

TerraeLiberazione marzo-aprileTerraeLiberAzione 2017-marzo-aprile

THE NEW SICILIAN -2-001THE NEW SICILIAN -2

TerraeLiberazione marzo-aprileTerraeLiberazione 2017 marzo-aprile

Il PRIMO MAGGIO è internazionalista > per la LIBERAZIONE della TERRA da ogni sfruttamento e dell’UMANITA’ da ogni oppressione. In SICILIA, venne festeggiato già nel 1890: era la prima volta che i LAVORATORI di TUTTO il MONDO si UNIVANO, raccogliendo l’appello della seconda Internazionale. Ricordiamo l’impressionante mobilitazione del proletariato catanese: ERANO 40.000, con le coccarde rosse. Fu una delle più imponenti mobilitazioni a livello mondiale. Una assemblea centrale si svolse al circolo operaio e di mutuo soccorso “I FIGLI del LAVORO” (in via Lincoln). La MANIFESTAZIONE sulle strade ERA STATA VIETATA: si riunirono “in privato”, elessero una delegazione da inviare in prefettura, che venne però “accompagnata da 40.000 catanesi”, aggirando il divieto. Centinaia di SBIRRI PROVOCATORI tormentavano l’immenso corteo, che si rifiutava di reagire, irridendoli: “vattini a travagghjiari, sbirru!”. Nella imponente DISOBBEDIENZA di MASSA, vi furono 23 arresti e numerosi feriti tra i dimostranti. In realtà stavano nascendo i FASCI SICILIANI dei LAVORATORI. A Catania, in quel PRIMO MAGGIO internazionalista del 1890. Sia GLORIA a IDDHI!.

@TERRAELIBERAZIONE.

BANNER INDIPENDENZA

Comunicato della Consulta per l’Indipendenza del Popolo Siciliano:

La Consulta per l’Indipendenza del Popolo Siciliano aderisce alla manifestazione del Primo maggio che avrà luogo a Lentini (SR). Da alcuni mesi, gli abitanti e le istituzioni di quel territorio si battono per impedire la costruzione di una discarica in contrada Armicci, nei pressi della riserva naturale del lago di Lentini.

Con l’arroganza che gli è propria il presidente Crocetta, “nemico interno” dei siciliani, ha imposto d’autorità la costruzione di una discarica che mentre avvelena e uccide le popolazioni locali garantisce lauti guadagni a un pugno di affaristi senza scrupoli; tra questi, la Pastorino Srl di cui è proprietario un imprenditore del Nord che, giovandosi degli appoggi regionali, si arricchisce con l’immondizia di mezza Sicilia.

La Consulta per l’Indipendenza del Popolo Siciliano si schiera decisamente a fianco dei “territori insorgenti”, nella convinzione che la sovranità popolare si costruisca, in primo luogo, lottando per la difesa del territorio e rivendicando il sacrosanto diritto all’autodeterminazione.

Inoltre, la partecipazione della Consulta alla manifestazione del 1° maggio riveste un importante valore simbolico, che rimanda alla storia dell’indipendentismo siciliano negli anni del secondo dopoguerra e, in particolare, all’eccidio di Portella delle Ginestre, di cui ricorre il 70° anniversario.

Quella storia è stata deformata ad arte dai politici e da molti intellettuali, con l’intento evidente di respingere ogni richiesta di emancipazione politica, economica e culturale del popolo siciliano; nei 70 anni che ci separano da quella strage, infatti, gli indipendentisti siciliani sono stati oggetto di narrazioni denigratorie che li hanno additati, insieme ai mafiosi e ai latifondisti, ai servizi segreti e alle spie americane, come autori di quell’eccidio.

Dal 1° maggio del 1947 in avanti, si è cercato di diffamare l’intero movimento per l’indipendenza e la liberazione della Sicilia, mettendo sullo stesso piano “baroni” e “popolani”, chi ordiva trame antipopolari e chi le subiva, chi si assoggettava agli invasori e chi si batteva per liberarsene. Siamo presenti a Lentini per dimostrare che quel complotto ha fatto il suo tempo e che non esiste contraddizione tra quanti lottano in difesa del proprio territorio e quanti si impegnano per affrancarsi dalla schiavitù e dal colonialismo.

TUTTI A LENTINI!

BANNER INDIPENDENZA.JPG

https://www.facebook.com/primomaggioterritori/

armicci lentini

BANNER INDIPENDENZA

https://www.facebook.com/primomaggioterritori/

terra giugno 16GIUGNO 2016

copterra-1-2017terraeliberazione n°1-2017

Un ticket ALITALIA Catania-Milano ci costa quanto un Milano-Tokio!. Per andare a Tunisi ci hanno chiesto 280 euro e ci metteva 7 ore!. “Scusi, ma fa scalo a Dubai? –No, a Malpensa!”. La “compagnia di bandiera” tricolorata degli Emirati –El Etihad- ha rinnovato la tradizione coloniale della Ditta: fa cassa coi Siciliani e dilapida petrodollari arabi: verso il terzo crack in 20 anni. Ha bruciato 7,4 miliardi euro (lo denuncia Mediobanca!). “E io pago!” (Totò).

“Noi siamo afflitti sia dallo sviluppo della produzione capitalistica, che, ancor più, dalla mancanza di questo sviluppo” (Marx).

MARX 2

palermo 25 aprilebanner-migranti

GLORIA AL COMPAGNO CANEPA e ai partigiani dell’Esercito Volontario per l’Indipendenza della Sicilia!

No all’ipocrisia del “25 Aprile” tricolorato e del “Primo Maggio” mascariato!

NOI SICILIANI VIVI vogliamo “solo” ritornare nel MONDO dei VIVI come POPULU VIVU.

TerraeLiberazione marzo-aprileclicca e leggi > TerraeLiberazione

canepa 1

La seconda Guerra Mondiale (1939-1945). Ripuliti i fatti dalle ideologie, purificata la nostra stessa Memoria, quello che resta della seconda GUERRA MONDIALE è uno scontro micidiale tra Potenze concorrenti, che si risolse nella divisione del Mondo in due, dell’Europa in due, della Germania in due, di Berlino in due. E nella lunga ritirata dei vecchi imperi coloniali europei…”vincitori”, scatenata dall’indipendenza dell’India e, soprattutto, dalla fondazione della Repubblica Popolare Cinese di Mao.

Nel luglio del 1943 – con l’Operazione Husky – gli “Alleati” (sostenuti da una efficace Resistenza contro il nazifascismo) occupano la Sicilia. E’ la fine di un Regime, ma, come vedremo, non è quello per cui combatterono i Partigiani siciliani.

Il 24 ottobre 1943, ben oltre la temporanea A.M.G.O.T. (il Governo militare dei Territori Occupati)- era nata anche la SICILY REGION 1 di Washington nel Mediterraneo, che permane come un “non detto” sotto un Cielo popolato di aerei stranieri, droni assassini, santi che non funzionano e G7 in gita turistica. Questa Sicilia è un’Isola contesa, giocata come carta geopolitica da ROMAFIA CAPITALE nella sua relazione strategica con l’Amico amerikano. Un’Isola del Tesoro ridotta a Paese di Poveri costretti all’emigrazione di massa. Un’Isola OSTAGGIO avviata alla deriva nelle Tempeste del Secolo XXI.

***

Nei cruciali primi anni Quaranta del Novecento, tra i pochi intellettuali che compresero lucidamente la Questione Siciliana nella sua essenza di problema irrisolto dell’Autodeterminazione di un Popolo, spicca un già celebre giovane studioso, peraltro docente di storia delle Relazioni e dei Trattati internazionali all’Università di Catania. Era un trentenne coltissimo, poliglotta e molto metodico: Antonio Canepa.

In quella Sicilia in Rivolta per la sua sacrosanta Indipendenza, il COMPAGNO ANTONIO CANEPA FU L’UNICO VERO CAPO della RESISTENZA ANTI-FASCISTA (come capo politico-militare del micidiale “Gruppo Etna” e poi “comandante TOLU’ di Giustizia e Libertà” in missione al Nord) – IL COMPAGNO ANTONIO CANEPA FU UN VERO CAPO della RESISTENZA SICILIANA ANTI-COLONIALISTA (E’ IL COMANDANTE MARIO TURRI dell’EVIS).

Venne assassinato, in un agguato, a Randazzo. Era il 17 giugno del 1945. Il suo cadavere venne occultato dal Segreto di Stato per un decennio. La sua Memoria è tuttora oggetto di mascariamenti e depistaggi.

LA VERITA’ (OCCULTATA) SU CANEPA E’ LO SCANDALO PIU’ INAUDITO della STORIA SICILIANA degli ULTIMI 70 ANNI. L’EVIS NON ERA UN “ESERCITO” PER VINCERE UNA “GUERRA”. L’EVIS fu un “PARTITO ARMATO” PER VINCERE UNA PACE PIU’ GIUSTA, sul Cammino di una RiEvoluzione Socialista della Realtà Siciliana. Il “campo militare” dell’EVIS, a Cesarò, aveva anche la segnaletica stradale!.

L’EVIS –oltre ogni ragionevole dubbio- E’ LA CONTINUAZIONE –anche fisica- della RESISTENZA ANTIFASCISTA nell’ISOLA. QUELLA VERA. L’UNICA che abbia avuto un ruolo politico-militare. La rete partigiana di Canepa era radicata in profondità nell’Università di Catania…e contava anche sul gruppo trotskjsta “SICILIA ROSSA”, che uscì dalla clandestinità il PRIMO MAGGIO 1945.

L’EVIS –che nasce e muore con Canepa- non ebbe mai alcun “rapporto” con BANDE e BANDITI. Semmai ebbero scontri col banditismo. In uno di questi cadde il giovane Francesco Ilardi (sepolto poi al Sacrario di Catania, insieme al Comandante e ai suoi compagni). L’EVIS era formato in prevalenza da giovani studenti, artigiani e contadini. E si chiamavano “compagni”. Punto.

In ogni caso, l’EVIS –che nasce e muore con Canepa e col “compagno caporale” Carmelo Rosano- non ebbe nè avrebbe potuto avere alcun rapporto con la BANDA FERRERI-GIULIANO, tanto più che l’EVIS non ebbe mai nessuna base operativa in tutta la SICILIA OCCIDENTALE!. MAI. NESSUNA. PUNTO.

Nel caos di quegli anni, ben altri furono i referenti politici della banda Ferreri-Giuliano-> (Pisciotta al processo di Viterbo evoca Mattarella (padre) e l’OSS->CIA. Venne avvelenato col noto caffè di marca GLADIO).

“CANEPA DEVE MORIRE!”. CHI LO DISSE STAVA A ROMA. Era nel CLN “antifascista”. Fu uno dei tanti “regolamenti di conti” nel “mondo partigiano”, ma le pallottole sono quelle della nascente GLADIO: nel caos del primo DopoGuerra –in Sicilia- quella di Randazzo fu la STRAGE più cinica e politicamente criminale. E la meglio occultata.

In contrada Murazzu Ruttu di Randazzo, sull’Etna, il 17 Giugno del 1945, su ordine del governo “antifascista” di Roma, vennero trucidati in un agguato: il prof. compagno Antonio Canepa, fondatore dell’Esercito Volontario per l’Indipendenza della Sicilia, e i giovani compagni evisti Carmelo Rosano e Giuseppe Lo Giudice. Erano partigiani siciliani che avevano scelto la continuazione della lotta per la liberazione del Popolo siciliano e delle sue classi lavoratrici.

Quanto agli esecutori, tutto conduce ai “ricostituiti” Servizi segreti militari (SIM) che, dopo ”l’8 Settembre”, avevano già incorporato criminali nazifascisti come Ettore Messana, già specialista di “guerra sporca” in Slovenia, e “patrioti” della X Mas di Junio Valerio Borghese (che ritroveremo poi a Portella della Ginestra, il Primo Maggio 1947 –in una COVERT OPERATION attuata nelle nebbie mediatizzate dall’OSS-CIA e prodotte attraverso la falsa flag della Banda Ferreri-Giuliano, che, peraltro, a Portella, nel tragico Primo Maggio 1947, forse neanche sparò: le perizie balistiche vanno studiate!). E’ nata GLADIO.

I FALSI MITI vengono ancora riesumati contro CANEPA e l’EVIS, come cadaveri malseppelliti e senza pace. L’EVIS ha i suoi MARTIRI. I vari SALVATORE GIULIANO non stanno certo tra essi. Si legittimava –nel caos del primo DopoGuerra- la sofisticata rioccupazione italiana della Sicilia, anche in nome della “lotta al banditismo”, mentre i militanti indipendentisti venivano infangati di collusioni col banditismo –e con “la Mafia”-. Balle spaziali reiterate per 70 anni: un modo ipocrita e rozzo per infangarli anche nella Memoria.

Intanto continuano, quasi per inerzia: il silenzio assordante delle “Istituzioni” (ma anche dell’A.N.P.I. e di tutto il “partigianesimo” di marca CLN, peraltro omertoso, rituale e complice); la vigliaccheria del “mondo accademico” e la denigrazione che unisce in allegra compagnia l’asineria storiografica “de sinistra” e l’odio viscerale della letteratura “de destra”, con le ipocrisie dei sindacati tricolorati che offendono la Verità inscenando ogni dieci anni le loro scampagnate generali a Portella. La conquista di questa Verità è dovuta a tutto il Popolo Siciliano, e vede la SINISTRA SICILIANA (INDIPENDENTISTA) in prima linea da decenni, grazie al Cammino profetico di TerraeLiberAzione, erede biopolitica del partito trotskjsta indipendentista di “SICILIA ROSSA” del 1945.

Canepa1

Questa VERITA’ STORICA E POLITICA va riconquistata e difesa ogni giorno, oltre le NEBBIE, le PALUDI, i CAMPI MINATI dello SPETTACOLO COLONIALE che inscena la SICILIA italienata. Una STORIA VERA, che insegna tante cose, ma della quale -fin dal 1984- non siamo certo “prigionieri”.

Nel luglio del 1943 – con l’Operazione Husky – gli “Alleati” (sostenuti da una efficace Resistenza contro il nazifascismo) occupano la Sicilia. E’ la fine di un Regime, ma, come vedremo, non è quello per cui combatterono i Partigiani siciliani del Comandante Canepa.

Nel corso della seconda G.M. – l’immane Mattatoio in cui si risolve la “Crisi del 1929”- il 24 ottobre 1943, ben oltre la temporanea A.M.G.O.T., era nata la SICILY REGION 1 di Washington nel Mediterraneo, che permane come un “non detto”… sotto un Cielo popolato di aerei stranieri, droni assassini, santi che non funzionano e G7 in gita turistica. Per il Popolo Siciliano è un altro PASSATO che non passa, la cui comprensione non può prescindere dalla VERITA’ su CANEPA, il PARTIGIANO siciliano, il GRANDE DOCENTE di STORIA delle RELAZIONI e del DIRITTO INTERNAZIONALI, l’analista geopolitico che, in pieno “Regime”, studiò con Metodo anche l’Opera di TROTSKJI –tentandone in Sicilia la più clamorosa applicazione pratica: la TEORIA-PROGRAMMA della RIVOLUZIONE PERMANENTE nelle condizioni storico-sociali di un’Isola-Nazione sfruttata e oppressa da uno Stato neocoloniale.

L’EVIS fu il PARTITO ARMATO che LEGITTIMAVA –nella continuità della RESISTENZA ANTIFASCISTA- sul terreno dell’INDIPENDENTISMO POLITICO – il futuro di una SINISTRA SICILIANA autonoma sul piano ideologico, programmatico, organizzativo, operativo.

Certamente, con i suoi 100 ragazzi, il Professore Guerrigliero “Mario Turri” non voleva “fare la guerra all’Italia”, non era pazzo, né scemo. L’EVIS non fu neanche il “braccio armato” del MIS, che CANEPA conosceva bene. Semmai CANEPA “Mario Turri” offriva –in alternativa all’imbelle MIS e in buoni rapporti con la Lega Giovanile Separatista di Carcaci- un canale pratico alla LEGITTIMA DIFESA della GIOVENTU’ INDIPENDENTISTA perseguitata e tormentata dalle BELVE sbirresche di Aldisio, “Commissario” di ROMAfia Capitale. E va notato che l’apparato statale –in Sicilia più che altrove- rimase quello del Regime fascista.

In sintesi: l’agguato di Murazzu Ruttu, a RANDAZZO (17 giugno 1945) -> si configura come una STRAGE POLITICA di STATO -ordinata dagli “azionisti” del CLN ROMANO e realizzata da quella “GLADIO” che prendeva forma nel CAOS dell’immediato DopoGuerra. Nella logica della “controrivoluzione preventiva”.

La “democrazia”, in Sicilia, si presentò subito col suo peggior bigliettino da visita!.

Svanite nell’incedere della “Guerra Fredda” le illusioni del partigianesimo, quelle stesse FORZE MENTALI –ormai strutturate- colpirono il PRIMO MAGGIO del 1947 a PORTELLA delle GINESTRE. Questa Storia di Sangue siciliano e socialista agisce come un “non detto”, occultata con ferocia dallo Spettacolo coloniale della Sicilia italienata.

Quanto al mito del bandito separatista è una invenzione mediatica –ben costruita- dai servizi amerikani (e fatta propria –nel paradosso della Guerra Fredda, che celava la spartizione dell’Europa tra USA e Russia- dalla vulgata della sinistra coloniale tricolorata). Va detto che sulle montagne di Montelepre – nella più totale irrilevanza politica e del tutto identificabile in qualunque momento- vi era un piccolo gruppo di giovani rimasti intrappolati in una storia più grande di loro (ed esclusi dall’Amnistia che era stata concessa dal governo CLN, firmata dal ministro Togliatti, perfino a migliaia di noti criminali fascisti).

Questa balla coloniale del “separatismo banditesco e mafioso”, che agisce come un “non detto”, ha un antefatto occultato con ferocia dallo Spettacolo coloniale della Sicilia italienata: la STRAGE di RANDAZZO del 17 giugno 1945.

Questa mascariata continua tuttora: la prossima puntata verrà inscenata in diretta RAI, il Primo Maggio -> dal Teatro sindacal-coloniale della Sicilia italienata: in occasione del 70° della strage anti-siciliana di Portella delle Ginestre. Pazienza: “l’ideologia dominante è sempre l’ideologia delle classi dominanti” (Karl Marx). E la RiEvoluzione Siciliana non sarà una scampagnata, né un pranzo di gala.

ONORE AL COMPAGNO CANEPA!. IL PROFESSORE GUERRIGLIERO, L’INTELLETTUALE SOCIALE CHE CAPIVA IL MONDO E NE CONOSCEVA LE LINGUE, IL CAPO MILITARE E IDEOLOGICO della vera RESISTENZA SICILIANA.

L’EVIS –oltre ogni ragionevole dubbio- E’ LA CONTINUAZIONE -ANCHE FISICA- della RESISTENZA ANTIFASCISTA nell’ISOLA. QUELLA VERA. L’eliminazione di Canepa era certo inscritta nelle sue scelte politiche e culturali radicali, ma anche nella fama che lo avrebbe protetto nei decenni della prima Repubblica. Era una figura “ingombrante”, in un certo senso: “CANEPA DEVE MORIRE!”.

***

Nel luglio del 1943, la prima fase dell’Operazione Husky fu un disastro. Lo “Sbarco” in Sicily –che avvia la svolta nella seconda Guerra Mondiale- rischiò di perdersi nel vento e nel mare in tempesta che accolse gli Alleati “liberatori”, facendone fallire le “previsioni del tempo” più ottimistiche. Ma fu l’operazione aero-navale più gigantesca che si fosse mai vista nella storia militare. Comincia l’Epoca che vede la Guerra tra gli Umani prendersi il Cielo cacciandone gli Dei.

La situazione siciliana è ben nota agli “Alleati”: il Regime del Duce –per sua stessa ammissione- non vi ha alcun vero “Consenso”. E la Resistenza partigiana –diretta da un inafferrabile Professore- vi ha attuato una serie di Azioni tutt’altro che simboliche.

L’Isola contesa è sinteticamente descritta con anomala simpatia nella “Guida del Soldato”, diffusa in inglese dal comando Alleato in 450.000 copie in preparazione dell’Operazione Husky:

“Invasori e dominatori vi si sono succeduti in tutte le epoche…e infine gli italiani hanno dominato l’isola”.

“La Sicilia è l’isola più grande del Mediterraneo –ha più o meno le dimensioni del Galles. Ma la sua importanza dipende dalla sua posizione…e dalla sua dozzina di campi di aviazione… a due-tre ore da Roma, quattro da Milano…più vicini di quanto non siamo mai stati…proprio in Sicilia c’è il Quartier Generale del Maresciallo dell’Aria Kesserling…Inoltre, essa offrirebbe alla nostra flotta le basi di Siracusa, Augusta, Catania, Palermo, Trapani e Marsala…”.

La Sicilia è cruciale: fino ad ora, circumnavigando l’intera Africa, “siamo stati costretti a mandare le nostre navi per 12.000 miglia attorno al Capo di Buona Speranza”.

Migliaia di siculo-americani partecipano all’Operazione Husky – ed appaiono ormai patetici tanto il negazionismo quanto la sopravalutazione del ruolo di Cosa Nostra, partito etnico armato dell’emigrazione siciliana negli USA- che fece la sua parte. Chi non capisce la società americana, animando cieche tifoserie storiografiche, non capirà mai nulla di niente. Punto.

La Sicilia –a prescindere- è in ciclica Rivolta per la sua sacrosanta Indipendenza. Nel 1860 venne annessa da Londra al regnucolo piemontese nel caos colorato della falsa flag garibaldesca. E’ una colonia sfruttata, oppressa e repressa in tutti i suoi tentativi di emancipazione economica e civile. Il suo ascensore sociale è gestito in funzione della sottomissione a ROMAFIA CAPITALE: carriere e privilegi per una ristretta borghesia tricolorata; e repressione antipopolare sistemica, che usa la leva obbligatoria e l’emigrazione coatta come regolatori del metabolismo sociale.

Il “riformismo fascista” non va oltre un debole e tardivo tentativo di riordino fondiario, nella retorica, a suo modo “sicilianista”, di un’Isola “centro dell’Impero”, mentre rastrellava i paesi di montagna nelle nebbie di una strombazzata “lotta alla mafia”. Per sua stessa ammissione il Regime non ebbe mai il Consenso dei Siciliani. Ma all’Opposizione non v’era affatto quella Sicilia “arretrata, feudale, irredimibile”, peraltro mai esistita, che verrà descritta poi anche nella retorica di una certa Sinistra tricolorata e coloniale, subalterna e cieca, che si vendeva al “capitalismo di stato”, mentre delirava di “lotta al feudalesimo”…fino agli anni Settanta!.

Il Futuro è di chi saprà alzare uno sguardo critico e solidale sulle cose della vita e del mondo. Quel Mondo al quale il compagno Canepa guardava con straordinaria capacità scientifica vivendo la sua Vita come una battaglia e la sua Morte come un’avventura.

“La Sicilia di domani sarà quale noi la vogliamo: pacifica, laboriosa, ricca, felice, senza tiranni e senza sfruttatori”. La Sicilia che vogliamo saprà difendere i propri interessi con fermezza, sviluppando rapporti fraterni con tutti i popoli del mondo. Noi siamo “indipendentisti”, non “separatisti”; è la Sicilia coloniale di oggi ad essere “separata” dal resto del mondo. L’indipendenza la renderà “unita” al novero dei Paesi liberi. Ma “guai a chi tradisce: il Passato sarà dimenticato, non l’Avvenire”. (Canepa, “La Sicilia ai Siciliani!”, Catania 1942).

@La Comunità Siciliana “TerraeLiberAzione”.

bannerfrasi-1

Una Questione Privata

Chi era il partigiano Canepa?

Appena trentenne, Antonio Canepa era un brillante studioso di geopolitica e docente di diritto internazionale: molto metodico ed esaustivo nell’esposizione della sua materia, dialogante ma riservato nel gestire le sue relazioni, sicuro di sé, sempre gentile, diventava socievole e spesso sinteticamente scherzoso con le singole persone: “lasciando intendere”, ma rivelando sempre nulla, li lasciava dire… Un gioco di specchi di cui controllava ogni riflesso. Per strada camminava spesso da solo, disinvolto e distinto: un trentenne di Intelligenza verticale, poliglotta e autore di studi specialistici ma anche di acute riflessioni geopolitiche sul Grande Gioco britannico “visto da Mosca”, conoscitore profondo delle dinamiche che travagliavano la Russia sovietica… Uno capace. Di tutto!. La sua RESISTENZA era vissuta anche come una Questione Privata, una SFIDA r/esistenziale con sé stesso. “Aveva Tutto”, e lo rischiava ogni giorno: per una Idea di Libertà, inquieta, ma calcolata.

A Berlino lo chiamavano “Herr Professor”. A Londra era un Fantasma “svizzero” con passaporto falso Made in Catania fabbricato dal “compagno Eugenio” (D’Arrigo, artista cesellatore, ma anche abile falsario già coinvolto nel processo Ciulla: “stampiamo soldi per i poveri!”).

Il Professore viaggiava, forte del suo titolo accademico e di una immane rete di relazioni, che lo vedeva recensito scientificamente perfino sulla rivista elitaria delle SS a Berlino, per l’invidia del pluralismo fascista accademico, che lui irrideva con sofisticato rigore filologico: di tutto, di più (il “Totalitarismo”, a quei livelli, in un certo senso era una balla di…Regime!).

Nel suo peregrinare in una Europa avviata all’implosione, seminava Idee criptate, il nostro Professore, ma anche figli. A Firenze ne ebbe uno con Clelia Rosati, di cui era innamoratissimo. La “compagna Clelia”, la futura comandante partigiana e icona della Resistenza toscana: il piccolo lo chiamarono Antonio Canepa Junior (negli anni Ottanta fu eletto deputato del PSI in Liguria: socialista inquieto e disperato, morì di overdose a Montecitorio: mi è stato detto che Bettino lo pianse una notte intera).

Herr Professor  “giocava carte” –quasi certamente- anche come Jean Soredan… E’ certo invece che –nella Resistenza partigiana- in Abruzzo, sulla Maiella, divenne il “comandante Tolù”, e che in Sicilia era già il comandante Mario Turri fin dall’inverno 1940.

canepa tessera

Un geroglifico avvolto in un mistero?. No, un PARTIGIANO VERO, di lungo corso, fin dal tentato golpe antifascista “dimostrativo” a San Marino nel 1933: venne arrestato e chiuso in manicomio, ma ne uscì, salvato da amici e parenti potenti (anche in Vaticano). La sua Intelligenza fece il resto, avviandolo a una carriera universitaria che lo vedrà –prima dell’approdo alla cattedra catanese- ben presto a Palermo (ad animare un criptico centro studi sull’Oriente, che peraltro gli permette di sviluppare conoscenza diretta della Realtà sovietica).

Questa sua Intelligenza camminava da almeno un decennio accompagnata e inseguita da una inquietudine lucida e tranquilla. Ora tra corridoi vocianti delle università e dimore cariche di inutili libri nell’insofferenza borghese contro il “Regime”; ora muovendosi tra i quartieri operosi che covano rabbia popolare e infine tra i sentieri contadini etnei che si perdono tra lave e ginestre, restituendo la Pace del Tempo, quello che scorre ammatula nell’impotenza del vivere quotidiano. Animato da una Idea radicale di Libertà, costruisce il suo Tempo vivendo l’Amore per Donne difficili e la Passione per le Scienze più difficili: le Scienze Politiche. (…)

***

Catania. Inverno dell’anno 1940. Il giovane Professore, in sofisticata clandestinità, crea il “Gruppo Etna” della RESISTENZA siciliana contro il nazifascismo e il colonialismo italiano. I molti nuclei del “Gruppo Etna” agivano in autonomia, ma collegati da Canepa-Turri alla rete di “Giustizia e Libertà” sostenuta da Londra. Peraltro Canepa, Oltre Manica, era ben noto, ma non era un “agente inglese” (abbiamo anche chiesto agli “Archivi britannici”: “era un riferimento noto, ma come organico non c’è”).

E’ un lavorìo metodico, il suo: molto maturato e dissimulato, prudente e selettivo, tanto sofisticato, quanto concreto. All’inizio del 1942 –nel Gruppo Etna- erano un centinaio, articolati in una rete di nuclei di 3-4 che quasi mai erano a conoscenza gli uni degli altri. Sappiamo che una decina di giovani attivisti battevano e ribattevano a macchina, su cartacarbone, un documento politico intitolato: “Ventanni di malgoverno fascista”. Era un capitolo de “La SICILIA ai SICILIANI!”, il manifesto politico della FASE 2. Che era già stata concepita dall’inafferrabile “Mario Turri”, già ricercato dall’OVRA, la polizia politica fascista.

Dentro la Resistenza al “Regime” stava nascendo l’EVIS. L’Esercito dei Volontari per l’Indipendenza della Sicilia. A parte il prof. Matteo Gaudioso e il prof. Petroncelli –che sarà Rettore dell’Università catanese nominato dall’AMGOT (col sostegno di Canepa)- quasi nessuno conosce la vera identità di “Mario Turri”. Quasi Nessuno, ma è un INTOCCABILE -> dal Vaticano a Berlino, da Londra a Roma. Si muove nelle Terre di Mezzo, ma non lascia tracce: parla con tutti, ascolta. E viene ascoltato. Quello che dice o non dice, e perché lo dice, resterà un mistero.

Sta organizzando il Gruppo Etna, che non è un circolo culturale di cospiratori onirici. Se il “compagno Eugenio” (D’Arrigo) –mastro cesellatore, già coinvolto nel processo Ciulla: “stampiamo soldi per i poveri!”- fabbrica documenti falsi per Uomini veri, non mancano minatori esperti in esplosivi, né contadini-cacciatori, mappe viventi del territorio. E c’è il giovane “compagno caporale” Carmelo Rosano, futuro vicecomandante dell’EVIS (…). E’ la luce dei suoi occhi.

E siamo alla vigilia dell’Operazione Husky (un Inferno lungo 38 giorni: 10 luglio-17 agosto 1943) –che cambierà le sorti della Guerra Mondiale. Il Gruppo Etna distrugge l’aviazione germanica posizionata all’aeroporto di Gerbini, nella piana di Catania. Il 7 luglio viene sabotato anche il treno armato denominato “Gruppo Mondiale n°4” nella stazione ferroviaria di Catania. Un altro treno militare viene fatto deragliare a Ramondetta (Messina). Ma non furono le uniche azioni “ferroviarie”- (La guerra è la guerra: dell’azione più devastante, sebbene del tutto legittima, preferiamo tuttora non parlare; né facciamo sconti ai bombardamenti terroristici degli “Alleati”). Ci serve la VERITA’. Tutta.

Nella notte del 9-10 luglio 1943 la cruciale difesa militare di Augusta viene “neutralizzata” dai commandos patriottici del Professore, forse col supporto di partigiani radicati a Lentini (un summit regionale della Resistenza vi si svolse approfittando della confusione della Festa di Sant’Alfio).

Il 4 agosto del 1943 –giunti a Catania, dopo la cruciale Battaglia del Simeto (dal Ponte di Primosole a Sferro-Gerbini)- i Britannici cercano una sola persona: il prof. Canepa (presso la villa del prof. Petroncelli, a piazza “Borgo”).

Lo convincono ad assumere il comando della Resistenza sulla Maiella, in Abruzzo. Poi si trasferirà a Firenze, partecipando all’insurrezione, fondandovi un giornale e un piccolo “Partito del Lavoratori”: viene arrestato e condannato –sentenza lieve e assai formale, ma politicamente chiara- da un Tribunale Militare Alleato, sollecitato dal CLN. Non se ne fa un problema.

E’ OTTOBRE 1944. Rientra in Sicilia e trasforma il Gruppo Etna in EVIS, avviando la pubblicazione del giornale “SICILIA INDIPENDENTE”.

L’EVIS NON FU IL “BRACCIO ARMATO” del MIS –al di là di un paio di comunicatini criptati nella reciproca “strumentalizzazione”-. L’EVIS ERA UN “PARTITO ARMATO”, la cui vera STRATEGIA era nota forse solo a CANEPA e al giovane e brillante “compagno caporale Carmelo”: ROSANO. (…)

Nello scenario euro-mediterraneo della devastante crisi mondiale degli anni Quaranta, quello del trentenne Professore Guerrigliero è un tentativo –certo prematuro, ma profetico- di insediare una FORZA di LIBERAZIONE anticoloniale e sociale… Canepa non riponeva speranze in soluzioni della Questione siciliana alla Società delle Nazioni (ed era, peraltro, tra i massimi specialisti di Diritto internazionale in Europa).

L’EVIS NON ERA UN “ESERCITO” PER VINCERE UNA “GUERRA”. L’EVIS fu un “PARTITO ARMATO” PER VINCERE UNA PACE PIU’ GIUSTA, sul Cammino di una RiEvoluzione Socialista della Realtà Siciliana. Il “campo militare” dell’EVIS, a Cesarò, aveva anche la segnaletica stradale!.

L’EVIS –oltre ogni ragionevole dubbio- E’ LA CONTINUAZIONE –anche fisica- della RESISTENZA ANTIFASCISTA nell’ISOLA. QUELLA VERA.

La rete partigiana di Canepa era radicata in profondità nell’Università di Catania…e contava anche sul gruppo trotskjista “SICILIA ROSSA”, che uscì dalla clandestinità il PRIMO MAGGIO 1945- (E’ il Partito Social-Comunista Siciliano –Sicilia Rossa: animato da Natale Turco, che, appena espulso dal FNS filo NATO – nel 1985 diventa il Grande Vecchio nella fondazione di TerraeLiberAzione -> che era già nata da una uscita organizzata da Democrazia Proletaria, su posizioni anticolonialiste -ndr).

E’ utile ricordare che dall’inizio del 1944 l’attività dei partiti era ormai libera (con l’eccezione degli indipendentisti, che subivano una feroce repressione a tutti i livelli: anche con sequestri di persona di alti dirigenti, chiusura di sedi e giornali, intimidazioni perfino alle madri dei giovani militanti…). E l’EVIS –che fu un PARTITO ARMATO- era dunque anche un rifugio per la LEGITTIMA DIFESA dei giovani indipendentisti.

 “CANEPA DEVE MORIRE!”. CHI LO DISSE STAVA A ROMA. Era nel CLN “antifascista”. Fu uno dei tanti “regolamenti di conti” nel “mondo partigiano”, ma le pallottole sono quelle della nascente GLADIO: nel caos del primo DopoGuerra –in Sicilia- quella di Murazzu Ruttu a Randazzo (17 giugno 1945) fu la STRAGE più cinica e politicamente criminale. E la meglio occultata.

L’EVIS non ebbe mai alcun “rapporto” con BANDE e BANDITI. Era formato in prevalenza da giovani studenti, artigiani e contadini. Semmai ebbero scontri col banditismo. In uno di questi cadde il giovane Francesco Ilardi (sepolto poi al Sacrario di Catania, insieme al Comandante e ai suoi compagni).

In ogni caso, l’EVIS –che nasce e muore con Canepa e Rosano- non ebbe nè avrebbe potuto avere alcun rapporto con la BANDA FERRERI-GIULIANO, tanto più che l’EVIS non ebbe mai nessuna base operativa in tutta la SICILIA OCCIDENTALE. MAI. NESSUNA. PUNTO.

Nel caos di quegli anni, ben altri furono i referenti politici della banda Ferreri-Giuliano-> (Pisciotta al processo di Viterbo evoca Mattarella e l’OSS->CIA. Venne avvelenato col noto caffè di marca GLADIO).

***

Nel corso della seconda G.M. – l’immane Mattatoio in cui si risolve la “Crisi del 1929”- il 24 ottobre 1943, ben oltre la temporanea A.M.G.O.T., era nata la SICILY REGION 1 di Washington nel Mediterraneo, che permane come un “non detto”… sotto un Cielo popolato di aerei stranieri, droni assassini e santi che non funzionano. Per il Popolo Siciliano è un altro PASSATO che non passa, la cui comprensione non può prescindere dalla VERITA’ su CANEPA, il PARTIGIANO siciliano, il GRANDE DOCENTE di STORIA delle RELAZIONI e del DIRITTO INTERNAZIONALI, l’analista geopolitico che, in pieno “Regime”, studiò con Metodo anche l’Opera di TROTSKJI –tentandone in Sicilia la più clamorosa applicazione pratica: la TEORIA-PROGRAMMA della RIVOLUZIONE PERMANENTE nelle condizioni storico-sociali di un’Isola-Nazione sfruttata e oppressa da uno Stato neocoloniale.

L’EVIS fu il PARTITO ARMATO che LEGITTIMAVA –nella continuità della RESISTENZA ANTIFASCISTA- sul terreno dell’INDIPENDENTISMO POLITICO – il futuro di una SINISTRA SICILIANA autonoma sul piano ideologico, programmatico, organizzativo, operativo. In ogni caso, l’EVIS nasce e muore con Canepa e Rosano. Dopo c’è altro: dal generoso GRIS del buon Concetto Gallo che si distinse, nel dicembre 1945, in quella battaglia di Monte San Mauro (Caltagirone) contro l’ESERCITO ITALIANO che accelerò la “concessione” dello Statuto, fino al successivo caos delle false flag banditesche che coprivano un PLOTONE d’ESECUZIONE di GLADIO (e che Canepa avrebbe affrontato col mitra in mano!). Concetto Gallo venne eletto all’Assemblea Costituente nel MIS: è un Padre della Repubblica!. Altro che “banditi mafiosi-separatisti”, come li descrive una storiografia tricolorata drogata di piccioli accademici, politicamente infame e culturalmente vigliacca.

Certamente, con i suoi 100 ragazzi, il Professore Guerrigliero “Mario Turri” non voleva fare guerra all’Italia, non era pazzo, né scemo. L’EVIS non fu neanche il “braccio armato” del MIS, che CANEPA conosceva bene. Semmai CANEPA “Mario Turri” offriva –in alternativa all’imbelle MIS e in buoni rapporti con la Lega Giovanile Separatista di Carcaci- un canale pratico alla LEGITTIMA DIFESA della GIOVENTU’ INDIPENDENTISTA perseguitata e tormentata dalle BELVE sbirresche di Aldisio, “Commissario” di ROMAfia Capitale.

L’11 febbraio 1944, il governo della Sicilia venne trasferito dall’A.M.G.O.T. –l’Amministrazione Militare dei Territori Occupati- al “Regno del Sud”, guidato dal governo Badoglio. L’Alto Commissariato civile per la Sicilia viene istituito formalmente con il regio decreto legge del 18 marzo 1944, n. 91.

La sbirraglia fascista in Sicilia aveva solo cambiato uniforme e mandante. Ora c’era il debole CLN, in particolare la “sbarcata” corrente azionista, quella di PARRI, quella di “Giustizia e Libertà”, la stessa del Canepa partigiano: i casi della Vita e… della Morte”!. Quel CLN col quale mantiene razionali rapporti diplomatici, confermati de facto dal non appoggio tattico alla rivolta del “NON SI PARTE!” nel dicembre 1944 – che vide insorgere i giovani siciliani contro il “richiamo al fronte”: “né aderire, né sabotare!”. Cosiccome, nell’aprile 1945, “Mario Turri” non avallò – da specialista di Relazioni internazionali!- le speranze illusorie che Finocchiaro Aprile riponeva sulla Conferenza di San Francisco alla quale il MIS inviò un generico Memorandum per l’Indipendenza della Sicilia. (Da quella conferenza dei Vincitori della seconda G.M. venne prodotta, a fine giugno, la Carta delle Nazioni Unite: per la cronaca, Canepa sarebbe stato ammazzato pochi giorni prima).

E’ una pagina da scrivere, e la stiamo scrivendo: purtroppo col sangue dei MARTIRI di RANDAZZO.

Neanche Finocchiaro Aprile, leader del MIS, li volle Ricordare ad appena un mese dall’Eccidio, quando, intervistato da un grande quotidiano romano, a precisa domanda sull’EVIS liquida la questione come “problema, comunque di pochi estremisti”…, senza un solo cenno alla strage politica di Randazzo e al Professore Canepa. Non mancava a lui il modo di ricordarne il sacrificio senza sovraesporsi oltre la comprensibile prudenza, a Trattativa segreta ormai avviata con Roma (Statuto “speciale”), dopo l’arresto e il confino a Ponza. Ebbe paura, nulla di più: era un galantuomo, un onesto massone liberale, poi eletto all’Assemblea Costituente – fece quello che poteva fare: un Padre della Repubblica che contribuì non solo alla “concessione” dello Statuto, ma anche a imporre il modello regionalista alla nuova Forma-Stato. Rifiutò anche la carica di senatore a vita!. Punto.

L’eliminazione di Canepa era certo inscritta nelle sue scelte politiche e culturali radicali, ma anche nella fama che lo avrebbe protetto nei decenni della prima Repubblica. Era una figura “ingombrante”, in un certo senso “dovevano ammazzarlo”. LA SUA UCCISIONE -PER DISSANGUAMENTO in ospedale, dopo ore di agonia (e poi l’occultamento con Segreto di Stato della sua stessa tomba per un decennio!)- FECE COMODO a tanti. Tanto più che l’EVIS, in quanto PARTITO POLITICO, NASCE e MUORE con CANEPA e ROSANO il 17 GIUGNO 1945. Altro che banditi!. Quanto a Canepa è indicativo che non morì in contrada Murazzu Ruttu, ma venne assassinato in ospedale: nessuna autopsia. I corpi degli evisti vennero occultati in tombe anonime coperte dal Segreto di Stato per quasi un decennio, prima di essere traslati nel SACRARIO di viale degli uomini illustri al cimitero monumentale di Catania. Ed è qui che li ricordiamo ogni anno, il 17 Giugno, chiamandone l’appello: PRESENTI!. Antonio Canepa aveva 37 anni. Carmelo Rosano, 22 anni. Giuseppe Lo Giudice, 18. E il compagno Francesco Ilardi, 19 anni, ucciso un mese dopo nei boschi delle Caronìe, in uno scontro a fuoco con banditi che rapinavano i contadini spacciandosi per combattenti dell’EVIS. La mascariata era cominciata. A Monte Soro. E continua tuttora.

@25 aprile 2017. Mario Di Mauro-Fondatore di TerraeLiberAzione.

GRAZIE A SALVO BARBAGALLO, per tutto quello che mi ha dato. Ne faccio Tesoro!.

barbagallo libro

A determinare il Clima della Terra è il Lavoro della Natura: la nostra posizione nella Galassia, i mutamenti nelle emissioni solari, le variazioni cicliche più piccole nell’orbita terrestre, le correnti oceaniche, l’attività dei Vulcani… La Questione Energetica è la Grandemadre di tutte la battaglie: forza motrice e polvere da sparo costruiscono gli Imperi moderni…

Che il “fossile” inquini è sicuro. Ma, in verità, nel caotico regime climatico del capitalismo globale, non possono esistere neanche “energie pulite”: non per chissà quale congenita cattiveria, ma proprio perchè gli attuali rapporti di produzione trasformano qualunque forza produttiva in una macchina di profitti e di conflitti. Ogni kilowatt di energia si traduce in controllo sociale. E la Contesa globale si misura su milioni di megawatt, gigawatt, terawatt… La “fonte” è indifferente. E’ il più tragico problema irrisolto dello Sviluppo Umano. La Grandemadre di tutte le battaglie: il Cubo di Rubik, l’Equazione strategica, di un Futuro che è già cominciato, sul canovaccio invariante che caratterizza l’Epoca dell’Imperialismo e delle sue Guerre, delle sue Forze mentali e del suo Spettacolo globale. Per quanti cambiamenti di quinte la Regia di turno possa inventarsi, invarianti restano la scena tragica e la posta in gioco: forza motrice e polvere da sparo.

INTERFERENZE  1 copertinaINTERFERENZE monografico

Ieri il nostro amico Costa (Siciliani Liberi) che si vuole alleare con Salvini &C. contro l’immaginaria “invasione di migranti”. Oggi i nostri amici dei “centri-sociali”, che devono “contestare” Salvini.

Salvini è solo un “pagliaccio mediatico” delle massomafie padane. E’ usato anche da politicanti carrieristi della sicilietta italienata. Il problema vero, semmai, è chi lo ha invitato: “i mercenari sono il nemico, non i pagliacci mediatici”.

“Contestatelo” pure, ma gli state facendo pubblicità aggratis. E poi lo votano!.

Siete persi. Tutti.

Intanto la SICILIA è saccheggiata e svuotata 24h. Guardate troppa tv colonialista, siete prigionieri dello SPETTACOLO coloniale. Abbiamo altro da FARE!.

SICILIA INDIPENDENTE E SMILITARIZZATA!.

In Cammino per la Ri-Evoluzione Socialista del Popolo Siciliano!.

IL PRIMO MAGGIO, Tutti a LENTINI!.

@TERRAELIBERAZIONE. (Tom Mancuso)

banner-destino

copterra-1-2017terraeliberazione-n°1/2017

armicci lentini

lenin“CHI SI FIDA DELLE ETICHETTE E’ PERSO!” – LENIN

nuara-2

banner-migranti

terradicembre2016terraeliberazionedicembre2016

LA C.E.M. -COERCIVE ENGINEERED MIGRATION- non è un complotto, ma la REALTA’ storica e attuale della SICILIA ITALIENATA. Emigrare per necessità indotta da un’ISOLA del TESORO non è “NORMALE”. La C.E.M. è il meccanismo meglio occultato dello SPETTACOLO COLONIALE che imprigiona la SICILIA ITALIENATA.

C.E.M.-1° CICLO. Lo “Stato d’Assedio” che sigilla la sanguinaria repressione dei Fasci dei Lavoratori si risolve, nel decennio lungo a cavallo del 1900, nell’emigrazione di un milione di Siciliani (su 3 milioni e mezzo di abitanti). Le navi transoceaniche caricano le loro “Tonnellate Umane” di Terroni. Un dissanguamento pianificato: lotta di classe al contrario. Le loro RIMESSE in valuta pregiata risolvono definitivamente –all’inizio del ‘900!– la “crisi del debito” italiana che si trascinava fin dal “debito piemontese”, tamponato col saccheggio delle Due Sicilie, e rilanciato in forme occulte con la speculazione ferroviaria e pseudo-industriale che determina la vera accumulazione originaria del capitale massomafioso tosco-padano.

ROMAFIA CAPITALE regola il TRAFFICO. I suoi GOVERNI sono essenzialmente COMITATI d’AFFARI delle MASSOMAFIE TOSCO-PADANE. Nella gabbia “SUD” dello Stato-Nazione risorgimentato, una accumulazione capitalistica “originaria” di sviluppo vasto e autocentrato è possibile solo in forme criminali e soggette ad esproprio statale. L’ Italia –come formazione storico-sociale unitaria– non esiste. Ci sono due NAZIONI (oltre a due Isole-Nazione: Sicilia e Sardegna). Comunque la si pensi, negarlo è da banditi (o cretini).

C.E.M.-2° CICLO. Nel decennio lungo, a cavallo del 1970, un milione e mezzo di Siciliani (su 4 milioni e mezzo) vengono deportati sui “Treni del Sole”, nel “Triangolo” padano e nell’Europa renana…Tanto la prima, quanto la seconda ondata, con le imponenti “rimesse” del nostro PROLETARIATO ESTERNO (e perfino in carbone per lo sviluppo padano!), finanziarono, per taglieggiamento nei cambi, lo Stato “Uno e Fatto”, ma anche il relativo sviluppo economico e civile dei paesi e città della nostra Isola. Quei paesi e città in cui rileviamo oggi -in questo terzo ciclo CEM che studiamo dal 1995- ben 913.000 case vuote (1/4 in avanzante stato di degrado). Quelle case costituiscono un immane e muto monumento alla CEM. Facciamole “parlare”.

La SICILIA ITALIENATA:

–un Mercato protetto per il consumo di merci padane (al 100% quando c’erano!).

– una Fabbrica di Figli per la C.E.M. -COERCIVE ENGINEERED MIGRATION.

– una Riserva indiana il cui Ascensore sociale è regolarmente presidiato da una borghesia mercenaria kitsch e parassitaria che si riproduce, ai piani alti, nelle serre accademiche e massoniche.

– un’Isola del Tesoro per una Compagnia delle Indie di gruppi grandi e medi dell’Imperialismo italiano ed europeo -in particolare a trazione energetica, alimentare, bancaria, sorvolando sulla ristrutturazione globale che ha “delocalizzato” in Asia e altrove la grande manifattura industriale: ma gli elettrodomestici e le auto –nei Trenta Gloriosi del “Miracolo” italiano– le hanno vendute e fatte fare “a casa loro”- anche a noi Terroni.

NOI SICILIANI sconfitti da una STORIA che sconosciamo, SIAMO CONDANNATI a ripercorrerla all’infinito. E’ il circolo vizioso della dipendenza-occultato nelle nebbie dello SPETTACOLO coloniale, che inscena perfino l’odio contro i migranti di pelle B. Siamo tutti sfruttati e oppressi, giocati in concorrenza dall’imperialismo nordico che è senile e sterile!. E il MEDITERRANEO, oltre il demenziale MURO sull’ACQUA, è libero pascolo per le bande imperialiste nordiche e le loro mafie più o meno legalizzate.

***

Premesso che siamo antimperialisti e contro lo sradicamento dei popoli. E sosteniamo da decenni movimenti di liberazione e di sviluppo, anche in Africa. E tanto basta.

MA DOVE LA VEDONO QUESTA “INVASIONE” della SICILIA?. IN TV!.
LA POPOLAZIONE SICILIANA “ANNASPA” INTORNO AI 5 MILIONI DI RESIDENTI.

La componente immigrata extra-UE non raggiunge le 100.000 unità, pari al 2% della popolazione, ed è formata per un terzo da comunità storiche, come quelle tunisina e marocchina, che vanno considerate siciliane a tutti gli effetti. La componente europea (UE) più grande è quella rumena (51.000) seguita da quella polacca (5000), e comprende anche 1300 bulgari e 1600 tedeschi. In Sicilia sono residenti anche 1200 europei russi e appena 7.640 cinesi, meno che in un quartiere di Milano o Amburgo. Troppo pochi.

“GLI IMMIGRATI SALVANO ANCHE IL PICCOLO COMMERCIO POPOLARE”. L’ultimo rapporto “Territorio” (Settembre 2015) di Confartigianato-Sicilia rileva che su 76.581 imprese iscritte nel registro delle Camere di Commercio ben 27.238 sono di immigrati: oltre alle piccole botteghe etniche, all’ambulantato regolare e agli ottimi store cinesi, si coglie anche l’emergere di mestieri a rischio estinzione come il falegname e il “riparatore”. L’iscr. alla Camera di Commercio è anche un buon viatico per facilitare l’inserimento sociale, molto usato dai ghanesi e dai senegalesi. Il dato 2015 segna anche un boom (+5000) rispetto a quello dello scorso anno. Circa metà delle imprese sono nelle città metropolitane di Palermo e Catania, e servono provvidenzialmente tante famiglie (siciliane e non) in difficoltà. Tutti i commentatori avveduti sottolineano un dato: gli immigrati hanno più voglia e forza di lavorare, e meritano rispetto e gratitudine.

LA “FABBRICA DI FIGLI” DIVENTA UN’ISOLA DI VECCHI, SEMPRE PIU’ POVERI. In soli 12 anni=mezza Generazione, l’indice di vecchiaia è cresciuto in % di 32 punti!. La progressione, sulla base dei dati disaggregati che abbiamo studiato, è rallentata SOLO dalla resistenza delle comunità immigrate, specie quelle del tutto integrate, mentre sostanzialmente la sola metropoli catanese sta reggendo (e non solo sul piano demografico). Troppo poco. La tendenza all’invecchiamento è inarrestabile. Un’Isola di Vecchi…Siamo al “modello giapponese”, senza la Toyota, al massimo ci potremo permettere una Yakuza!. La “Fabbrica di Figli” produceva per l’Export in Padania, Belgio, Germania… A breve, esaurito l’attuale ciclo di emigrazione, l’offerta siciliana “di massa” andrà fuorimercato!.

ISTAT-SICILIA/Indice di vecchiaia (valori percentuali) – al 1° gennaio 2002-2013

99,2 101,7 104,4 107,7 111,2 114 134,2 137,6 116,6 118,8 120,7 123,1 127 131